E Book

Tutti i casi di Ravvedimento (eBook 2024)

18,90€ + IVA

IN SCONTO 19,90

E Book

Superbonus 2024 (eBook)

16,90€ + IVA

IN SCONTO 18,90
HOME

/

PMI

/

RENDICONTAZIONE NON FINANZIARIA

/

RENDICONTAZIONE DI SOSTENIBILITÀ: ESRS VOLONTARIO

Rendicontazione di sostenibilità: ESRS volontario

Il principio di rendicontazione di sostenibilità “ESRS volontario” per le micro imprese e PMI non quotate. Proporzionalità, semplificazioni per la materialità

Ascolta la versione audio dell'articolo

L’8 novembre 2023, l’EFRAG sustainability reporting, ha pubblicato il draft del principio di rendicontazione di sostenibilità “ESRS volontario” per le micro imprese e PMI non quotate

Si tratta di un unico standard, che sembra eliminare ogni dubbio riguardo l’indirizzo “obbligato” verso l’adozione volontaria dell’adeguata informativa di sostenibilità, unitamente al bilancio d’esercizio, anche da parte delle imprese non soggette all’obbligo della Direttiva UE 2022/2464, Corporate Sustainability Reporting Directive, CSRD, in vigore dal 5 gennaio 2023. 

Ciò, del resto, deve ritenersi coerente con i principi e le finalità generali della stessa Direttiva UE CSRD. Anche se sotto forma di DRAFT, il documento è un utile riferimento per le imprese e gli addetti ai lavori, per predisporre l’informativa di sostenibilità proporzionata, già a partir dall’anno fiscale 2024, in tutti quei casi in cui l’impresa opera nel perimetro della catena del valore delle grandi imprese. 

Il principio prevede un’informativa di tipo modulare, semplificata per le microimprese, alle quali non è richiesta l’analisi della materialità. 

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com.

1) ESRS volontario: scopo e perimetro soggettivo

Lo scopo del principio “ESRS volontario” è sostenere le micro, piccole e medie imprese nel:

a) contribuire a un’economia più sostenibile e inclusiva;

b) migliorare la gestione delle questioni di sostenibilità che si trovano ad affrontare, vale a dire le sfide ambientali e sociali, come l'inquinamento, la salute e la sicurezza della forza lavoro. Questo supporterà la loro crescita competitiva e rafforzerà la propria resilienza nel breve, medio e lungo termine;

c) fornire informazioni che aiuteranno a soddisfare la domanda di dati da parte di finanziatori/fornitori di credito e investitori, aiutando così le imprese nel loro accesso ai finanziamenti;

d) fornire informazioni che contribuiscano a soddisfare le esigenze di domanda di dati delle grandi imprese (che richiedono informazioni sulla sostenibilità ai propri fornitori), già per l’anno fiscale 2024. 

Lo standard si rivolge alle imprese che non rientrano nell’obbligo della Direttiva sulla rendicontazione di sostenibilità. L’articolo 3 della Direttiva 2013/34/UE, definisce e distingue tre categorie di piccole e medie imprese:

  • Microimpresa se non supera due delle seguenti soglie: 
    • 350.000 euro di totale di bilancio, 
    • 700.000 euro di fatturato netto e 10 dipendenti.
  • Piccola impresa se non supera due delle seguenti soglie: 
    • 4 milioni di euro di totale di bilancio, 
    • 8 milioni di euro di fatturato netto o una media di 50 dipendenti.
  • Media impresa se non supera due delle seguenti soglie: 
    • 20 milioni di euro di totale di bilancio, 
    • 40 milioni di euro di fatturato netto e 250 dipendenti.

Della stessa autrice ti consigliamo:

2) ESRS volontario: proporzionalità ed informativa

L’ESRS prevede tre moduli che l’impresa può scegliere di utilizzare come base per la redazione del proprio reporting di sostenibilità:

  • Modulo Base: questo modulo rappresenta l'approccio target per le microimprese e un requisito minimo per le altre imprese. Non è richiesta l'analisi di materialità.
  • Modulo Narrativo-Politiche, Azioni e Obiettivi (PAT): questo modulo definisce le informative narrative in relazione alle Politiche, Azioni e Obiettivi (PAT), da rendicontare se l'impresa le dispone. Questo modulo è proposto alle imprese che hanno formalizzato e implementato il PAT. L'analisi di materialità è necessaria per rivelare quali questioni di sostenibilità rilevanti per l'attività e l'organizzazione dell'impresa.
  • Modulo Business Partners (BP): questo modulo imposta punti dati aggiuntivi che probabilmente lo faranno essere incluso nelle richieste di dati da parte di istituti di credito, investitori e clienti aziendali dell’impresa. L'analisi di materialità è necessaria per limitare il report solo ai dati rilevanti per l'impresa. Una volta scelto, un modulo dovrà essere rispettato nella sua interezza.

FOCUS SUI MODULI

OPZIONE A:Modulo Base (solo per le microimprese)
OPZIONE B:Modulo Base e Modulo Narrativo-PAT
OPZIONE C:Modulo Base e Modulo Business Partners
OPZIONE D:Modulo Base, Modulo Narrativo-PAT e Modulo Business Partner


Si consiglia della stessa autrice: Rendicontazione sostenibilità e Modello di Business ESG
Segui tutti gli aggiornamenti nel Dossier Gratuito dedicato alla Rendicontazione non Finanziaria

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com 

3) ESRS volontario: i principi per la redazione del report di sostenibilità

Il report di sostenibilità delle microimprese e PMI è redatto con cadenza annuale contestualmente al bilancio d’esercizio, se redatto. 

L'impresa può presentare il report di sostenibilità in una sezione separata della relazione sulla gestione (come previsto dagli ESRS destinati alle grandi imprese), qualora quest'ultima sia prevista dalla normativa applicabile. In caso contrario, l'impresa può presentare la propria dichiarazione di sostenibilità in un documento differente

Per evitare di pubblicare duplicazioni dell’informazione pubblicate in altri documenti accessibili contestualmente, l’imprese può fare riferimento ad essi.

Il principio tratta i requisiti applicativi obbligatori (come l’ESRS  1 per le grandi imprese) che dovranno essere applicati nella fase di redazione del modulo narrativo PAT o il Modulo Business Partner, BP)

Focus sui requisiti applicativi obbligatori

Orizzonte temporale:

Nel predisporre il reporting di sostenibilità, l’impresa applica i seguenti orizzonti temporali:

a) per l'orizzonte temporale di breve termine: un anno;

b) per l'orizzonte di medio termine: da due a cinque anni; 

c) per l'orizzonte di lungo termine: superiore a cinque anni.

Coerenza e collegamenti con l’informativa di bilancio:

Se l’impresa redige anche il bilancio, l’informativa del reporting di sostenibilità:

a) è coerente con quanto riportato nel bilancio dello stesso periodo; 

b) può essere presentata in modo da facilitare la comprensione dei collegamenti esistenti con l'informativa riportata nel bilancio, ad esempio utilizzando opportuni rimandi.

Della stessa autrice ti consigliamo:

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com 

4) ESRS volontario: l’informativa e le metriche

L'impresa deve riferire sulle proprie questioni ambientali, sociali e di condotta aziendale contemplando anche le informazioni comparative, a partire dal secondo anno di rendicontazione. L’obbligo di informativa contempla le seguenti disclosure:

Metriche ambientali:

Disclosure B 2Pratiche per la transizione verso un’economia più sostenibile
Disclosure B 3Energia ed emissioni di gas serra
Disclosure B 4Inquinamento dell'aria, dell'acqua e del suolo
Disclosure B 5Biodiversità
Disclosure B 6    Acqua
Disclosure B 7Utilizzo delle risorse, economia circolare e gestione dei rifiuti

Metriche sociali:

Disclosure 8Organico – Caratteristiche generali
Disclosure 9Forza lavoro – Salute e sicurezza
Disclosure 10Forza lavoro – Retribuzione, contrattazione collettiva e formazione

Condotta aziendale:

Disclosure 11Condanne e multe per corruzione e concussione

L’informativa deve essere rendicontata e non è necessaria alcuna valutazione di materialità. Alcune informative possono essere legate alle circostanze specifiche. Quando l’informativa viene omessa, si presuppone che non sia applicabile. Le Metriche da B 3 a B 11 possono essere integrate con ulteriori informazioni qualitative e/o quantitative, ove opportuno, selezionandole dal Modulo Narrativa-PAT e dal Modulo Business Partners.

Si consiglia della stessa autrice: Rendicontazione sostenibilità e Modello di Business ESG
Segui tutti gli aggiornamenti nel Dossier Gratuito dedicato alla Rendicontazione non Finanziaria

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com 

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RENDICONTAZIONE NON FINANZIARIA · 22/02/2024 Reporting di sostenibilità

In consultazione pubblica lo schema di recepimento in Italia della Direttiva (UE) 2023/2464,CSRD, semplificazioni per le PMI

Reporting di sostenibilità

In consultazione pubblica lo schema di recepimento in Italia della Direttiva (UE) 2023/2464,CSRD, semplificazioni per le PMI

Schema del decreto che recepisce in Italia la Direttiva (UE), CSRD

In consultazione lo Schema del decreto che recepisce in Italia la Direttiva (UE), Corporate Sustainability Reporting Directive, CSRD

Reporting di Sostenibilità ESG

Il libro "Reporting di Sostenibilità ESG affronta il tema cruciale della rendicontazione di sostenibilità ambientale, sociale e di governance (ESG) per professionisti e imprese.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.