E Book

Autofatture (eBook 2022)

14,90€ + IVA

IN SCONTO 15,92

E Book

Acquistare immobili all'asta (eBook)

14,90€ + IVA

IN SCONTO 15,90
HOME

/

FISCO

/

SOCIETÀ DI COMODO 2022

/

SOCIETÀ DI COMODO: L’INTERPELLO DISAPPLICATIVO È FACOLTATIVO E NON CONDIZIONANTE

Società di comodo: l’interpello disapplicativo è facoltativo e non condizionante

La mancata presentazione dell’interpello, o la mancata contestazione della risposta negativa, non condiziona la possibilità per il contribuente di disapplicare la disciplina

Particolari norme fiscali sono previste per quelle società commerciali che sono state costituite per il mero godimento di beni, invece che per l’esercizio dell’attività d’impresa.

Tali tipologie di imprese prendono il nome di società di comodo, e, al sussistere dei requisiti qualificanti richiesti dalla disciplina, da verificare in ogni periodo di imposta, sono soggette a un particolare trattamento fiscale penalizzante, con evidente finalità antielusiva.

Una società di comodo può qualificarsi come tale in base a due linee di variabili:

  • la perdita sistemica 
  • e la non-operatività.

Poiché può accadere che una società si ritrovi in una o entrambe le situazioni per semplice contingenza, senza che vi sia alla base un contesto elusivo, il legislatore prevede delle causa di esclusione e di disapplicazione automatiche.

Nelle situazioni diverse da queste la perdita sistemica e la non-operatività sono annualmente verificate in sede di dichiarazione dei Redditi.

In particolare, il conseguimento dei ricavi minimi richiesti per qualificare una società come operativa si dichiara superando di un test di operatività.

Quando la società non supera il test, ma è convinta della genuinità della propria posizione, può presentare istanza di interpello disapplicativo all’Agenzia delle Entrate, secondo le regole previste per l’interpello probatorio, attraverso la quale può illustrare le motivazioni contingenti che hanno fatto ricadere la società nel contesto della non-operatività e richiedere la disapplicazione degli effetti fiscali della disciplina.

L’istanza potrà essere:

  • accolta, 
  • accolta parzialmente, 
  • o rigettata.

Però, ai fini della disapplicazione delle conseguenze fiscali previste per le società di comodo, la presentazione dell’istanza di interpello non è obbligatoria e anche un eventuale rigetto non ha effetto definitivo, in quanto il contribuente ha comunque il diritto di fare valere le sue ragioni in giudizio.

Della questione si è occupata l’ordinanza 28251/2021 della Corte di Cassazione, la quale enuncia alcuni principi operativi sul tema:

  • la presentazione dell’interpello disapplicativo non è necessario ai fini della disapplicazione della disciplina sulle società di comodo, in quanto è comunque diritto del contribuente far valere le sue ragioni in sede di giudizio;
  • il contribuente ha il diritto di non applicare gli effetti fiscali della disciplina anche quando l’istanza è rigettata dall’Agenzia delle Entrate, senza doverla necessariamente impugnare per evitare la cristallizzazione dei suoi effetti: è infatti possibile impugnare anche gli atti successivi, conseguenti alla mancata applicazione delle norme antielusive;
  • in riferimento all’IVA, la società ritenuta non-operativa può portare in detrazione l’imposta anche quando non ha presentato interpello disapplicativo.

In definitiva, quindi, l’interpello disapplicativo può essere considerato un atto accessorio utile a risolvere in via amministrativa talune posizioni di evidente soluzione, senza che il rigetto (o la mancata presentazione) dell’istanza condizioni il fatto essenziale che la valutazione della questione spetterà poi, in sede di contenzioso, al giudice di merito, davanti al quale il contribuente potrà esporre in modo organico ed analitico le motivazioni che hanno impedito alla società di superare il test di operatività.

Sulle società di comodo ti consigliamo:

Tag: SOCIETÀ DI COMODO 2022 SOCIETÀ DI COMODO 2022 INTERPELLO 2022 INTERPELLO 2022 RIFORMA GIUSTIZIA TRIBUTARIA E PROCESSO TELEMATICO 2022 RIFORMA GIUSTIZIA TRIBUTARIA E PROCESSO TELEMATICO 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 26/08/2022 Società di comodo: l’abrogazione della disciplina sulle società in perdita sistematica

Il Decreto Semplificazioni abroga le norme relative alle società in situazione di perdita sistematica, a partire dal periodo di imposta 2022

Società di comodo: l’abrogazione della disciplina sulle società in perdita sistematica

Il Decreto Semplificazioni abroga le norme relative alle società in situazione di perdita sistematica, a partire dal periodo di imposta 2022

Quando una società in perdita è considerata società di comodo?

Sono considerate non operative o di comodo le società che sono in perdita per cinque periodi di imposta consecutivi. Ecco le regole e le novità a partire dal 2022

Le società non operative 2022: situazione attuale

Società di comodo: dagli aspetti generali al reddito minimo. Guida alle società non operative 2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.