E Book

Tutti i casi di Ravvedimento (eBook 2024)

18,90€ + IVA

IN SCONTO 19,90

E Book

Superbonus 2024 (eBook)

16,90€ + IVA

IN SCONTO 18,90
HOME

/

FISCO

/

RIFORMA GIUSTIZIA TRIBUTARIA E PROCESSO TELEMATICO 2024

/

AMMESSO IL RICORSO TRIBUTARIO ANALOGICO

Ammesso il ricorso tributario analogico

Cambiano le regole del processo tributario telematico implementando la digitalizzazione delle procedure

Ascolta la versione audio dell'articolo

Fino al 1°.9.2024, l’art. 16-bis del d.lgs. 31.12.1992, n. 546, recita:

3. Le parti, i consulenti  gli organi tecnici indicati all’art. 7, comma 2, notificano e depositano gli atti processuali i documenti e i provvedimenti giurisdizionali esclusivamente con modalità telematiche, secondo le disposizioni contenute nel d.m. 23.12.2013, n. 163, e nei successivi decreti di attuazione”.

La nuova norma che entra in vigore per i giudizi instaurati, in primo e secondo grado, con ricorso notificato successivamente al 1°.9.2024 recita:

3. Le parti, i consulenti e gli organi tecnici di cui all’art. 7, comma 2, notificano e depositano gli atti processuali, i documenti e i provvedimenti giurisdizionali esclusivamente con le modalità telematiche previste dalle vigenti norme tecniche del processo tributario telematico, salva la possibilità, nelle ipotesi di cui all’art. 79, di effettuare le notificazioni ai sensi dell’art. 16.

3-bis: soppresso  (n.d.r. “I soggetti che stanno in giudizio senza assistenza tecnica ai sensi dell’art. 12, comma 2, hanno la facoltà di utilizzare, per le notifiche e i depositi le   modalità telematiche indicate al comma 3, previa indicazione nel ricorso o nel primo atto difensivo dell’indirizzo di posta elettronica certificata al quale ricevere le comunicazioni e le notificazioni”).

Nel frattempo sussiste la duplice regola di proposizione del ricorso, cioè:

a) la facoltà di redigere l’atto in formato analogico a condizione che il valore della controversia non sia superiore a 3.000 euro e che nell’atto non sia indicato l’indirizzo di posta elettronica certificata al quale ricevere le comunicazioni e le notificazioni;

b) l’obbligo di utilizzare la procedure telematiche qualora il valore della controversia sia superiore alla suddetta soglia, avvalendosi dell’assistenza del difensore, oppure se il contribuente che vuole difendersi personalmente esercita l’opzione per tale scelta indicando il proprio indirizzo PEC nel ricorso o nel primo atto difensivo.

Dal 2.9.2024 l’ampliamento della digitalizzazione del processo tributario fa sì che il ricorso che va notificato all’ente impositore, nonché il suo deposito in sede di costituzione in giudizio, deve essere in formato c.d. “nativo digitale”. 

In pratica, il file che contiene l’atto, redatto mediante un qualsiasi programma di videoscrittura, deve essere trasformato nel formato PDF/A-1a o PDF/A-1b, cioè un formato standardizzato che consente di mantenere i contenuti dell’atto nel tempo. Il ricorso è perfezionato con l’apposizione della firma digitale e con la conseguente notificazione.

Ti potrebbe interessare Guida alla cartella di pagamento 2023 (eBook)

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com

1) Il ricorso in formato analogico

La notifica di un atto in formato analogico che è stato oggetto di scansione e notifica a mezzo PEC è una problematica che è stata risolta dichiarando l’inammissibilità (Corte di giustizia tributaria di 2° grado del Piemonte, sentenza 10.10.2022, n. 946) poiché “non può ritenersi che nella specie l’atto abbia raggiunto lo scopo ai sensi della generale previsione dell’art. 156 c.p.c. e che pertanto la nullità risulti sanata. Infatti la violazione delle norme sulla redazione dell’atto determina non la nullità, ma l’inesistenza”.

In senso contrario si era espressa la Corte di Cassazione (sentenza 3.6.2021, n. 15353): “va rigettata l’eccezione preliminare di inammissibilità del ricorso in quanto non notificato in file non nativo digitale. In calce alla relata di notifica vi è l’attestazione che l’atto nativo è digitale ed è sottoscritto dal legale rappresentante”. 

In precedenza (sentenza 18.4.2016, n. 7665) era stato affermato che è consolidato “il principio sancito in via generale dall’art. 156 c.p.c. secondo cui la nullità non può essere mai pronunciata se l’atto ha raggiunto lo scopo cui è destinato, vale a dire per le notificazioni, anche in relazione alle quali … l’atto, malgrado l’irritualità della notificazione, sia venuto a conoscenza del destinatario”.

La problematica è stata risolta con l’art. 46 delle disposizioni di attuazione c.p.c. che sono recepite secondo cui “il mancato rispetto delle specifiche tecniche sulla forma e sullo schema informatico e dei criteri e limiti di redazione dell’atto non comporta invalidità, ma può essere valutato dal giudice ai fini della decisione sulle spese del processo”.

La violazione delle regole di rito non comporta una lesione del diritto di difesa per la parte, né alcuna norma prevede l’inammissibilità del ricorso.

Ti potrebbe interessare Guida alla cartella di pagamento 2023 (eBook)

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com

2) L’innovazione normativa

Il nuovo comma 4-bis dell’art. 16-bis supera la problematica in quanto afferma che le violazioni delle disposizioni dei precedenti commi 1 e 3 (quest’ultimo sull’obbligo di deposito degli atti processuali notificati esclusivamente con le modalità telematiche vigenti”) “non costituisce causa di invalidità del deposito, salvo l’obbligo di regolarizzarlo nel termine perentorio stabilito dal giudice”.

Va ricordato quanto è espresso dall’art. 156 c.p.c.:

- non può essere pronunciata la nullità per inosservanza di forme di alcun atto di processo, se la nullità non è  comminata dalla legge;

- può essere pronunciata la nullità quando l’atto manca dei requisiti formali indispensabili per il raggiungimento dello scopo;

- la nullità non può essere pronunciata, se l’atto ha raggiunto lo scopo cui è diretto”, cioè la costituzione in giudizio dell’ente impositore.

La norma, pertanto, riconosce la regolarità del ricorso che è stato redatto con forma digitale in formato analogico e che prima della notifica è stato scansionato.

L’inammissibilità del ricorso sovviene soltanto se il deposito non è stato regolarizzato presso la segreteria entro il termine perentorio fissato dal giudice.

Va aggiunto che il nuovo testo dell’art. 79, comma 2-quater, secondo cui, nei casi eccezionali previsti dalle norme tecniche del processo tributario telematico il Presidente della corte di giustizia o dal Presidente di sezione, se la questione sorge in udienza, possono autorizzare il deposito delle notifiche, degli atti processuali e dei documenti con modalità cartacee. Va aggiunto che (art. 17-ter, comma 2) salvo i casi previsti dall’art. 79, comma 2-quater, “gli atti delle parti e dei difensori sono sottoscritti con firma digitale”.

Ti potrebbe interessare Guida alla cartella di pagamento 2023 (eBook)

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com

Ti potrebbero interessare i seguenti eBook e libri di carta:

Nel Focus "Difendersi dal Fisco" e-book, libri, formulari per aiutarti a gestire il contenzioso.

Fonte immagine: Foto di Gerd Altmann da Pixabay
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RIFORMA GIUSTIZIA TRIBUTARIA E PROCESSO TELEMATICO 2024 · 29/02/2024 Società di capitali a ristretta base partecipativa equiparate a società di persone

Secondo la Cassazione l’accertamento di utili fuori bilancio legittima l’attribuzione del reddito ai soci per trasparenza

Società di capitali a ristretta base partecipativa equiparate a società di persone

Secondo la Cassazione l’accertamento di utili fuori bilancio legittima l’attribuzione del reddito ai soci per trasparenza

Le nuove regole per gli atti tributari notificati a mezzo PEC

Nuovi tasselli alla riforma del fisco: atti, provvedimenti, avvisi e comunicazioni notificati digitalmente. Perfezionamento della notifica per il notificante e il destinatario

L’impugnazione delle ordinanze cautelari e la sospensione del pagamento dei tributi

Le novità del contenzioso tributario D.lgs 30.12.2023, n.220: impugnazione delle ordinanze cautelari

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.