HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

LICENZIAMENTO: INADEMPIENZA COME INSUBORDINAZIONE - CASSAZIONE 23656/2016

Licenziamento: inadempienza come insubordinazione - Cassazione 23656/2016

Licenziamento a seguito di inadempienza a un ordine datoriale. La Cassazione ribadisce la legittimità della valutazione del giudice di merito

In tema di licenziamento per insubordinazione del lavoratore  la Cassazione  è intervenuta con la sentenza n. 23656 del 21 novembre 2016 rigettando la richiesta di un lavoratore licenziato  a seguito di una prolungata inadempienza  a un ordine dell'azienda.  In  particolare  il lavoratore aveva omesso di fornire la documentazione necessaria per il suo passaggio ad un nuova sede  senza però una contestazione aperta e formale  dell'ordine . Per gli Ermellini   anche questo aspetto, ossia il riconoscimento della sussistenza degli elementi idonei ad esprimere la contestazione dei poteri datoriali,   non è sindacabile  in sede di legittimità ed è quindi  riservata all'apprezzamento del giudice di merito . 

IL CASO

 La Corte d'appello aveva confermato  la decisione del giudice di primo grado che aveva rigettato la domanda proposta dal lavoratore  che chiedeva l'accertamento della illegittimità del licenziamento per giusta causa intimato ail 27 ottobre 2010.
Il licenziamento era sopraggiunto all'esito di procedimento disciplinare con il quale era stato addebitato al lavoratore di non aver ottemperato alle reiterate  richieste di produrre i documenti necessari alla pratica per il suo trasferimento. 
La Corte territoriale, infatti,  ha ritenuto:
a) legittimo il trasferimento, in quanto motivato da esigenze organizzative ed integrante una misura gestionale conservativa alternativa alla mobilità,
b) che il comportamento del lavoratore non poteva trovare giustificazione nell'art. 1460 c.c., né nella necessità di reagire a un esercizio abusivo del potere datoriale;
c) che il rifiuto di eseguire una disposizione aziendale preliminare al trasferimento, al fine di impedire l'adozione del relativo provvedimento, senza formulare alcuna formale contestazione riguardo al trasferimento medesimo, integrava comportamento contrario ai principi di correttezza e buona fede e configurava atto di insubordinazione. Quanto al difetto di proporzionalità, pure dedotto, rilevò che la condotta intenzionale e protratta di rifiuto ad adempiere una legittima richiesta del datore di lavoro tenuta dal lavoratore, indirizzata a impedire l'attuazione di un provvedimento datoriale, era riconducibile alla insubordinazione ed idonea a integrare la giusta causa di recesso.

Il lavoratore ricorreva per cassazione sulla base di due motivi:
1) il lavoratore deduce che la Corte avrebbe omesso di rilevare la carenza di allegazione e di prova da parte dell’azienda in merito alla circostanza che il decreto prefettizio fosse condizione necessaria ai fini del trasferimento e che la documentazione richiesta fosse realmente indispensabile perché potesse perfezionarsi la relativa procedura;
2) il lavoratore denuncia erronea interpretazione dell'art. 140 CCNL istituti di vigilanza privata, in quanto ritiene che vi sia stato un difetto di proporzionalità della sanzione del licenziamento rispetto all'inadempimento contestato.


I giudici della Cassazione hanno rigettato il ricorso, affermando  che:
d) la prima censura è infondata, in quanto il ricorrente non ha allegato il ricorso introduttivo, sì da poter evincere che le questioni suindicate, dedotte in sede di legittimità, fossero parte del thema decidendum. In ogni caso va evidenziato che le stesse questioni sono irrilevanti in relazione alla formulazione dell'addebito, che è quello di aver reiteratamente e volontariamente ignorato una disposizione aziendale, specificamente consistente nella produzione della documentazione richiesta dal datore di lavoro, a prescindere dalla rilevanza della documentazione stessa ai fini della pratica di trasferimento;


e) la seconda censura è infondata, in quanto a norma dell'art. 116 cod. proc. civ. rientra nel potere discrezionale del giudice del merito individuare le fonti del proprio convincimento, valutare all'uopo le prove, controllarne l' attendibilità e la concludenza e scegliere, fra le varie risultanze istruttorie, quelle ritenute idonee e rilevanti. (..)

Tanto è avvenuto in concreto nel caso in esame, posto che nella sentenza impugnata si dà rilievo primario e assorbente alla contrarietà ai principi di correttezza e buona fede del comportamento tenuto dal ricorrente, il quale, si evidenzia, piuttosto che impugnare il provvedimento di trasferimento nei modi legittimi, assumendosene la responsabilità, è rimasto intenzionalmente inadempiente ad una disposizione aziendale,  solo preliminare al programmato e preannunciato trasferimento, al fine di impedire l'adozione del relativo provvedimento. (..)

La gravità della condotta evidenziata fa ritenere irrilevanti gli elementi istruttori di cui si afferma sia stata omessa la considerazione, anche con riferimento al profilo attinente alla proporzionalità della sanzione. 
 

L'articolo continua dopo la pubblicità

Per approfondire scarica il commento completo  "Licenziamento per insubordinazione del lavoratore " con analisi della giurisprudenza e testo integrale della sentenza .

 

Ti può interessare  anche l'abbonamento ai COMMENTI ALLA GIURISPRUDENZA FISCALE E DEL LAVORO:

I nostri esperti legali commentano settimanalmente le pronunce piu interessanti con analisi normative, orientamenti giurisprudenziali e  testo integrale delle sentenze.

Guarda qui l'indice delle ultime uscite!

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 11/08/2022 Bollette gas: nuova tutela ad anziani,famiglie svantaggiate e disabili

Il Decreto aiuti bis introduce una nuova tutela contro il caro bollette per le forniture di gas ad una ampia la platea di soggetti: disabili, over 75, isole minori, terremotati

Bollette gas: nuova tutela ad anziani,famiglie svantaggiate e disabili

Il Decreto aiuti bis introduce una nuova tutela contro il caro bollette per le forniture di gas ad una ampia la platea di soggetti: disabili, over 75, isole minori, terremotati

Fringe benefits e bonus bollette aziendali: soglia  più alta con il DL Aiuti bis

La soglia di esenzione del welfare aziendale incrementata a 600 euro potrà ricomprendere erogazioni liberali per il pagamento delle utenze domestiche

Aiuti bis: contributi al trasporto pubblico locale

Nuovo fondo per le imprese di trasporto pubblico locale su strada, mare, laghi e ferroviario nel decreto Aiuti bis n. 115 2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.