IN PRIMO PIANO:

Speciale Pubblicato il 04/05/2021

ERASMUS+ 2021 più inclusivo, digitale e green

di Marcozzi Alessandra

Tempo di lettura: 4 minuti
erasmus

Il nuovo Erasmus+ 2021-2027 il programma della Comunità Europea ha una dotazione di 28,4 miliardi di euro per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport

Commenta Stampa

ERASMUS+, che ha preso il via con la prima call del 2021, è il più importante programma europeo per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport.

La sua dotazione finanziaria è più ricca che mai: 28,4 miliardi di euro, che rappresentano un importo quasi doppio rispetto al programma precedente (2014-2020).

L’ampiezza tematica di Erasmus+, che insiste su istruzione e formazione di alta qualità e inclusiva, apprendimento formale, non formale e informale, coincide con la volontà di supportare e incoraggiare la partecipazione al programma di individui di tutte le età per raggiungere le competenze e le qualifiche essenziali per l’adesione attiva alla società, la comprensione interculturale e l’inclusione nel mercato del lavoro.

Tra le numerose azioni di questo importante programma, Erasmus+ offre opportunità per la mobilità e la cooperazione negli ambiti: 

  • Istruzione scolastica (compresa educazione e la cura della prima infanzia)
  • Istruzione e formazione professionale
  • Istruzione superiore
  • Gioventù
  • Educazione degli adulti
  • Sport
  • Jean Monnet

I progetti di mobilità e cooperazione, in questi ambiti, interesseranno, nel 2021-2027, un numero maggiore di partecipanti e di organizzazioni.

Infatti, novità della nuova programmazione è quella di coinvolgere per la mobilità negli ambiti istruzione scolastica e educazione degli adulti, non più esclusivamente personale delle scuole e degli enti di formazione, ma anche i discenti.

Inoltre, per favorire la partecipazione al programma di organizzazioni che non hanno esperienza di progettazione europea, oltre ai partenariati di cooperazione, il programma introduce i partenariati su piccola scala che grazie a regole semplici, durata breve e finanziamenti ridotti (budget forfettari di 30.000 euro o 60.000 euro) rendono più accessibile l’accesso ad Erasmus+. 

1) Cos'è un progetto di mobilità?

Erasmus+ consente alle organizzazioni attive nel campo dell'istruzione, della formazione e della gioventù di ricevere un sostegno dal programma per realizzare progetti che promuovono diversi tipi di mobilità.

A seconda del profilo dei partecipanti coinvolti, sono sostenuti i seguenti tipi di progetti di mobilità:

nel campo dell'istruzione e della formazione:

  • progetto di mobilità per studenti e personale dell'istruzione superiore;
  • progetto di mobilità per discenti e personale IFP;
  • progetto di mobilità per gli alunni e per il personale scolastico;
  • progetto di mobilità per il personale e i discenti dell'istruzione degli adulti; 

nel campo della gioventù:

  • progetti di mobilità per i giovani, “scambi di giovani”;
  • progetti di mobilità per animatori socioeducativi;
  • attività di partecipazione dei giovani.

2) Cosa sono i partenariati per la cooperazione?

I partenariati per la cooperazione permettono alle organizzazioni partecipanti di acquisire esperienza nella cooperazione internazionale e di rafforzare le loro capacità, producendo al contempo risultati innovativi di alta qualità, nell’ambito dell’istruzione, della formazione e della gioventù. A seconda degli obiettivi del progetto, delle organizzazioni partecipanti coinvolte, delle attività e dell'impatto previsto, i partenariati per la cooperazione possono essere di dimensioni e portata diverse.

Sulla base di ciò possono essere presentanti, finanziati (se meritevoli) e realizzati:

  • partenariati di cooperazione
  • partenariati su scala ridotta

Ogni anno, la Commissione europea stabilisce le priorità e gli obiettivi comuni da perseguire nell'ambito del programma Erasmus+ nei diversi campi dell'istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport. 

Il progetto dovrà perseguire almeno una di queste priorità. Inoltre, oltre alle priorità applicabili a tutti i settori e a quelle specifiche di ogni settore, la nuova programmazione prevede e sostiene una maggiore attenzione di tutti i progetti ai temi chiave dell’inclusione sociale, della sostenibilità ambientale e della transizione verso il digitale.

3) Partenariati di cooperazione

Indipendentemente dall’ambito di intervento del progetto, i partenariati di cooperazione sono aperti a qualsiasi tipo di organizzazione attiva nel campo dell'istruzione, della formazione, della gioventù, dello sport o in altri settori socioeconomici e sono aperti anche a organizzazioni che svolgono attività trasversali a diversi campi (ad esempio enti locali, regionali e nazionali, centri di riconoscimento e certificazione, camere di commercio, organizzazioni professionali, centri di orientamento, organizzazioni culturali e sportive).

A seconda della priorità e degli obiettivi del progetto, i partenariati di cooperazione dovrebbero coinvolgere un’ampia categoria di partner così da beneficiare di una molteplicità di esperienze, profili, e competenze specifiche e ottenere risultati in linea con il programma e il progetto che si intende realizzare e di alta qualità.

Un partenariato di cooperazione è transnazionale e coinvolge almeno tre organizzazioni di tre diversi paesi aderenti al programma. Il contributo totale assegnato a un progetto è di importo variabile, con un minimo di 100.000 euro e un massimo di 400.000 euro per progetti con durata minima di 12 mesi e massima di 36 mesi.

4) Partenariati su scala ridotta

Così come per i partenariati di cooperazione, i partenariati su scala ridotta sono aperti a qualsiasi tipo di organizzazione attiva nel campo dell'istruzione, della formazione, della gioventù, dello sport o in altri settori socioeconomici e sono aperti anche a organizzazioni che svolgono attività trasversali a diversi campi.

Un partenariato su scala ridotta è transnazionale e coinvolge almeno due organizzazioni di due diversi paesi aderenti al programma.

Il modello di finanziamento proposto consiste di due importi forfettari possibili, corrispondenti all'importo totale del contributo per il progetto. I richiedenti sceglieranno tra i due importi predefiniti (euro 30.000 o euro 60.000) in base alle attività che desiderano intraprendere e ai risultati che intendono ottenere. I progetti possono avere una durata variabile tra i 6 e i 24 mesi.

Le prossime scadenze nell’Invito a presentare proposte 2021 – EAC/A01/2021 Programma Erasmus+, allegato.


Fonte immagine: Foto di Sasin Tipchai da Pixabay

Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2022-01-06
Prestito Extra 2021 - Verifica della regolarità
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2060-12-31
Gestione fiscale del fondo svalutazione crediti (excel)
In PROMOZIONE a 22,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2022-12-31
Analisi di Bilancio - Pacchetto completo (pdf + excel)
In PROMOZIONE a 91,70 € + IVA invece di 130,75 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE