cassa colf

Speciale Pubblicato il 05/09/2018

Le ferie nel lavoro domestico

di Quintavalle dott.ssa Rossella

Normativa, esempi di calcolo delle ferie per colf e badanti nel contratto di lavoro domestico aggiornato al 2018

L’articolo 18 del Contratto Nazionale dei collaboratori domestici  stabilisce  che indipendentemente dalla durata e dalla distribuzione dell’orario di lavoro, per ogni anno di servizio presso lo stesso datore di lavoro, il lavoratore ha diritto ad  un periodo di ferie di 26 giorni lavorativi.

Il periodo è stabilito dal datore di lavoro ma sempre tenendo conto anche delle esigenze del collaboratore familiare:
• tra giugno e settembre,
• da frazionarsi in non più di due periodi all’anno.
Il mancato godimento del riposo annuale non può essere sostituito da alcuna indennità in quanto si  tratta di un diritto irrinunciabile e quindi i giorni di ferie non godute possono essere retribuiti solo in caso di cessazione del rapporto di lavoro. 

Nel contratto d’assunzione, oltre la data di assunzione, la durata del periodo di prova, il livello di inquadramento, l’orario di lavoro e la retribuzione, deve essere specificato anche il periodo in cui godere le ferie annuali e l’ eventuale trasferta al seguito della famiglia.

Per quanto stabilito all’articolo 32 del CCNL di riferimento, può capitare che la collaboratrice domestica a tempo pieno, per esigenze del datore di lavoro, debba seguire la famiglia  o la persona da assistere, nel posto di villeggiatura.

In questo caso  sono  previsti:
• preavviso di quindici giorni,
• permessi settimanali  come negli altri periodi dell'anno
• maggiorazione della retribuzione del 20% a titolo di  disagio per la “trasferta”, oltre al rimborso delle spese di viaggio, fatto salvo il caso in cui il relativo obbligo fosse stato contrattualmente previsto nella lettera di assunzione.

LE FERIE DEL CITTADINO STRANIERO
Per i collaboratori familiari extracomunitari  è ammesso, previo accordo tra le parti, il cumulo di due anni di ferie maturate per usufruire di due mesi continuativi di permesso per  tornare al proprio paese di origine,  in modo non definitivo.

Scarica la Scheda informativa completa "Ferie collaboratori domestici 2018" (formato Word personalizzabile) di R. Quintavalle

IL CALCOLO DEI GIORNI DI FERIE SPETTANTI AI LAVORATORI DOMESTICI

La settimana lavorativa, qualunque  sia la distribuzione dell’orario di lavoro deve essere considerata, ai fini del computo dei giorni di ferie, di sei giorni lavorativi dal lunedì al sabato.

Durante il periodo di godimento delle ferie il lavoratore ha diritto per ciascuna giornata ad una retribuzione pari a 1/26 della retribuzione globale di fatto mensile.

Per conteggiare le ferie spettanti al collaboratore domestico occorre considerare, per ciascun anno intero lavorato, 26 giorni escludendo le domeniche e le festività infrasettimanali comprese nel periodo preso in considerazione. I 26 giorni di ferie spettanti sono poi da:
• riproporzionare a dodicesimi se il lavoro è prestato da meno di un anno, e
• calcolare una maturazione di 2,16 giorni per ogni mese lavorato, considerando  come mese intero quello che sia pari o superiore a 15 giorni.

CALCOLO DI RETRIBUZIONE ED ESEMPI

Anche durante il periodo di assenza per ferie il lavoratore deve essere retribuito come se avesse lavorato.  La retribuzione deve essere calcolata in base all’ordinario stipendio mensile.

Il  valore da corrispondere per un mese di ferie si ottiene moltiplicando le ore lavorate in una settimana, per le 52 settimane di cui è composto un anno, e dividendo il prodotto per dodici mesi. Sulla media delle ore mensili così calcolata, si otterrà l’importo da corrispondere al collaboratore.

In caso di collaboratori familiari conviventi, all’ordinario stipendio va aggiunto il valore della retribuzione in natura del vitto e dell’alloggio pari, nel 2018, ai seguenti valori:
• Pranzo e/o colazione e/o cena euro 1,93
• Alloggio euro 1,67
• Valore complessivo giornaliero euro 5,53
• Valore complessivo mensile euro 165,90
Tale valore non andrà sommato alla retribuzione feriale se il collaboratore familiare  usufruisce durante i giorni di riposo delle prestazioni in natura. Nessuna aggiunta andrà effettuata in caso di lavoratore retribuita ad ore o a stipendio fisso mensile che non goda di pranzo, cena e/o alloggio.

Calcolo retribuzione ferie collaboratore retribuito ad ore:

Un lavoratore che presta servizio per  3 ore a settimana a euro 8 l’ora, avrà diritto a euro 104,00 per effetto del seguente calcolo:
3 ore x 52 settimane = 156 ore : 12 mesi = media di 13 ore mensili; 13 ore x 8,00 euro = euro 104,00 (paga media mensile).

Calcolo ferie retribuzione collaboratore convivente:
Un collaboratore fisso convivente con stipendio mensile di euro 1.200,00 euro, percepirà, per un anno intero di lavoro, euro 1.365,90 per aggiunta allo stipendio del valore del vitto e dell’alloggio non fruito nel periodo feriale.

Tale cifra verrà erogata per intero se il collaboratore familiare lavora da almeno un anno, o  ridotta a tanti dodicesimi quanti sono i mesi di lavoro prestati nell’anno.

I minimi stabiliti per il 2018 per le retribuzioni dei Lavoratori Domestici sono disponibili QUI.

LA CONTRIBUZIONE IN PERIODO DI FERIE

Il Mav per il versamento dei contributi da pagare in relazione al trimestre  che comprende  un periodo feriale, non subirà alcuna modifica ma andrà compilato come se la colf avesse regolarmente lavorato.
Si ricorda, peraltro, che con messaggio n. 13156 del 14 agosto 2013, l’Inps ha reso noto che nel portale dei pagamenti relativo alle collaboratrici domestiche, è attiva la funzione per il pagamento dei contributi relativi a periodi di mancato preavviso e/o a ferie non godute  e liquidate in sede di fine rapporto  .

ATTENZIONE : il pagamento dei contributi in caso di cessazione, deve essere effettuato entro 10 giorni dalla cessazione del rapporto stesso.





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)