Domanda e Risposta Pubblicato il 01/07/2011

Studi di settore: come viene valutato l'apporto lavorativo dei soci amministratori che prestano attività nella società in via prevalente e continuativa?

Tempo di lettura: 0 minuti

Come chiarito dalla Circolare n. 30/E/2011, anche per il 2010 è stata introdotta la stima dell’apporto dei soci amministratori fondata sulle “teste”, cioè sul numero di soggetti, e sulla percentuale di lavoro prestato da essi. Tale nuova metodologia viene applicata indipendentemente dal tipo di rapporto instauratosi tra i soci amministratori e la società (collaborazione coordinata e continuativa o altro tipo di rapporto contrattuale).
Non viene, quindi, più adottata la modalità di calcolo per quantificare il contributo dei soci amministratori fondata sulle “spese” sostenute per la remunerazione dell’attività da essi prestata.

Ti potrebbe interessare

Il foglio fa parte del Pacchetto Dichiarativi 2019 - Raccolta completa di 7 Tools in excel utili per la compilazione delle Dichiarazioni dei redditi 2019 + word raccolta dati IVA ad un prezzo speciale!





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)