HOME

/

DIRITTO

/

PRIVACY 2022

/

IL DIRITTO ALLA DECIFRABILITÀ DI UNA CARTELLA CLINICA

Il Diritto alla decifrabilità di una cartella clinica

La leggibilità dei dati sanitari: qualora la grafia di una cartella clinica non risulti comprensibile per l'interessato, si ha diritto ad avere una trascrizione dattiloscritta

L’argomento da cui prende spunto il titolo di questo articolo è stato più volte oggetto di pronunce da parte dell’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali (di seguito, Garante) che ha rappresentato come “la leggibilità dei dati richiesti è la prima condizione, necessaria ancorché non sufficiente, per la loro comprensione, qualora la grafia con cui è stata redatta una cartella clinica non risulti comprensibile per l´interessato, questi ha il diritto di ottenere dall´azienda ospedaliera una trascrizione dattiloscritta o, comunque, comprensibile delle informazioni ivi contenute, che debbono essergli comunicate tramite un medico all´uopo designato.”

(leggi https://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/1066144)

Appare pleonastico rammentare che il Garante in tali casi ha provveduto a sanzionare le aziende sanitarie.

1) La leggibilità dei dati contenuti nella cartella clinica

La normativa di cui al decreto legislativo n. 196/2003 stabilisce all’art. 92, rubricato “Cartelle cliniche”, che le “strutture, pubbliche e private, che erogano prestazioni sanitarie e socio sanitarie redigono e conservano una cartella clinica in conformità alla disciplina applicabile (adottando) opportuni accorgimenti per assicurare la comprensibilità dei dati (omissis)”.

L´art. 15 del Regolamento UE 2016/679 (di seguito, GDPR), che riconosce il diritto di accesso ai dati personali, distinto dal diverso diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi disciplinato dalla legge n. 241/1990 e s.m.i., ricomprende nell’oggetto dell’accesso anche i dati valutativi e i dati personali inferiti.

Suddetto diritto è riscontrabile anche nei seguenti considerandi:

Considerando 35 dove si chiarisce che “nei dati personali relativi alla salute dovrebbero rientrare tutti i dati riguardanti lo stato di salute dell'interessato che rivelino informazioni connesse allo stato di salute fisica o mentale passata, presente o futura dello stesso. Questi comprendono informazioni sulla persona fisica raccolte nel corso della sua registrazione al fine di ricevere servizi di assistenza sanitaria o della relativa prestazione di cui alla direttiva 2011/24/UE del Parlamento europeo e del Consiglio; un numero, un simbolo o un elemento specifico attribuito a una persona fisica per identificarla in modo univoco a fini sanitari; le informazioni risultanti da esami e controlli effettuati su una parte del corpo o una sostanza organica, compresi i dati genetici e i campioni biologici; e qualsiasi informazione riguardante, ad esempio, una malattia, una disabilità, il rischio di malattie, l'anamnesi medica, i trattamenti clinici o lo stato fisiologico o biomedico dell'interessato, indipendentemente dalla fonte, quale, ad esempio, un medico o altro operatore sanitario, un ospedale, un dispositivo medico o un test diagnostico in vitro”.

Considerando (63) del GDPR a mente del quale “Un interessato dovrebbe avere il diritto di accedere ai dati personali raccolti che lo riguardano e di esercitare tale diritto facilmente (omissis) Ciò include il diritto di accedere ai dati relativi alla salute, ad esempio le cartelle mediche contenenti informazioni quali diagnosi, risultati di esami, pareri di medici curanti o eventuali terapie o interventi praticati

Ai sensi dell’art. 20 del GDPR, rubricato “Diritto alla portabilità dei dati”, l’interessato ha il diritto di ricevere i dati personali in un formato che ne assicuri la leggibilità.

Ad avviso del Garante, la richiesta dell’interessato di conoscere, in modo intelligibile, le informazioni che lo riguardano contenute nella cartella clinica in questione è pertanto legittima; ciò anche in quanto la "leggibilità " dei dati comunicati all´interessato è la prima condizione, necessaria ancorché non sufficiente, per la loro intelligibilità.

Al fine di evitare l’avvio di contenziosi a carico delle strutture sanitarie si ravvisa necessario adottare misure organizzative in grado di consentire al Titolare di accertare la leggibilità, l’esattezza  e la completezza della documentazione sanitaria.

Per tale ragione le misure organizzative adeguate da adottare in prima battuta sono le seguenti:

  1. sensibilizzare il personale sanitario affinché la redazione della documentazione sanitaria avvenga nel rispetto dei principi di intelligibilità, di esattezza e di completezza;
  2. compiere uno scrutinio a campione delle cartelle cliniche, delle cartelle infermieristiche e, in generale, della documentazione sanitaria, prima che la stessa sia archiviata; ciò al fine di accertarne, appunto, la leggibilità, la esattezza e la completezza. Qualora venga accertata una non conformità si provvederà a restituire la documentazione al suo autore per i conseguenti adempimenti.
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

IDENTITÀ DIGITALE · 12/05/2022 Cybersicurezza: le raccomandazioni dell'ANC sui prodotti legati alla Russia

Agenzia Nazionale Cybersicurezza: le raccomandazione della Circolare 4336/2021 sui prodotti legati al territorio russo

Cybersicurezza: le raccomandazioni dell'ANC sui prodotti legati alla Russia

Agenzia Nazionale Cybersicurezza: le raccomandazione della Circolare 4336/2021 sui prodotti legati al territorio russo

Come bloccare le chiamate indesiderate: in arrivo il nuovo Registro delle opposizioni

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo Dpr sul nuovo Registro pubblico delle opposizioni: dal 31 luglio sarà possibile opporsi al telemarketing selvaggio anche da cellulare

Registro pubblico oppositori: le regole in vigore dal 14.04

In GU n 74 del 29.03.2022 pubblicate le regole istituzione e funzionamento del registro pubblico oppositori all'utilizzo di numeri telefonici e dati per fini commerciali

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.