HOME

/

PMI

/

RIVALUTAZIONE BENI DI IMPRESA

/

RIVALUTAZIONE DEI BENI: L'AGENZIA RISPONDE ALLE DOMANDE

Rivalutazione dei beni: l'Agenzia risponde alle domande

Agenzia delle Entrate - Circolare n. 8/E del 13 marzo 2009

Nel corso di Telefisco 2009 l'Agenzia delle Entrate come di consueto risponde alle domande poste dalla stampa specializzata. Le Risposte vengono poi ufficializzate con una circolare . Pubblichiamo di seguito le risposta in tema di Rivalutazione dei beni fornite con la circolare n. 8/E del 13 marzo 2009 .

Ti consigliamo:

Potrebbe interessarti l'ebook Il nuovo regime di rivalutazione DL 104/2020 (eBook)

1) Possibilità di rivalutazione solo in ambito civilistico

D. Si chiede conferma del fatto che la rivalutazione possa essere effettuata in ambito puramente civilistico. E' corretta tale interpretazione?
R. Il comma 20 dell’articolo 15 del decreto legge n. 185 del 2008 stabilisce che il maggior valore attribuito ai beni in sede di rivalutazione può essere fiscalmente riconosciuto con il versamento di un’imposta sostitutiva  dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, dell’imposta sul reddito delle  società, dell’imposta regionale sulle attività produttive e di eventuali
addizionali.
Dal tenore letterale della norma, si deduce che il maggior il maggior valore  iscritto in bilancio non determina necessariamente anche effetti ai fini  fiscali.

2) Possibilità di rivalutazione anche da parte delle imprese in contabilità semplificata

D. Si chiede conferma del fatto che la rivalutazione possa essere eseguita anche dalle imprese individuali e dalle società di persone in regime di  contabilità semplificata.
R. Il comma 16 dell’articolo 15 del decreto legge n. 185 del 2008,  nell’individuare i soggetti che possono beneficiare della rivalutazione,  richiama i soggetti indicati nell’articolo 73, comma 1, lettere a) e b), nonché  le società in nome collettivo, in accomandita semplice ed equiparate. Il  comma 23 del medesimo articolo 15 fa rinvio, tra l’altro, all’articolo 15
della legge n. 342 del 2000 che, ampliando l’ambito soggettivo di  applicazione individuato dall’articolo 10 della medesima legge, estende la  facoltà della rivalutazione anche alle imprese individuali e alle società di  persone in contabilità semplificata. E’ da ritenersi, pertanto, che anche le  imprese individuali e le società di persone in contabilità semplificata  possano avvalersi della rivalutazione disciplinata dal decreto legge n. 185  del 2008.

3) Calcolo del plafond per le spese di manutenzione

D. L'effetto fiscale della rivalutazione, quanto agli ammortamenti, avviene dal  quinto periodo d’imposta successivo e quanto alla cessione del bene dal  sesto periodo successivo. Alla luce di ciò, per il calcolo del plafond per le
spese di manutenzione, il maggior valore rivalutato può essere considerato  già dal quinto esercizio (come per gli ammortamenti) o dal sesto esercizio  (come per le cessioni)?
R. Il comma 20 dell’articolo 15 del decreto legge n. 185 del 2008 stabilisce  che il maggior valore attribuito ai beni in sede di rivalutazione può essere  fiscalmente riconosciuto a decorrere dal quinto esercizio successivo a  quello con riferimento al quale la rivalutazione è stata eseguita.
Per i contribuenti con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare,  quindi, il maggior valore si considera fiscalmente riconosciuto a decorrere  dall’esercizio che inizia il primo gennaio 2013 a nulla rilevando che, per il  calcolo della plusvalenza e della minusvalenza, il successivo comma  stabilisca un ulteriore differimento dei termini.
Coerentemente con quanto precisato nella circolare n. 18/E del 2006, in  commento alla precedente legge di rivalutazione prevista nei commi 469 e  seguenti dell’articolo 1 della legge n. 266 del 2005, si evidenzia che i  benefici fiscali previsti in termini di quote di ammortamento deducibili e  di plafond per il calcolo delle spese di manutenzione sono rinviati
all’esercizio che inizia il primo gennaio 2013.

4) Rivalutazione in assenza di pagamento dell’imposta sostitutiva

D. Se la rivalutazione è puramente civilistica, ai fini IRAP si potranno  computare gli ammortamenti sul maggior valore come da iscrizione in  bilancio?
R. Il comma 20 dell’articolo 15 del decreto legge n. 185 del 2008 stabilisce che  il maggior valore attribuito ai beni in sede di rivalutazione può essere  fiscalmente riconosciuto con il versamento di un’imposta sostitutiva  dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, dell’imposta sul reddito delle  società, dell’imposta regionale sulle attività produttive e di eventuali
addizionali.
In assenza di pagamento dell’imposta sostitutiva, pertanto, la rivalutazione  non produce effetti fiscali neppure ai fini dell’IRAP.

5) Rivalutazione Beni in leasing - Beni iscritti in bilancio tra i beni merce

 D. Si chiede di conoscere se su un immobile oggetto di rivalutazione ai sensi  della disposizione di cui al decreto legge anticrisi viene effettuata  un’operazione di Sale ad Lease Back prima del decorso del periodo di  osservazione, si perdano o meno i benefici conseguenti alla rivalutazione  stessa? E, nell’ipotesi di risposta affermativa, se il contribuente ha diritto al  recupero, pro quota, delle imposte sostitutive versate su detto immobile.
R. In linea generale, coerentemente con quanto precisato nella circolare n. 18/E  del 2006 in commento alla precedente legge di rivalutazione prevista nei  commi 469 e seguenti dell’articolo 1 della legge n. 266 del 2005, si  evidenzia che i beni oggetto di un contratto di leasing possono essere  rivalutati esclusivamente dall’utilizzatore a condizione che sia stato
esercitato il diritto di riscatto entro l’esercizio in corso alla data del 31  dicembre 2007.
Ciò in quanto sono rivalutabili solo i beni in proprietà, così come si evince  dalle disposizioni contenute nell’articolo 2, comma 3, del decreto del  Ministero delle finanze 13 aprile 2001, n. 162 - richiamato dal comma 23  dell’articolo 15 del decreto legge in esame - nel quale è stabilito che, ai fini  della rivalutazione, i beni si considerano acquisiti alla data del trasferimento  del diritto di proprietà o altro diritto reale o della consegna con clausola di  riserva della proprietà.
Si ritiene, pertanto, che la stipula di un contratto di lease-back nel periodo di  sospensione, concretizzandosi in un’operazione che comporta il  trasferimento giuridico del diritto della proprietà del bene, determina  l’applicazione della regola generale di cui al comma 21 dell’articolo 15 del  decreto legge in esame, secondo la quale “ai fini della determinazione delle  plusvalenze o minusvalenza si ha riguardo al costo del bene prima della  rivalutazione”.
In tale ipotesi, si rende applicabile quanto previsto dall’articolo 3 del  decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze 19 aprile 2002, n. 86  (richiamato dal comma 23 dell’articolo 15 del decreto legge in esame) e  precisato nella circolare n. 18/E del 2006, con la conseguenza che è  riconosciuto al cedente un credito d’imposta pari all’ammontare  dell’imposta sostitutiva riferibile ai beni ceduti. 
Beni iscritti in bilancio tra i beni merce
D. È corretto ritenere che le norme in tema di rivalutazione contenute nel  decreto legge non siano applicabili nel caso in cui i beni risultassero iscritti  al 31.12.2007 tra i beni merce e solo nel 2008 tra le immobilizzazioni?
R. Come si evince dai commi 16 e 17 dell’articolo 15 del decreto legge in  esame, l’adeguamento dei valori deve essere eseguito nel bilancio relativo  all’esercizio in corso al 31 dicembre 2008, in relazione ai beni risultanti dal  bilancio in corso al 31 dicembre 2007.
Ne deriva la necessità che gli immobili siano iscritti tra le immobilizzazioni  rivalutabili sia nel bilancio relativo all’esercizio in corso al 31 dicembre  2007 che nel bilancio relativo all’esercizio successivo.
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI 2022 · 27/06/2022 Rivalutazione terreni e partecipazioni: una storia infinita di proroghe

La rivalutazione delle partecipazioni e terreni: tutte le leggi di proroga fino all'ultimo termine del 15 novembre 2022

Rivalutazione terreni e partecipazioni: una storia infinita di proroghe

La rivalutazione delle partecipazioni e terreni: tutte le leggi di proroga fino all'ultimo termine del 15 novembre 2022

Imposta sostitutiva maggior valore attività immateriali: ecco il codice tributo per F24

Con Risoluzione viene istituito il codice tributo per il versamento con F24 della sostitutiva sul maggior valore per le attività immateriali

Rivalutazione del solo costo storico come si calcola? Esempio pratico

Esempio pratico di calcolo della rivalutazione del solo costo storico con le scritture contabili 2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.