HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

TRASPARENZA: GLI OBBLIGHI NEI CASI DI DISTACCO ALL'ESTERO

Trasparenza: gli obblighi nei casi di distacco all'estero

Gli obblighi di informativa completa e trasparente ai lavoratori distaccati all'estero dopo il Decreto legislativo 104 2022

Il Decreto Trasparenza  n. 104 2022  prevede nuovi obblighi di fornire informazioni adeguate e complete al lavoratore,  da parte del  datore di lavoro, sia all'inizio del rapporto di lavoro che  nel prosieguo, per i casi in cui intervengano rilevanti variazioni.

 Una particolare attenzione va posta alla gestione dei  lavoratori  dipendenti delle imprese italiane chiamati a svolgere la propria prestazione all’estero, ad esempio, nelle ipotesi di distacco transnazionale. 

Vediamo di seguito la disciplina ante e post decreto trasparenza e gli obblighi in particolare in caso di modifiche al contratto.

L'articolo è tratto dall'E-book L'informativa trasparenza ai lavoratori  di P. Ballanti PDF 2022  - 94 pagg.  normativa e facsimili 

1) La disciplina ante Decreto Trasparenza: distacco all'estero

La disciplina è contenuta all’articolo 2 del Decreto legislativo numero 152/1997 che, prima delle modifiche del D.Lgs. numero 104/2022, imponeva al datore di lavoro di fornire “al lavoratore inviato all’estero per un periodo superiore a trenta giorni, prima della partenza” (e comunque non oltre il termine di cui all’articolo 1, comma 1) le seguenti ulteriori informazioni: 

•    La durata del lavoro da effettuare all’estero;

•    La valuta in cui verrà corrisposta la retribuzione;

•    Gli eventuali vantaggi in denaro o in natura, collegati allo svolgimento della prestazione lavorativa all’estero;

•    Le eventuali condizioni di rimpatrio del lavoratore. 

Il secondo comma dispone che l’informazione relativa alla valuta ed agli eventuali vantaggi in denaro o in natura, può essere effettuata mediante rinvio alle norme del contratto collettivo applicato al lavoratore.

Leggi anche obblighi trasparenza i chiarimenti ai datori di lavoro dell'INL e  Contratto intermittente: le novita dopo il d.lgs trasparenza

2) La discplina per i distacchi dopo il decreto Trasparenza

Il nuovo articolo 2 del Decreto legislativo numero 152/1997 dispone, nei confronti del datore di lavoro che distacca in uno Stato membro dell’Unione europea o extra-UE un lavoratore, nell’ambito di una prestazione transazionale di servizi, l’obbligo di fornire allo stesso, per iscritto e prima della partenza, qualsiasi modifica degli elementi del rapporto, di cui all’articolo 1, comma 1, Legge numero 152/1997.

Vanno specificate inoltre le seguenti informazioni:

  •  Il paese o i paesi in cui dev’essere svolto il lavoro all’estero e la durata prevista;
  • La valuta in cui verrà corrisposta la retribuzione;
  • eventuali prestazioni ulteriori in denaro o in natura inerenti agli incarichi svolti;
  • Ove sia previsto il rimpatrio, vanno evidenziate anche le condizioni che lo disciplinano;
  •  La retribuzione cui ha diritto il lavoratore, conformemente al diritto applicabile dello Stato membro ospitante;
  • Le eventuali indennità specifiche per il distacco e le modalità di rimborso delle spese di viaggio, vitto e alloggio;
  • L’indirizzo del sito internet istituzionale dello Stato membro ospitante in cui sono pubblicate le informazioni sul distacco.

Al lavoratore che è inviato in missione in un altro Stato membro o in un paese terzo per un periodo superiore a quattro settimane consecutive, il datore di lavoro deve comunicare per iscritto, prima della partenza:

  1.  qualsiasi modifica degli elementi del rapporto di lavoro (di cui all’articolo 1, comma 1), nonché
  2.  le ulteriori informazioni citate nei primi quattro punti  (paese, valuta, prestazioni ulteriori in denaro o in natura, condizioni per il rimpatrio). 

Sono in ogni caso esclusi dalle disposizioni dell’articolo 2,:

  • dipendenti di amministrazioni pubbliche in servizio all’estero
  • i lavoratori marittimi e della pesca.  


3) Modifiche agli elementi del contratto dopo l’assunzione


Il successivo articolo 3 dispone che il datore di lavoro e il committente pubblico e privato comunicano per iscritto al lavoratore, entro “il primo giorno di decorrenza degli effetti della modifica” qualsiasi variazione riguardante:

  •   Le informazioni contrattuali, di cui all’articolo 1, comma 1 del Decreto legislativo numero 152/1997, così come modificato dal Decreto Trasparenza;
  •   Le informazioni sull’utilizzo di sistemi decisionali o di monitoraggio automatizzati, di cui all’articolo 1-bis del Decreto legislativo numero 152/1997, così come modificato dal Decreto Trasparenza;
  •   Le informazioni concernenti le prestazioni di lavoro all’estero, di cui all’articolo 2 del Decreto legislativo numero 152/1997, così come modificato dal Decreto Trasparenza.
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 01/02/2023 Retribuzioni minime dipendenti 2023 ai fini contributivi

Tabelle retribuzioni minime per i contributi previdenziali 2023 dei lavoratori dipendenti- Circolare INPS 11 del 1.2.2023: regolarizzazione gennaio entro il 16 maggio

Retribuzioni minime dipendenti 2023 ai fini contributivi

Tabelle retribuzioni minime per i contributi previdenziali 2023 dei lavoratori dipendenti- Circolare INPS 11 del 1.2.2023: regolarizzazione gennaio entro il 16 maggio

Prepensionamento giornalisti nella nuova gestione INPS

Le istruzioni per l'accesso al prepensionamento e come fare domanda. Circolare INPS 10 del 31 gennaio 2023 per giornalisti e poligrafici editoria l.417/81

Sicurezza industrie chimiche: linee guida INAIL 2023

Pubblicate in un volume INAIL gratuito le Linee di indirizzo aggiornate per la salute e sicurezza sul lavoro nell'industria chimica: standard UNI ISO 45001 e modello 231

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.