HOME

/

CONTABILITÀ

/

ARCHIVIAZIONE SOSTITUTIVA

/

IMPRONTA DIGITALE E LA SUA COMUNICAZIONE ALL'AGENZIA DELLE ENTRATE

1 minuto, 27/10/2010

Impronta digitale e la sua comunicazione all'Agenzia delle Entrate

Della carta resta solo l’impronta digitale. Come comunicarla all’Agenzia e conservare i documenti fiscali nell’archivio informatico, secondo un Comunicato Stampa del 27/10/2010 dell'Agenzia


Numero del 27/10/2010
Fonte: Agenzia delle Entrate
L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato un Comunicato il 27 ottobre 2010 sulle modalità di comunicazione dell'impronta digitale all'Agenzia stessa e conservazione di documenti fiscali nell'archivio informatico.

In soffitta tutta la carta. Da oggi basta comunicare al Fisco l’impronta dell’archivio informatico dei documenti, che li sigilla senza possibilità di modificarli o sostituirli. Il provvedimento attuativo del 25/10/2010 firmato dal direttore dell’Agenzia detta le istruzioni che il responsabile della conservazione “leggera” dei file dovrà seguire per trasmettere telematicamente alle Entrate l’impronta digitale dell’archivio informatico dei documenti fiscalmente rilevanti, con riferimento ai periodi d’imposta 2010 e precedenti. Si ricorda, infatti, che - in virtù di quanto disposto dal dm 23 gennaio 2004 sulle modalità di assolvimento degli obblighi fiscali per i documenti informatici e la loro riproduzione in diversi tipi di supporto - già da sei anni le aziende possono distruggere fatture e altra documentazione cartacea dopo averla memorizzata su un supporto informatico, a condizione che generino questa impronta.

Come e quando comunicare l’impronta - La comunicazione deve essere inviata esclusivamente tramite il canale Entratel o Fisconline e deve contenere, tra le altre informazioni, i dati identificativi dell’interessato, del responsabile della conservazione o del suo eventuale delegato, l’elenco dei documenti cui si riferisce l’impronta, l’indicazione del luogo in cui è conservata l’evidenza informatica da cui è stata generata l’impronta, la marca temporale apposta all’archivio. In via generale, i contribuenti che creeranno l’archivio informatico dei documenti relativi al 2010 dovranno comunicarne l’impronta entro gennaio 2012.

Cosa accade per i documenti più datati già archiviati - Inoltre, per gli anni d’imposta precedenti al 2010, i contribuenti che hanno proceduto a conservare i documenti rilevanti ai fini tributari con modalità digitale dovranno trasmettere le comunicazioni sempre entro gennaio 2012, ossia entro lo stesso termine d’invio previsto per comunicare l’impronta dell’archivio informatico relativo al 2010. Si ricorda che la comunicazione all’Agenzia delle Entrate estende la validità dei documenti fino a che permane l’obbligo di conservarli ai fini tributari.

Il testo del provvedimento è disponibile sul sito Internet dell’Agenzia delle Entrate - www.agenziaentrate.gov.it . Su FiscoOggi.it sarà pubblicato un articolo sul tema.

Roma, 27 ottobre 2010

Tag: ARCHIVIAZIONE SOSTITUTIVA ARCHIVIAZIONE SOSTITUTIVA PROFESSIONE COMMERCIALISTA, ESPERTO CONTABILE, REVISORE PROFESSIONE COMMERCIALISTA, ESPERTO CONTABILE, REVISORE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ARCHIVIAZIONE SOSTITUTIVA · 03/10/2022 Libri e registri contabili anche senza conservazione elettronica

DL Semplificazioni 2022: libri e registri contabili senza conservazione elettronica

Libri e registri contabili anche senza conservazione elettronica

DL Semplificazioni 2022: libri e registri contabili senza conservazione elettronica

Green pass  negli studi professionali: Confprofessioni chiede l'obbligo per i clienti

Proposte e critiche all'obbligo di certificazione verde nell'audizione di Confprofessioni alla Camera nell'iter di conversione del decreto 127-2021

Pagamento bollo e tenuta libri contabili: l'Agenzia fa nascere dubbi

L'Agenzia chiarisce come assolvere l'imposta di bollo per i libri sociali tenuti con sistemi informatici ma non riprende i precedenti chiarimenti forniti su tenuta e conservazione

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.