HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

ANTICIPO TFR SENZA CONTRIBUTI SOLO SE I MOTIVI SONO DOCUMENTATI

Anticipo TFR senza contributi solo se i motivi sono documentati

Le regole per l'erogazione del TFR e i rischi di accertamento contributivo per i datori di lavoro - Sentenza Cassazione n. 4670/2021

La Corte di Cassazione, con la sentenza 22 febbraio 2021 n. 4670, ha deciso che il datore di lavoro che anticipa quote di TFR al dipendente è tenuto al versamento dei contributi se non ricorrono le condizioni individuate dall’art. 2120 c.c. o quelle di miglior favore previste dalla contrattazione collettiva o da patti individuali. 

 L’articolo 2120 codice civile prevede che il lavoratore ha diritto di chiedere, una sola volta nel corso del rapporto, un’anticipazione del TFR che avrebbe diritto a ricevere  in caso di risoluzione del rapporto. Su tale importo il datore di lavoro non ha l'obbligo di versamento contributivo

La somma anticipata viene detratta dal TFR complessivamente spettante al lavoratore. 

L’anticipazione, in misura non superiore al 70% del TFR maturato, può essere corrisposta ai lavoratori che hanno maturato almeno 8 anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro.

Le richieste sono soddisfatte annualmente entro il limite del 10 per cento degli aventi diritto e comunque del 4 per cento del numero totale dei dipendenti e devono essere giustificate dalla necessità di:

  • spese sanitarie per terapie e interventi straordinari riconosciuti dall’ASL;
  • acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i propri figli, documentato con atto notarile. 

1) Quote di TFR versate senza contribuzione - Sentenza 4670 2021

Nel caso preso in esame dalla Cassazione con la sentenza n. 4670 2021, un’azienda aveva erogato a titolo di anticipazione al proprio dipendente quote del TFR maturato senza versare i contributi all’INPS.

L’Istituto previdenziale ha emesso nei suoi confronti una cartella esattoriale per il pagamento dei contributi omessi sulle anticipazioni del TFR, non essendo le stesse formalizzate né documentate le motivazioni, quindi non risultando  erogate per le tassative ipotesi previste dall’art. 2120 c.c.

Contro la cartella esattoriale l’azienda aveva proposto opposizione, accolta dal giudice di primo grado. 

Invece in sede di appello la pronuncia è stata riformata rigettando il ricorso e confermando l’obbligazione contributiva.

L’azienda è ricorsa alla Suprema Corte, la quale ha deciso che i giudici di appello hanno agito correttamente, affermando che solo la sussistenza degli elementi costitutivi dell’art. 2120 c.c. consente di qualificare l’erogazione datoriale come anticipazione del TFR. In difetto, l’erogazione monetaria al lavoratore non si sottrae all’obbligazione contributiva.

Puo essere consigliabile quindi , in ogni caso di anticipazione del trattamento di fine rapporto  esigere dai lavoratori richiesta scritta, con data certa, e documentazione probante la motivazione, ad evitare ogni rischio di contestazione da parte dell'istituto previdenziale.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

DECRETI RISTORI - EMERGENZA CORONAVIRUS · 29/07/2021 Esonero contributi professionisti: le domande entro il 31 luglio o 31 ottobre

Pubblicato il decreto sull'esonero contributivo. Le domande di esonero, per gli autonomi INPS entro il 31 luglio, per gli altri enti previdenziali entro il 31 ottobre

Esonero contributi professionisti: le domande entro il 31 luglio o 31 ottobre

Pubblicato il decreto sull'esonero contributivo. Le domande di esonero, per gli autonomi INPS entro il 31 luglio, per gli altri enti previdenziali entro il 31 ottobre

Artigiani, Commercianti, Autonomi in gestione separata: al 15 settembre la rata INPS

Slittano al 15 settembre, oltre alle tasse, anche i versamenti contributivi della gestione Artigiani e Commercianti, nonché per gli autonomi iscritti alla Gestione separata.

CCNL agricoltura conto terzi: c'è il rinnovo

Firmato il rinnovo del ccnl per i dipendenti dalle imprese che esercitano attività agro-meccaniche, cd. contoterzismo in Agricoltura. In vigore dal 1 .1.2021 al 31.12.2023

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.