HOME

/

PMI

/

IDENTITÀ DIGITALE

/

SPID: UN NUOVO DPCM CHIEDE MAGGIORI GARANZIE AGLI ENTI GESTORI

2 minuti, 17/12/2021

SPID: un nuovo DPCM chiede maggiori garanzie agli enti gestori

Pubblicato in GU il DPCM 19 ottobre 2021 di adeguamento della normativa sullo SPID per il recepimento della normativa europea , con maggiori garanzie per gli utenti

Forma Giuridica: Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
Numero del 14/12/2021
Fonte: Gazzetta Ufficiale

Pubblicato in Gazzetta ufficiale del 14.12.2021 il DPCM 19 ottobre 2021 che, su proposta del Ministro per l'innovazione tecnologica e la transizione digitale e del Ministro per la pubblica amministrazione, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze apporta  modifiche al  DPCM 4 ottobre 2014,  che recava  «Definizione delle caratteristiche del sistema pubblico per la gestione dell'identita' digitale di cittadini e imprese (SPID), nonche' dei tempi e delle modalita' di adozione del sistema SPID da parte delle pubbliche amministrazioni e delle imprese».

In particolare la normativa viene adeguata per tenere conto del regolamento di esecuzione (UE) 2015/1502 della Commissione dell'8 settembre 2015 relativo alla definizione delle specifiche  riguardanti i livelli di garanzia per i mezzi di identificazione elettronica ai e il regolamento (UE) n. 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonche' alla libera circolazione di tali.

Il nuovo decreto modifica i requisiti che i gestori dell'identità digitale devono possedere ai fini dell'accreditamento in quanto la normativa europea prescrive che debbano:

  • essere  «un'autorita' pubblica o un'entita' giuridica riconosciuta come tale dall'ordinamento giuridico di uno Stato membro, avente un'organizzazione consolidata e pienamente operativa sotto tutti gli aspetti pertinenti per la fornitura dei servizi» e  di
  • essere «i  n grado di dimostrare il possesso della capacita' di assumere il rischio della responsabilita' per danni, nonche' di risorse finanziarie sufficienti per l'esercizio e la prestazione continuativa dei servizi». 

Deve quindi prevedersi il possesso da parte del gestore dell'identita' digitale di un'organizzazione consolidata e pienamente operativa e di risorse finanziarie, in termini di capitale o patrimonio minimo, di importo adeguato rispetto all'organizzazione e alle risorse necessarie per lo svolgimento continuativo della sua attivita', unitamente ad una polizza assicurativa adeguata rispetto ai rischi connessi alla fornitura del servizio.

Nello specifico con le nuove modifiche viene richiesto agli enti

  • essere una persona giuridica riconosciuta, con u   patrimonio o un capitale sociale non inferiore a trecentomila euro e con un'organizzazione consolidata e pienamente operativa sotto tutti gli aspetti pertinenti per la fornitura dei servizi»; 
  •  disporre, per il risarcimento dei danni causati, con dolo o colpa, a qualsiasi persona fisica o giuridica a causa del mancato adempimento degli obblighi connessi alla gestione del sistema SPID, di una adeguata copertura assicurativa di almeno 1,5 milioni di euro annui e centocinquantamila euro per singolo sinistro;». 

Inoltre,  l'intenzione di cessazione dell'attività da parte di un gestore dovrà essere comunicata almeno 60 giorni prina e non piu 30.

Infine si prevede che , nel caso in cui, a seguito della cessazione dell'attivita' da parte di un gestore dell'identita' digitale o della revoca del suo accreditamento, nessun altro gestore sia  disponibile a subentrare,  l'Agenzia per l'innovazione digitale  AGID  dovrà provvedere a ridistribuire le identita rilasciate dal gestore cessato o revocato tra tutti gli altri gestori che subentreranno nella  gestione in misura proporzionale di tutte le identita' SPID rilasciate alla data della cessazione o della revoca.

Ti potrebbero  interessare gli e-book:

Tag: LEGGI E DECRETI LEGGI E DECRETI IDENTITÀ DIGITALE IDENTITÀ DIGITALE

Allegato

DPCM del 19.10.2021 modifiche normativa SPID
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

IDENTITÀ DIGITALE · 27/06/2022 Digitalizzazione notifica atti in materia tributaria: tutte le regole

Notifica digitale atti: l’avviso di cortesia, il perfezionamento della notifica, la decadenza e la prescrizione, la conservazione dei documenti informatici

Digitalizzazione notifica atti in materia tributaria: tutte le regole

Notifica digitale atti: l’avviso di cortesia, il perfezionamento della notifica, la decadenza e la prescrizione, la conservazione dei documenti informatici

Notifica digitale atti in materia tributaria

Modalità di notificazione atti e avvisi di accertamento sulla piattaforma digitale del DPCM 8 febbraio 2022

Notifiche digitali atti amministrativi: il regolamento in vigore dal 21 giugno

Pubblicato in G.U. del 6 giugno il Decreto con le regole per le notifiche digitali di multe e altri atti amministrativi

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.