HOME

/

FISCO

/

REDDITI ESTERI 2023

/

VISTO D'INGRESSO PER RESIDENZA ELETTIVA IN ITALIA: CHIARIMENTI ADE

Visto d'ingresso per residenza elettiva in Italia: chiarimenti ADE

Il visto d'ingresso in Italia di un cittadino straniero non equivale all'iscrizione nelle anagrafi della popolazione residente: chiarimenti delle Entrate

Ascolta la versione audio dell'articolo

Con la recente Risposta n. 119 di gennaio 2023ADE ha chiarito come il visto di ingresso in Italia di un cittadino straniero non equivale all'iscrizione nelle anagrafi della popolazione residente prevista dall'articolo 2, comma 2, del TUIR. 

Vediamo quale è stato l’iter che ha seguito un cittadino britannico residente in Svizzera elettivamente residente in Italia.

1) Visto d'ingresso per residenza elettiva in Italia: il caso di specie

Nell'interpello 119/2023 l'Istante, che per brevità chiameremo anche ''il residente elettivo'', è un un cittadino britannico con interessi anche in Italia, ove soggiorna per lunghi periodi.    

Questi segnala di essere residente in Svizzera ove dimora abitualmente e dove si trova la sede principale dei suoi affari ed interessi. 

Fino a qui sembra non esserci collegamento con il Paese italico, se non fosse che il residente elettivo possiede in Italia due proprietà immobiliari nelle quali si reca per trascorrere dei periodi di vacanza. 

Come noto l’Inghilterra è ormai un Paese extra UE, e questo crea dei problemi di giorni di permanenza che eccedano i tre mesi concessi in questi casi.

Infatti, l'Istante specifica, inoltre, che a seguito della Brexit, per poter restare in Italia per periodi superiori ai 90 giorni, ha richiesto un visto di soggiorno per residenza elettiva  che gli è stato rilasciato, prevedendo la scadenza annuale. 

Tuttavia l'Istante segnala come, in realtà, la sua permanenza nel nostro Paese nell'anno di riferimento non abbia superato i 183 giorni e, pertanto, pur titolare del visto di soggiorno, non ha richiesto il permesso di soggiorno in Italia per residenza elettiva né si è iscritto nei registri anagrafici della popolazione residente in Italia. 

Ti consigliamo:

2) Perplessità tributarie ex art 2 comma 2 TUIR

Ciò posto, il residente elettivo chiede alla scrivente se il mero possesso del permesso di soggiorno per residenza elettiva, per la maggior parte del periodo d'imposta, integri, di per sé, una presunzione di residenza fiscale, ai sensi dell'articolo 2, comma  2, del Testo Unico delle imposte sui redditi, approvato con DPR del 22 dicembre 1986,n. 917 (di seguito TUIR), anche se la permanenza dell'Istante in Italia risulta inferiore ai 183 giorni nell'anno di riferimento, rendendo il suddetto residente elettivo soggetto ai conseguenti obblighi tributari nel nostro Paese.

Ti consigliamo:

3) La soluzione del contribuente

L'Istante segnala, in primo luogo, che l'articolo 2, comma 2, del TUIR nel definire il concetto di residenza fiscale enuclea tre diversi criteri tra loro alternativi che devono sussistere per la maggior parte del periodo d'imposta:

  1. l'iscrizione anagrafica; 
  2. il  domicilio civilistico  (inteso, ai  sensi  dell'articolo  43, comma  1,  del codice  civile come il luogo in cui la persona ha stabilito la sede principale dei suoi affari o interessi); 
  3. la residenza civilistica  (intesa, ai  sensi  dell'articolo  43, comma  2,  del codice  civile, come il luogo in cui la persona ha la dimora abituale). 

Posto che le tre condizioni sono alternative, il residente elettivo rileva come,  affinché un soggetto sia considerato residente in Italia, sia sufficiente che se ne verifichi una sola. 

Per quel che concerne, invece, la nozione di residenza nella normativa internazionale, l'Istante richiama le disposizioni contenute nell'articolo 4, paragrafi 1 e  2 della Convenzione tra l'Italia e la Svizzera per evitare le doppie imposizioni, firmata  a Roma il 9 marzo 1976 e ratificata con legge 23 dicembre 1978, n. 943 (di seguito la Convenzione o il Trattato internazionale). 

Ciò posto, l'Istante ritiene che, in relazione all'anno d'imposta de quo, 

  • il mero possesso del visto per residenza elettiva dalla data di richiesta del visto, 
  • senza che il residente elettivo risulti titolare del relativo permesso di soggiorno né risulti iscritto all'anagrafe della popolazione residente nel Comune dove possiede l'immobile in cui soggiorna per periodi di vacanza in Italia, 
  • e, nel presupposto fattuale che, comunque, lo stesso residente elettivo non utilizzi tale visto per periodi di soggiorno superiori complessivamente ai 183 giorni nell'anno di riferimento, 
  • non integri il presupposto della  residenza  fiscale in  Italia, ai  sensi dell'articolo 2 del TUIR. 

Questa convinzione del residente elettivo rileva, infatti, che non sono previste dalla vigente normativa italiana altre condizioni di natura formale (oltre  a quella dell'iscrizione anagrafica) che, mantenute per la maggior parte del periodo d'imposta, possono determinare una presunzione di residenza fiscale dell'Istante nel nostro Paese. 

L'Istante fa presente di rimanere residente in Svizzera, ove vive abitualmente ed ha il centro dei propri interessi sia economici che familiari, con la conseguenza che non ricorrono neppure gli altri due requisiti del domicilio e della residenza ai sensi dell'articolo 43 del codice civile italiano, previsti dal citato articolo 2, comma 2, del TUIR. 

Anche se, occorre specificare che l’accertamento di questo ultimo aspetto non è oggetto dell'interpello in esame. 

In conclusione, a giudizio del residente elettivo, nessuna presunzione di residenza potrà essere fatta valere nel caso di specie senza dimostrare, quanto meno, la permanenza in Italia dell'Istante per la maggior parte del periodo d'imposta in esame.

Ti consigliamo:

4) La risposta dell'Agenzia delle Entrate

L'Agenzia, cautelativamente premett che non rientra nella propria competenza, limitata all'ambito tributario, valutare gli obblighi previsti alla legge in capo ad un soggetto che sia in possesso del visto di soggiorno per residenza elettiva, di richiedere, entro un certo lasso temporale dal suo ingresso nello Stato italiano, il relativo permesso di soggiorno e di effettuare la conseguente iscrizione nelle Anagrafi della popolazione residente. 

Ciò posto, ADE conferma che l'ottenimento del visto per residenza elettiva non può essere considerato equivalente all'iscrizione nelle anagrafi della popolazione residente prevista dall'articolo 2, comma 2, del TUIR. 

Si osserva, tuttavia, come tale circostanza appaia ininfluente ad escludere, nella fattispecie in esame, una residenza fiscale italiana dell'Istante nell'anno di riferimento.  

Come evidenziato anche dall'Istante, infatti, ai sensi della citata normativa, la residenza fiscale viene radicata in Italia anche qualora siano riscontrati nel nostro Paese, per la  maggior parte del periodo d'imposta, il domicilio o la residenza ai sensi del codice civile.

L’agenzia rileva, inoltre, come in tema di autorizzazione all'ingresso dello straniero per residenza elettiva, la giurisprudenza amministrativa abbia precisato che, trattandosi per l'appunto di ''residenza'', lo straniero deve dimostrare di voler effettivamente stabilirsi in Italia, posto che per residenza si intende luogo di stabile dimora. 

In particolare, è stata affermata la legittimità del diniego al rilascio del visto di ingresso per residenza elettiva motivato dalla mancata dimostrazione circa la reale intenzione dell'interessato a vivere e risiedere nel nostro Paese permanentemente. 

Secondo il giudice amministrativo, infatti, ''il d.m. 11.5.2011 rimanda alla nozione di residenza effettiva, che è quella determinata dalla abituale e volontaria dimora di una persona in un determinato luogo, ossia dall'elemento obiettivo della permanenza in tale luogo e dall'elemento soggettivo dell'intenzione di abitarvi stabilmente'' (cfr. sentenza del TAR del Lazio, sez. III, n. 7797 del 7 luglio 2016).

Ti consigliamo:

Allegato

Risposta a interpello n 119 del 20 gennaio 2023
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RECENSITI PER VOI · 19/06/2024 Redditi esteri persone fisiche: tutto quesiti 2024

Redditi esteri: obblighi e questioni operative, redditi di lavoro dipendente, immobili all'estero, pensioni, dividendi, altri redditi, monitoraggio fiscale, patrimoniali estere

Redditi esteri persone fisiche: tutto quesiti 2024

Redditi esteri: obblighi e questioni operative, redditi di lavoro dipendente, immobili all'estero, pensioni, dividendi, altri redditi, monitoraggio fiscale, patrimoniali estere

Quale trattamento fiscale del lavoro da remoto per datori esteri?

Il lavoratore italiano residente in Italia è soggetto a tassazione esclusiva in Italia per i redditi derivanti dal lavoro svolto in smart working per un datore di lavoro estero

Lavoro all'estero 2024

Lavoro all'estero 2024 per chiunque abbia necessità di gestire o comprendere le complessità del lavoro all'estero, dalla prospettiva fiscale, previdenziale e amministrativa

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.