HOME

/

FISCO

/

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE 2021

/

COOPERATIVE SOCIALI DI PRODUZIONE E LAVORO E SUPERBONUS 110%.

Cooperative sociali di produzione e lavoro e Superbonus 110%.

Limiti all'applicazione del Superbonus 110% per le Cooperative sociali di produzione e lavoro.

Con risposta alla istanza di interpello (n. 253 del 15/04/2021) l’Agenzia delle entrate fornisce chiarimenti ai quesiti rivolti da una cooperativa sociale di tipo “A”, così come definita dalla legge 8 novembre 1991, n. 381, iscritta all’Albo delle Società Cooperative nella sezione “cooperative a mutualità prevalente” e, in particolare, nella categoria delle cooperative sociali

Nello specifico, la cooperativa dichiara di usufruire di specifiche disposizioni di favore, in quanto è una ONLUS di diritto, ai sensi dell’articolo 10, comma 8, del decreto legislativo n. 460 del 1997 e risulta anche iscritta anche nella categoria di produzione e lavoro-gestione servizi (tipo A).

Sul punto, l’istante rappresenta anche di esercitare la propria attività assistenziale, educativa e sociale senza scopo di lucro nel settore della disabilità per persone adulte. Tale attività istituzionale viene svolta anche su edifici di proprietà della Cooperativa, che necessitano di specifici interventi di riqualificazione energetica di (ai sensi dell’art. 1, commi da 344 a 349, legge n. 296 del 2006 e dell’art. 14, decreto legge n. 63 del 2013); inoltre anche interventi di efficienza energetica, nonché antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici e delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici di cui al decreto legge n. 34 del 2020.

Peraltro, l’ente in questione dichiara che, nel periodo di imposta in cui verranno effettuati i lavori, risulterà assoggettata alla disciplina IRES e “percepirà, presumibilmente, esclusivamente reddito di impresa” (ai sensi dell’art. 73, comma 1, lett. a), TUIR). 

In aggiunta, alla stessa cooperativa sociale a mutualità prevalente, si applicano le regole di tassazione di cui all’articolo 2, comma 36-bis e 36-ter del decreto-legge n. 138 del 2011, convertito dalla legge n. 148 del 2011, in relazione agli utili destinati esclusivamente alle riserve indivisibili.

Inoltre, proprio perché la stessa è iscritta anche nella categoria “attività esercitata produzione e lavoro-gestione servizi (tipo a)”, gode delle agevolazioni previste all’articolo 11, del d.P.R. 29 settembre 1973, n. 601.

Sulla base delle norme agevolative alla stessa applicabili, l’ente istante dichiara che “avendo poi destinato integralmente a riserve indivisibili (precluse alla distribuibilità tra i soci sotto qualsiasi forma, sia durante la vita dell’ente che all’atto del suo scioglimento), oltre che ai Fondi mutualistici ex L. 59/1992 nella misura prevista dalla Legge, gli utili di esercizio registrati nel corso dei vari esercizi sociali, si è verificato un pressoché totale abbattimento della base imponibile ai fini IRES”. Relativamente, alle altre tipologie di reddito previste dall’ articolo 6 del TUIR, fa invece presente che non percepirà alcun reddito fondiario, di capitale né redditi diversi.

Visita la nostra sezione dedicata al Terzo Settore con Software, ebook e Formulari sempre aggiornati, tra questi ti segnaliamo in particolare:

1) Tipologie di intervento escluse dal Superbonus 110%: la riqualificazione energetica globale

In relazione agli interventi di riqualificazione energetica globale, si ricorda che questi consistono in attività di «riqualificazione energetica di edifici esistenti, che conseguono un valore limite di fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale inferiore di almeno il 20 per cento rispetto ai valori riportati nell’allegato C, numero 1), tabella 1, annesso al decreto legislativo 19 agosto 2005, n.192» (v. art. 1, comma 344, legge n. 296/2006). 

Sul tema, si rimanda alla circolare n. 30/E del 2020 in cui si chiarisce che detti interventi non possono essere inclusi tra gli interventi trainati ai fini del Superbonus

Infatti, proprio con la precedente circolare n. 36/E del 2007 è stato precisato che data l’assenza di specifiche indicazioni normative, si deve ritenere che la categoria degli “interventi di riqualificazione energetica” comprenda qualsiasi intervento, o insieme sistematico di interventi, che incida sulla prestazione energetica dell’edificio, realizzando la maggior efficienza energetica richiesta dalla norma. L’intervento di cui al citato art. 1. comma 344, pertanto, comprendendo qualsiasi intervento di efficienza energetica ed essendo inteso come un unicum, non distingue tra interventi trainanti e trainati come previsto dal Superbonus.

Lo stesso può quindi essere ammesso esclusivamente come intervento a sé stante e non in combinazione con altri, come indicato anche nella circolare 19/E dell’8 luglio 2020, secondo cui la “scelta di agevolare un intervento, ai sensi del comma 344, impedisce al contribuente di fruire, per il medesimo intervento o anche per parti di esso, delle altre agevolazioni”.

2) Tipologie di enti esclusi dall’agevolazione del Superbonus: soggetti esenti dalle imposte sui redditi

Con riferimento ai soggetti ammessi al Superbonus, la circolare n. 24/E del 2020 ha stabilito che, trattandosi di una detrazione dall’imposta lorda, il Superbonus non può essere utilizzato dai soggetti che:

  • possiedono esclusivamente redditi assoggettati a tassazione separata o ad imposta sostitutiva
  • non potrebbero fruire della corrispondente detrazione in quanto l’imposta lorda è assorbita dalle altre detrazioni o non è dovuta (come nel caso dei soggetti che rientrano nella cd. no tax area). 

Tali soggetti, tuttavia, possono optare, ai sensi del citato articolo 121 del decreto Rilancio, in luogo dell’utilizzo diretto della detrazione, delle modalità alternative di utilizzo previste. 

Viene inoltre, chiarito che il Superbonus non spetta ai soggetti che non possiedono redditi imponibili i quali non possono esercitare neanche l’opzione per lo sconto in fattura o per la cessione del credito. 

In applicazione dei predetti principi, con la già citata circolare 30/E del 2020, è stato ulteriormente chiarito che possono tuttavia accedere al Superbonus tutti i soggetti passivi che “astrattamente” possono essere titolari della predetta detrazione, indipendentemente dalle peculiari modalità di tassazione del reddito, come nel caso del titolare di solo reddito fondiario, derivante dal possesso dell’immobile adibito ad abitazione principale, escluso da tassazione per effetto della deduzione di cui all’articolo 10 del TUIR di importo pari alla rendita catastale. 

Sempre con riferimento ai soggetti ammessi al Superbonus, ai sensi del comma 9, lettera d-bis), dell’articolo 119 del decreto Rilancio, risulta che tale agevolazione può applicarsi agli interventi effettuati dalle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), dalle organizzazioni di volontariato (OdV), dalle associazioni di promozione sociale (APS); per tali enti, come detto in precedenza, non essendo prevista alcuna limitazione espressa, il beneficio spetta per tutti gli interventi agevolabili, indipendentemente dalla categoria catastale.

Nondimeno, con riferimento al caso di specie, è necessario operare una sommaria ricostruzione delle agevolazioni fiscali di cui gode la società cooperativa al fine di determinare se la stessa abbia diritto a fruire del Superbonus e, in particolare, se possa esercitare l’opzione per lo sconto in fattura o per la cessione del credito. 

L’articolo 12 della legge 16 dicembre 1977, n. 904 afferma che «non concorrono a formare il reddito imponibile delle società cooperative e dei loro consorzi le somme destinate alle riserve indivisibili, a condizione che sia esclusa la possibilità di distribuirle tra i soci sotto qualsiasi forma, sia durante la vita dell’ente che all’atto del suo scioglimento». 

 

3) Risposta delle Entrate all'interpello n. 253 del 15/04/2021

In particolare, una cooperativa sociale di produzione e lavoro che, in base all’articolo 11 del D.P.R. n. 601 del 1973, corrisponde retribuzioni per un importo non inferiore al cinquanta per cento dell’ammontare complessivo di tutti gli altri costi, tranne quelli relativi alle materie prime e sussidiarie, è esente dalle imposte sui redditi ovvero fruisce di una esenzione parziale se l’ammontare delle retribuzioni è inferiore al 50 per cento (ma non al venticinque per cento). 

Pertanto, in applicazione dei criteri forniti con le citate circolari n. 24/E e n. 30/E del 2020, qualora la cooperativa istante: 

  • corrisponda retribuzioni per un importo non inferiore al cinquanta per cento dell’ammontare complessivo di tutti gli altri costi tranne quelli relativi alle materie prime e sussidiarie, rientrando tra le ipotesi di esenzione dalle imposte sui redditi di cui al citato articolo 11 del D.P.R. n. 601 del 1973, non potrà beneficiare del Superbonus, né potrà esercitare l’opzione per lo sconto in fattura o per la cessione del credito corrispondente alla detrazione; 
  • usufruisca, invece, della esenzione parziale dalle imposte sui redditi, ai sensi del medesimo articolo 11 del D.P.R. n. 601 del 1973, potrà accedere al Superbonus, nel rispetto delle condizioni e degli adempimenti previsti, ma con la possibilità di optare per la fruizione del predetto Superbonus in una delle modalità alternative previste dall’articolo 121 del decreto Rilancio.
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

SUPERBONUS 110% · 01/08/2021 Sì al Superbonus per interventi sui locali-spogliatoi in concessione a una ASD

Con la Risposta n.515 del 27 luglio 2021 l'Agenzia delle Entrate ammette la possibilità per una ASD di usufruire del Superbonus 110% per interventi sugli spogliatoi

Sì al Superbonus per interventi sui locali-spogliatoi in concessione a una ASD

Con la Risposta n.515 del 27 luglio 2021 l'Agenzia delle Entrate ammette la possibilità per una ASD di usufruire del Superbonus 110% per interventi sugli spogliatoi

Piattaforma Cessione Crediti: nuovo provvedimento delle entrate

Ecco le specifiche tecniche che dal 29 luglio i cessionari useranno per trasmettere richieste di accettazione o rifiuto cessione crediti. Più guida "Piattaforma cessione crediti"

CILA: tutte le novità nel nuovo modello standard per il superbonus

La Conferenza stato Regioni approverà la bozza di CILA-Superbonus con le semplificazioni previste dalla conversione in legge del DL 77/2021. Sarà il modulo standard per i Comuni

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.