HOME

/

DIRITTO

/

IL CONDOMINIO 2021

/

PROVVEDIMENTI E POTERI DELL’AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO

Provvedimenti e poteri dell’amministratore di condominio

L'amministratore di condominio: i poteri riconosciutigli dal codice civile e i provvedimenti che lo stesso può adottare

Nell'esercizio dei propri poteri l'amministratore adotta provvedimenti obbligatori per i condòmini.

Questi, a loro volta, possono tutelarsi davanti all'assemblea e davanti al giudice. 

L'articolo continua dopo la pubblicità

Per approfondire Ti potrebbe interessare il seguente ebook:

L'Amministratore di condominio: requisiti e obblighi (ed. novembre 2017)

Segui il Dossier gratuito dedicato al Condominio

Software ed ebook sul Condominio nel Focus dedicato agli amministratori di Condominio

1) Quali sono i provvedimenti che l’amministratore può adottare?

L'art. 1133 c.c. – non innovato dalla riforma del condominio (L. n. 220/2012) - contiene la disciplina dei provvedimenti adottabili dall'amministratore nell'ambito dei propri poteri.

Testualmente è previsto che "I provvedimenti presi dall'amministratore nell'ambito dei suoi poteri sono obbligatori per i condomini. Contro i provvedimenti dell'amministratore è ammesso ricorso all'assemblea, senza pregiudizio del ricorso all'autorità giudiziaria nei casi e nel termine previsti dall'articolo 1137".
Sono obbligatori dunque solo i provvedimenti adottati dall'amministratore nell'ambito dei propri poteri.

Ben diverso è invece il discorso nel caso si ecceda dall'ambito dei poteri dell'amministratore: in tal caso, è necessario che il provvedimento sia ratificato dall'assemblea (se rientra nei suoi poteri, es. lavori straordinari non urgenti).

Dunque, è importante innanzitutto avere bene a conoscenza l'ambito nel quale l'amministratore può e deve esercitare i propri poteri.

2) Quali sono i poteri esercitabili dall’amministratore?

Gli obblighi dell'amministratore sono indicati dall'art. 1129 c.c. mentre le attribuzioni sono indicate dall'art.  1130 c.c., nonchè dall'assemblea, dal regolamento e da varie altre norme.

Sull'argomento si rimanda in parte all'articolo "Attribuzioni dell'amministratore di condominio" e nel complesso all'ebook "Amministratore di condominio: requisiti, obblighi e attribuzioni".

Un esempio di provvedimento assunto dall'amministratore, nell'ambito dei propri poteri, è in assenza di norme stabilite dall'assemblea o dal regolamento, nell'ambito della disciplina della fruizione dei servizi comuni (v. art. 1130, co.1, n. 2 c.c.) quello con cui l'amministratore stabilisce gli orari di accensione del riscaldamento.

Il contenuto degli artt. 1129 e 1130 c.c. è stato modificato dalla riforma del condominio suindicata. Dunque, anche se l'art. 1133 c.c. non è stato direttamente riformato; il suo ambito di applicazione cambia per via dell'importante ampliamento operato dalla riforma in riferimento all'ambito di attribuzioni e obblighi dell'amministratore.
 

3) I provvedimenti dell'amministratore e la tutela dei condòmini

Tali provvedimenti sono obbligatori per ciascun condòmino.

Nel caso in cui il condòmino voglia contestare il provvedimento, può passare dall'assemblea (chiedendone la convocazione all'amministratore o convocandola direttamente, ex art. 66 disp. att. e trans. c.c.) e/o (tenuto conto che i due rimedi non sono alternativi, nè il primo è condizione di procedibilità per il secondo, secondo l'interpretazione prevalente) ricorrere all'autorità giudiziaria (ricorrendone le condizioni).

In tale ultimo caso, le modalità di ricorso sono quelle indicate dall'art. 1137 c.c., cioè le stesse che regolano l'impugnazione delle delibere assembleari. In tali casi, è dunque ammesso ricorso all'autorità giudiziaria entro 30 giorni dalla comunicazione, in caso di provvedimenti contrari alla legge o a regolamento; in caso di provvedimenti  nulli - che ad es. incidono sui diritti individuali sulle cose o servizi comuni o sulla proprietà esclusiva di ognuno dei condòmini - (al pari delle delibere assembleari), il ricorso è stato ammesso in ogni tempo (si v. Cass. n. 12851/1991); se il provvedimento è ratificato dall'assemblea, si dovrebbe impugnare (eventualmente) la relativa delibera.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

IL CONDOMINIO 2021 · 23/07/2021 Bonus facciate mini-condominio: spetta al singolo proprietario che si accolla le spese

Se autorizzate da delibera condominiale unanime il bonus facciate spetta al singolo proprietario che si accolla le spese di ristrutturazione

Bonus facciate mini-condominio: spetta al singolo proprietario che si accolla le spese

Se autorizzate da delibera condominiale unanime il bonus facciate spetta al singolo proprietario che si accolla le spese di ristrutturazione

Bed and breakfast in condominio e tabelle millesimali

Se il singolo condomino utilizza parte dell’appartamento come bed & breakfast devono essere cambiate le tabelle millesimali per attribuirgli una quota maggiore?

Recinzione condominio: come si delibera sulle spese?

Legittima la delibera per spese straordinarie per la messa in sicurezza del condominio con recinzione e chiusura di un area condominiale pubblica. Nessun condòmino va escluso

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.