assunzione disabili 168

Domanda e Risposta Pubblicato il 24/07/2018

Permessi Legge 104: chi effettua i controlli sul lavoratore?

Ecco i soggetti deputati al controllo del lavoratore assente per assistenza di congiunti come previsto dalla legge 104/92. OK anche alle agenzie investigative

I controlli  dei lavoratori in permesso o congedo a norma della legge n. 104 del 92 possono essere effettuati sia dal datore di lavoro che dall'Inps.

Piu specificamente, il datore di lavoro può rivolgersi anche ai Carabinieri, in quanto chi abusa dei permessi commette un reato di indebita percezione del trattamento economico, reato che è perseguibile d’ufficio e, quindi, la semplice denuncia  può far scattare il procedimento penale a carico del lavoratore.

Inoltre  il datore di lavoro può rivolgersi ad una agenzia di investigazioni private   per controllare come vengono utilizzati i tre giorni di permesso. Infatti la Corte di Cassazione  ha specificato nella  sentenza 9749/ 2016,  che il controllo, demandato dal datore di lavoro ad un'agenzia investigativa, finalizzato all'accertamento dell'utilizzo improprio, da parte di un dipendente, dei permessi di legge non riguarda l'adempimento della prestazione lavorativa, essendo effettuato al di fuori dell'orario di lavoro  ed in fase di sospensione dell'obbligazione principale di rendere la prestazione lavorativa, sicché esso non può ritenersi vietato dallo Statuto dei lavoratori.

L'Inps, invece, per suo conto, in caso di verifica dell'assenza  del lavoratore dal domicilio indicato per l'assistenza dell'anziano o disabile,  può  procedere ad una segnalazione presso la Procura della Repubblica.

Per approfondire scarica la Guida pratica  per il datore di lavoro "Gestione permessi e congedi Legge 104 /92" di C. Vivenzi oppure 

 l'e- book "Legge 104 e agevolazioni disabili - 200 risposte a quesiti e casi concreti" di A. Donati 





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)