HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

DISABILI: LE NOVITÀ DEL DECRETO CORRETTIVO DEL JOBS ACT

Disabili: le novità del decreto correttivo del Jobs Act

Due le novità in tema di assunzione dei disabili dopo il decreto 185/2016 correttivo del Jobs Act: computo più ampio e inasprimento sanzioni

L’art. 5 del d.lgs. 185/2016 interviene sulla normativa in tema di diritto al lavoro dei disabili, contenuta nella L. 68/1999 (così come modificata, da ultimo, dal D.Lgs. 151/2015)  dando attuazione  al criterio di delega volto alla razionalizzazione e alla revisione delle procedure e degli adempimenti in materia di inserimento mirato delle persone con disabilità al fine di favorirne l’inclusione sociale, l'inserimento e l'integrazione nel mercato del lavoro , previsto dalla  L. 183/2014 "Jobs Act";

In questo senso introduce due novità:

  1.  la computabilità nelle quote di riserva dei lavoratori non assunti tramite il collocamento obbligatorio riguardi (purché siano già disabili prima della costituzione del rapporto di lavoro) i lavoratori con riduzione della capacità lavorativa pari o superiore al 60% ( mentre era  previsto che la suddetta riduzione sia superiore al 60%) .  Si ricorda nella quota di riserva devono essere computati non solo i suddetti lavoratori con una riduzione della capacità lavorativa superiore al 60%, ma anche quelli affetti da minorazioni ascritte dalla prima alla sesta categoria di cui alle tabelle annesse al D.P.R. 915/1978 (T.U. delle norme in materia di pensioni di guerra), o con disabilità intellettiva e psichica, con riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%;
  2. un elevamento delle sanzioni amministrative relative alla mancata copertura della quota di riserva entro i termini previsti dalla legge cioè 60 giorni dall'insorgenza dell'obbligo, con la determinazione dell’importo in un multiplo della misura del contributo esonerativo di cui all’art. 5, c. 3-bis, della L. 68/1999: più precisamente, il datore di lavoro, è tenuto a versare al Fondo regionale per l'occupazione dei disabili una somma pari a cinque volte la misura del contributo esonerativo, la quale è pari a 30,64 euro al giorno per ciascun lavoratore con disabilità non occupato , in luogo della sanzione di 62,77 euro al giorno attualmente prevista .  Va ricordato che tale  contributo esonerativo è stato introdotto dal D.Lgs. 151/2015 e  dispone l’esonero totale (mediante autocertificazione) dall’obbligo di assunzioni obbligatorie per i datori di lavoro privati e gli enti pubblici economici che occupano addetti impegnati in lavorazioni che comportano il pagamento di un tasso di premio ai fini INAIL pari o superiore al 60 per mille.
  3.  l’applicazione, attualmente non prevista, della procedura di diffida (di cui all’art. 13 del D.Lgs. 124/2004) ai casi suddetti di violazioni relative alla mancata copertura della quota d’obbligo; in questo caso, la diffida concernela presentazione agli uffici competenti della richiesta di assunzione o la stipulazione del contratto di lavoro con la persona con disabilità avviata dagli uffici competenti .

1) Sanzioni amministrative e violazioni sulle assunzioni di persone disabili

Il sistema sanzionatorio per la violazione degli obblighi previsti in materia di assunzione di soggetti disabili è disciplinato dall’art. 15 della L. 68/1999, che prevedeva  sanzioni diverse a seconda del soggetto che ha posto in essere la violazione:

  • Per quanto concerne le aziende private e gli enti pubblici economici, questi sono soggetti a sanzione amministrativa per il ritardato invio del prospetto informativo annuale dal quale risultino il numero complessivo dei lavoratori dipendenti, il numero e i nominativi dei lavoratori computabili nella quota riservata all’assunzione di soggetti disabili, nonché i posti di lavoro e le mansioni disponibili per i lavoratori disabili di cui all'articolo 1 della legge richiamata. La suddetta sanzione consiste nel pagamento di una somma di euro 635,11 per ritardato invio del prospetto, maggiorata di euro 30,76 per ogni giorno di ulteriore ritardo . Inoltre il datore di lavoro che, per cause a lui imputabili, non ha ottemperato agli obblighi di assunzione di soggetti disabili entro i termini previsti dalla legge (60 giorni dall'insorgenza dell'obbligo) è tenuto a versare una somma pari a 62,77 euro al giorno per ciascun lavoratore con disabilità non occupato nella medesima giornata (comma 4). Le sanzioni sono versate al Fondo regionale per l'occupazione dei disabili e i relativi importi sono aggiornati ogni 5 anni con apposito DM (commi 2 e 5).
  • Le pubbliche amministrazioni non sono invece soggette a sanzioni amministrative per violazioni di quanto disposto dalla L. 68/1999; ai responsabili si applicano le sanzioni penali, amministrative e disciplinari previste dalle norme sul pubblico impiego .

Invece, l’art. 5, comma 2, lett. b, n. 3, del d.lgs. 185/2016 stabilisce ora che l’adeguamento ogni 5 anni, con decreto ministeriale,  riguarda solo le sanzioni amministrative previste in caso di violazione  dell’obbligo di invio del prospetto informativo annuale e  mentre  gli importi delle sanzioni comminate per le violazioni relative alla mancata copertura della quota d’obbligo , sono fissati come  detto sopra al quintuplo dell'importo fissato come contributo esonerativo ossia  153,20 euro per ogni giorno  

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

EMERGENZA CORONAVIRUS- GREEN PASS · 02/12/2021 Licenziamento con accordi di esodo: istruzioni sul diritto alla NASPI

Inps specifica i casi di diritto alla NASPI dei lavoratori con accordi di esodo durante i divieti per COVID . Riepilogo divieto licenziamento in vigore. Circolare INPS 180 2021

Licenziamento  con accordi di esodo: istruzioni  sul diritto alla NASPI

Inps specifica i casi di diritto alla NASPI dei lavoratori con accordi di esodo durante i divieti per COVID . Riepilogo divieto licenziamento in vigore. Circolare INPS 180 2021

LPU: rivalutazione dei sussidi  disponibile su  domanda

LPU: lavori pubblica utilità necessaria la domanda per gli importi della rivalutazione. Ok all'accredito della contribuzione figurativa con eccezioni. Messaggio INPS n. 4222/2021

Concorsi per 1000 professionisti  sul portale InPA:  domande entro il 6/12

Sul Portale IN.PA gli avvisi per 1000 professionisti tecnici per collaborazioni nei progetti del PNRR negli enti pubblici. Vediamo come fare domanda. Selezioni entro il 2021

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.