IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 08/07/2016

La rideterminazione della partecipazione nell'assegnazione agevolata

Tempo di lettura: 1 minuto
168x126 detrazioni

Se nel 2016 c'è assegnazione agevolata di beni con l'annullamento delle riserve di capitale, è necessario rideterminare il costo della partecipazione del socio.

Commenta Stampa

Con la Legge di stabilità 2016, ai commi 115-120 dell’art. 1 (L.208/2015) è data alla società la possibilità di assegnare ai soci beni immobili o mobili registrati pagando un’imposta sostitutiva sulla differenza tra il valore normale dei beni ed il loro costo fiscalmente riconosciuto.

Dal momento in cui il bene esce dalla sfera patrimoniale della società per entrare nella sfera personale del socio, l’assegnazione comporta la riduzione del patrimonio netto della società in contropartita alla riduzione dell’attivo dello stato patrimoniale.

Nelle società di capitali, sono previsti trattamenti diversi se l’assegnazione agevolata avviene tramite:

  • La riduzione delle riserve di utili →il costo della partecipazione in capo al socio è inalterato
  • La riduzione delle riserve di capitali→ il costo della partecipazione in capo al socio va rideterminato.

In questa seconda ipotesi, il costo della partecipazione per il socio deve essere prima incrementato del maggior “valore affrancato” e poi diminuito in conseguenza della fuoriuscita del bene dal patrimonio sociale.

Come chiarito dall’Agenzia delle Entrate nella Circolare 26/E del 1° giugno 2016, nel caso in cui ci sia assegnazione agevolata con annullamento delle riserve di capitale, i passaggi per rideterminare il costo della partecipazione in capo al socio sono i seguenti:

  1. Si parte dal costo della partecipazione ante assegnazione;
  2. Tale valore si incrementa per la differenza assoggettata ad imposta sostitutiva (cioè valore normale/catastale meno il valore fiscale e contabile del bene ante assegnazione);
  3. Si riduce la somma così ottenuta fino al valore coincidente con il valore normale del bene assegnato.

Nell’ipotesi in cui il valore del bene assegnato dovesse essere maggiore rispetto al costo fiscalmente riconosciuto della partecipazione (già incrementato di quanto sottoposto a imposta sostitutiva), l’eccedenza è soggetta a tassazione in capo al socio assegnatario.

Segui le novità, gli approfondimenti, gli articoli contenuti nel Dossier dedicato all'assegnazione dei beni ai soci 2016

Per approfondire gli aspetti operativi abbiamo preparato un Pacchetto sull'assegnazione agevolata che comprende  3 e-book e 2 file excel (acquistabili anche separatamente):

  • E-book sugli aspetti normativi dell'assegnazione agevolata di beni ai soci;
  • E-book sulle scritture contabili dell'assegnazione;
  • formulario dei verbali con casi svolti e commentati
  • File excel per il calcolo delle imposte sull'assegnazione dell'immobile ai soci; sulla trasformazione agevolata e sull'estromissione dei beni
  • File excel per le società di comodo, che permette di eseguire il test di operatività “società di comodo” e il test sulle perdite sistematiche

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Il Metodo dei Multipli 2021 - CINA
Scaricalo a 15,90 € + IVA
Il Metodo dei Multipli 2021 - GIAPPONE
Scaricalo a 15,90 € + IVA
Il Metodo dei Multipli 2021 - USA
Scaricalo a 15,90 € + IVA

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE