HOME

/

NORME

/

GIURISPRUDENZA

/

CONTRIBUTO DI SOLIDARIETÀ LEGITTIMO: LE MOTIVAZIONI DELLA SENTENZA DELLA CORTE

1 minuto, Redazione , 14/07/2016

Contributo di solidarietà legittimo: le motivazioni della sentenza della Corte

E’ stata depositata ieri 13 luglio la sentenza della Corte costituzionale che si è espressa sulla legittimità del contributo di solidarietà sulle pensioni d’oro : ecco la motivazione e il testo integrale della sentenza

Il contributo di solidarietà sul quale si è espresso la Corte Costituzionale con la sentenza n. 173 depositata il 13 luglio 2016, si applica per il triennio 2014-2016 sulle pensioni superiori da 14 a oltre 30 volte il trattamento minimo Inps. Il contributo è stato introdotto dall’art. 1, comma 486 della legge n. 147 del 2013.

La Corte ha ritenuto il contributo legittimo per i seguenti motivi:

  • Il contributo di solidarietà previsto per gli anni 2014-2016 non ha natura tributaria come invece il precedente  contributo di solidarietà previsto per  anni 2011-2012 che è stato dichiarato illegittimo. Il contributo infatti non viene acquisito allo Stato né destinato alla fiscalità generale, ma viene prelevato in via diretta dall’INPS e dagli altri enti previdenziali coinvolti per destinarlo a finalità solidaristiche endo-previdenziali, anche per quanto attiene ai trattamenti dei soggetti cosiddetti “esodati”.

La corte ha ritenuto che il prelievo ha superato l’esame della costituzionalità in quanto:

  • si configura come misura improntata effettivamente alla solidarietà previdenziale (artt. 2 e 38 Cost.)
  • opera all’interno del complessivo sistema della previdenza;
  • è imposto dalla crisi contingente e grave del sistema previdenziale;
  • incide sulle pensioni più elevate
  • si presenta come prelievo sostenibile
  • rispetta il principio di proporzionalità
  • è misura una tantum», nel senso che «non può essere ripetitivo e tradursi in un meccanismo di alimentazione del sistema previdenziale».

In allegato il testo integrale della sentenza-

Allegato

Sentenza Corte Costituzionale Pensioni d'oro

Tag: GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA PENSIONI: QUOTA 100 E NOVITÀ 2022 PENSIONI: QUOTA 100 E NOVITÀ 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

Miky - 14/07/2016

Noi cittadini, non abbiamo proprio nessuno che ci difenda. La cosa più ridicola è che il prelievo è legittimato perchè "una tantum"; ma se un anno lo Stato mi preleva 1000 euro con una scusa, l'anno dopo con un'altra, l'anno dopo con un'altra ancora (che a lor signori la fantasia non manca proprio), sono tutti contributi "una tantum" ma per me diventano "semper", perchè SEMPRE con una motivazione diversa vengono a batter cassa. Ci deve essere un LIMITE.

ALESSANDRO CAVAZZANI - 14/07/2016

"è imposto dalla crisi contingente e grave del sistema previdenziale" La previdenza dei dipendenti privata è attiva; è stata la Fornero ad inserire in Inps l'INPDAP con un buco di oltre 10€ md. Sentenza bugiarda!

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

GIURISPRUDENZA · 29/06/2021 Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Licenziamento ritorsivo e soppressione del posto di lavoro

Dichiarato illegittimo il licenziamento di una lavoratrice per GMO se è falsa l'esternalizzazione del posto - Cassazione 13871 2021

Prestazioni di servizi e Iva: fatturazione all'incasso o all'effettuazione dell'operazione

La Cassazione, tornando sul momento della fatturazione e dell’esigibilità dell’IVA nella prestazione di servizi, conferma che si sta consolidando un nuovo orientamento sul tema

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.