HOME

/

LAVORO

/

SMART WORKING (LAVORO AGILE) 2022

/

CONGEDO PATERNITA, PARENTALE E PERMESSI 104 LE NOVITÀ DAL 13.8.2022

Congedo paternita, parentale e permessi 104 le novità dal 13.8.2022

Le istruzioni INPS e dell'ispettorato sul nuovo lgs n. 105 2022: Congedi paternita e parentali, smart working, divieto discriminazione, condivisione permessi 104

Congedi parentali ampliati, congedo di paternità anche prima della nascita, estensione dell'indennità per gravidanza a rischio alle lavoratrici autonome,  priorità dello smart working per chi ha figli o anziani o disabili da assistere,  permessi legge 104 condivisibili da più lavoratori per la stessa persona da assistere.

Sono alcune delle novità contenute nel decreto legislativo n. 105-2022  approvato dal Governo nello scorso mese di giugno e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 29 luglio 2022. QUI IL TESTO del decreto 

Le novità  sono entrate in vigore il  13 agosto 2022 e riguardano sia il lavoro pubblico che privato.

L'INPS ha pubblicato il primo intervento di chiarimenti con il messaggio 3096 del 5 agosto 2022, in particolare in tema di permessi legge 104/92 e di congedo straordinario.

Da notare che i datori di lavoro inadempienti con la nuova disciplina  non potranno conseguire la certificazione di parità di genere necessaria a molti livelli, dalla partecipazione alle gare di appalto ai progetti per i PNRR.

 Il provvedimento prevede  il recepimento della direttiva europea 2019/1158, in tema di conciliazione tra attività professionale e vita familiare per i genitori e coloro che devono prestare assistenza a familiari anziani o disabili (cd. caregivers) .

 Obiettivi  della direttiva  sono:

  •  il sostegno  fattivo all'assistenza delle  categorie deboli come bambini e disabili, ma anche
  •   il consolidamento  del concetto di  condivisione delle responsabilità tra uomini e donne e 
  • la promozione di una effettiva  parità di genere.

Si ricorda che la direttiva europea, QUI IL TESTO INTEGRALE  pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea il 12 luglio 2019,  prevede misure minime inderogabili a ribasso ovvero non modificabili in modo peggiorativo dagli Stati membri.

 Per approfondire leggi Congedo di paternità di 10 giorni: lo chiede la UE

Qui il riepilogo della disciplina in vigore: Congedi maternità paternità e parentali .

Vediamo di seguito maggiori dettagli sulle novità  anche alla luce delle specifiche indicazioni fornite dall'ispettorato nazionale del lavoro con la nota del 6 settembre 2022.

1) Nuovo congedo paternità: obbligo di richiesta divieto licenziamento

Il congedo di paternità obbligatorio di 10 giorni lavorativi  è stato recentemente portato a regime dalla legge di  bilancio 2022 e l'Inps ha già emanato le indicazioni operative per la fruizione.   Leggi i dettagli in Congedo paternità 2022: prime istruzioni

Con il nuovo decreto il congedo obbligatorio e indennizzato al 100% per i padri  potrà essere fruibile, come il congedo di maternità,  liberamente in tutto l’arco temporale che va dai 2 mesi precedenti ai 5 successivi al parto, sia in caso di nascita sia di morte perinatale del bambino.

In caso di parto plurimo il congedo sale a 20 giorni invece che 10.

Si tratta di un diritto autonomo e distinto spettante al padre lavoratore, accanto al congedo di paternità cosiddetto alternativo, che spetta soltanto nei casi di morte, grave infermità o abbandono del bambino da parte della madre.

Nell'ottica della parità di trattamento il congedo di paternità di 10 giorni è esteso anche ai dipendenti del pubblico impiego.

Il decreto prevede inoltre:

  • il divieto di licenziamento del padre lavoratore in caso di fruizione del congedo di cui agli articoli 27-bis e 28, per la durata del congedo stesso e fino al compimento di un anno di età del bambino (art. 54, c. 7, T.U.).
  •  in caso di dimissioni, nel periodo in cui è previsto il divieto di licenziamento, al padre che ha fruito del congedo di paternità spettano le indennità previste da disposizioni di legge e contrattuali in caso di licenziamento (indennità di preavviso, NASPI) e non è tenuto al preavviso

Per l'esercizio del diritto, il lavoratore padre deve comunicare i giorni in cui intende fruire del congedo  in questione, “con un anticipo non minore di cinque giorni, ove possibile in relazione all'evento nascita, sulla  base della data presunta del parto”.

2) Congedo parentale: si prolunga fino a 12 anni del bambino

Due le novità in tema di congedo parentale facoltativo, successivo a quello obbligatorio,  e indennizzato solo al 30% :

1 -  Passa da 10 a 11 mesi la durata complessiva del diritto al congedo facoltativo,  spettante al genitore solo, per un maggiore sostegno ai nuclei familiari monoparentali. 

2 - I congedi parentali  in presenza di due genitori  invece salgono a 9 mesi in totale, invece che 6. 

Sono previsti infatti: 

  •  3 mesi  non trasferibili per ciascun genitore (3+3)
  •  3 mesi, trasferibili tra i genitori  un’indennità pari al 30% della retribuzione.

Prevista inoltre una indennità spettante ai genitori, in alternativa tra loro, per il periodo di prolungamento fino a 3 anni del congedo parentale usufruito per il figlio in condizioni di disabilità grave  pari al  30%;

Inoltre aumenta da 6 a 12 anni l’età del bambino entro cui i genitori, anche adottivi e affidatari,  possono usufruire del congedo parentale, indennizzato come descritto sopra.

La nota dell'ispettorato nazionale del  lavoro del 6 settembre 2022  fornisce su questo tema  alcune importanti precisazioni :

  1. i periodi di assenza per congedo parentale, nel caso di fruizione  continuativa, comprendono anche gli eventuali giorni festivi che ricadano all’interno degli stessi. Talemodalità di computo trova applicazione anche nel caso di fruizione frazionata, nel caso in cui  i diversi periodi di assenza  non siano intervallati dal ritorno al lavoro 
  2. i periodi di congedo parentale sono computati nell’anzianità di servizio e non comportano riduzione di ferie,  riposi, tredicesima mensilità o gratifica natalizia, ad eccezione degli emolumenti accessori connessi  all'effettiva presenza in servizio, salvo eventuali discipline di maggior favore della contrattazione collettiva.

3) Congedo straordinario, maternità autonome e part time

Tra le altre novità si ricordano anche:

  • priorità nella trasformazione  del contratto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, in caso di patologie oncologiche o gravi patologie  cronico-degenerative ingravescenti riguardanti, oltre che il coniuge, la parte di un'unione civile di cui  all'articolo 1, comma 20, della legge 20 maggio 2016, n. 76 o il convivente di fatto ai sensi dell'articolo 1,  comma 36, della medesima legge.
  • Viene   esteso il diritto all’indennità di maternità in favore delle lavoratrici autonome e delle libere professioniste, anche in caso di eventuali periodi di astensione anticipati per gravidanza a rischio.
  •  il congedo  straordinario ( legge 151 2001)  per l'assistenza alla persona disabile in situazione di gravità,  può  essere fruito anche da parte di un’unione civile e dal convivente di fatto di cui all’articolo 1, comma 36, della legge 20 maggio 2016,che sono cosi equiparati al coniuge convivente . Inoltre   il congedo straordinario diventa fruibile entro 30 giorni (e non più 60) dalla  richiesta,  con la possibilità di instaurare la convivenza anche successivamente alla presentazione della domanda, purché sia garantita per tutta la fruizione del congedo.

Leggi anche Indennità professioniste e collaboratrici gestione separata

4) Smart working e legge 104: priorità ai genitori e caregivers

Infine, il decreto prevede una nuova  misura di impulso allo smart working come modalità di lavoro che sostiene la conciliazione tra vita  professionale e vita familiare per cui  i datori di lavoro pubblici e privati che stipulano accordi per l'esecuzione della prestazione di lavoro in modalità agile sono tenuti a dare priorità alle richieste formulate dalle lavoratrici e dai lavoratori :

  1. con figli fino a 12 anni di età o 
  2. con figli senza alcun limite di età nel caso di figli in condizioni di disabilità ex legge 104 
  3. che siano caregivers cioè diano assistenza a familiari in condizioni di disabilità o non  autosufficienza.

Il decreto prevede inoltre un nuovo articolo alla legge 104 con lo specifico divieto di discriminazione ovvero di  riservare un trattamento meno favorevole ai lavoratori  che chiedono o usufruiscono dei benefici di cui all'articolo 33 della  legge 104 1992, , agli articoli 33 e 42 del decreto legislativo 26  marzo 2001, n. 151, all'articolo 18, comma 3-bis, della legge 22  maggio 2017, n. 81, e all'articolo 8 del decreto legislativo 15  giugno 2015, n. 81, nonche' di ogni altro beneficio concesso ai  lavoratori medesimi in relazione alla condizione di disabilita'  propria o di coloro ai quali viene prestata assistenza e cura.

Leggi in merito Smart working post emergenza: novità in arrivo

Ti puo interessare anche Permessi legge 104: regole e casi particolari

5) Sanzioni e obblighi ai fini della certificazione di parità

La nuova formulazione del congedo di paternità obbligatorio  prevede  in caso di " rifiuto, opposizione o  l'ostacolo all'esercizio dei diritti di assenza dal lavoro" per paternità  la sanzione amministrativa da  euro 516 a euro 2.582 a carico del datore di lavoro.

Inoltre  i datori di lavoro che  non favoriscono l’esercizio dei diritti sopracitati  non potranno nei due anni successivi ottenere la certificazione della parità di genere.

Si ricorda che i mancati adempimenti in tema di parita di genere  comportano  l'applicazione delle sanzioni di cui all'articolo 11 del decreto del Presidente della Repubblica 19 marzo 1955, n. 520 e, nei casi più gravi, può essere disposta la sospensione per un anno dei benefici contributivi eventualmente goduti dall'azienda. Inoltre in assenza di certificazione l'azienda puo essere esclusa da gare di appalto pubblico.

Leggi in merito Rapporto parità di genere: dal 23 giugno la compilazione online e Parità di genere ecco le indicazioni operative. 

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

SMART WORKING (LAVORO AGILE) 2022 · 29/11/2022 Comunicazione lavoro agile: istruzioni sui campi INAIL

Il Ministero del lavoro comunica istruzioni specifiche sulla compilazione delle nuove comunicazioni di smart working

Comunicazione lavoro agile:  istruzioni sui campi INAIL

Il Ministero del lavoro comunica istruzioni specifiche sulla compilazione delle nuove comunicazioni di smart working

Smart working: slitta al 1 gennaio la scadenza per i nuovi accordi

Per le comunicazioni dei nuovi rapporti di lavoro agile prorogata al 2023 la scadenza del 1 dicembre. Le istruzioni per la nuova modalità

Smart working - lavoro agile: guida alle novità dal 22 settembre

Lavoro agile : facciamo il punto sulle novità con le sovrapposizioni normative delle ultime settimane: comunicazioni semplificate senza accordo scritto, nuovo modello

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.