IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 08/06/2016

Studi di settore 2016: attenzione agli indicatori di coerenza

Tempo di lettura: 1 minuto

Gli indicatori di coerenza sono finalizzati a contrastare possibili situazioni di non corretta compilazione dei dati previsti dai modelli degli studi di settore

Commenta Stampa

Gli indicatori di incoerenza che si applicano agli studi di settore 2016 per i redditi 2015 non sono cambiati rispetto a quelli dell’anno passato e sono gli stessi approvati con D.M. 24/3/2014.

Gli indicatori di coerenza economica segnalano l’incongruenza di dati che risultano anomali rispetto all’indicazione di elementi risultanti nella medesima dichiarazione.

Le principali fattispecie sono le seguenti:

a) incoerenza nel valore delle rimanenze finali e/o delle esistenze iniziali relative ad opere, forniture e servizi di durata ultrannuale;

b) valore negativo del costo del venduto, comprensivo del costo per la produzione di servizi;

c) valore negativo del costo del venduto, relativo a prodotti soggetti ad aggio o ricavo fisso;

d) mancata dichiarazione delle spese per beni mobili acquisiti in dipendenza di contratti di locazione finanziaria in presenza del relativo valore dei beni strumentali;

e) mancata dichiarazione del valore dei beni strumentali in presenza dei relativi ammortamenti;

f) mancata dichiarazione del numero e/o della percentuale di lavoro prestato degli associati in partecipazione in presenza di utili spettanti agli associati in partecipazione con apporto di solo lavoro.

L’indicatore “Margine per addetto non dipendente” non fornisse esiti di coerenza per gli studi di settore approvati per il periodo di imposta 2013 ma solamente per quelli approvati successivamente.

A stabilirlo è stato il medesimo decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 24 marzo 2014 che si applica anche per il periodo di imposta 2015, non essendo state introdotte modifiche in ordine alle modalità applicative di tali studi di settore.

Ti puo' interessare la Circolare n. 24 del 31 maggio dell'Agenzia delle Entrate per approfondire le novità sugli Studi di Settore 2016

Fonte: Agenzia delle Entrate


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Miky Miky - 08/06/2016
Ci vorrebbe anche un indicatore di coerenza per il nostro governo. Un indicatore che dicesse se sono coerenti gli investimenti statali, i servizi forniti ai cittadini, le pensioni erogate, rispetto al monte tasse estorto ai contribuenti. Ormai siamo schiavi di uno Stato che ci estorce oltre il 50% del nostro reddito, ci sovrasta di tasse su ogni bene posseduto, ci spia conti correnti e tenore di vita, ci vessa con una miriade di adempimenti burocratici, ci costringe a lavorare fino alla vecchiaia inoltrata e ha anche la pretesa di dirci se siamo congruenti o no rispetto a parametri stabiliti da burocrati che del mondo reale conoscono solo l'ammontare delle tasse che i cittadini versano e che loro si accingono a disperdere in malo modo.
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Detrazioni fiscali su immobili (Excel)
In PROMOZIONE a 79,90 € + IVA invece di 99,00 € + IVA fino al 2060-12-31
Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-05-31
Pacchetto Dichiarativi 2021
In PROMOZIONE a 219,90 € + IVA invece di 389,30 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE