HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

DIRITTO ALLA PENSIONE E CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

Diritto alla pensione e cessazione del rapporto di lavoro

La Cassazione sottolinea nella sentenza n. 5052/2016 che reddito da pensione e reddito da lavoro dipendente non sono cumulabili

Presupposto necessario  - oltre a quello dell'anzianità contributiva -  affinché possa essere erogata la pensione di anzianità è che il rapporto di lavoro dipendente da cui deriva sia cessato. Questo il principio di diritto enunciato dalla Cassazione lavoro nella sentenza n. 5052 del 15.3.2016.

IL CASO

La Corte d'appello, in totale riforma della sentenza emessa dal Tribunale, dichiarava illegittima la revoca della pensione d'anzianità che era stata disposta dall'INPS nei confronti del lavoratore, sul presupposto del difetto del requisito della inoccupazione vigente all'epoca della domanda di pensione di anzianità (presentata nel settembre 1999).

Avverso la sentenza in Appello l’Inps ricorreva in Cassazione, affidandosi ad un solo motivo, ossia violazione e falsa applicazione dell'art. 3, comma 1, della legge 421/1992, dell'art. 10, comma 6, del d.lgs. 503/1992, dell'art. 1 della legge 335/1995 e dell'art. 22 legge 153/1969, per avere la Corte territoriale erroneamente escluso la necessità del requisito della inoccupazione vigente al momento della domanda di pensione di anzianità (presentata dall'intimato nel settembre 1999), requisito - invece - all'epoca previsto non solo dall’art. 22 legge n. 153/69, ma anche dall’art. 10, comma 6, del d.lgs. 503/1992.

La Corte di Cassazione ritiene fondato il ricorso, dovendo dare continuità alla giurisprudenza di legittimità consolidata, secondo cui, ai sensi dell'art. 22 della legge n. 153 del 1969, la cessazione dell'attività lavorativa costituisce - ai pari del requisito del trentacinque anni di iscrizione assicurativa (nel caso in esame) e del requisito contributivo - un elemento costitutivo del diritto alla pensione di anzianità. Nel caso di specie, il ricorrente aveva cessato il proprio rapporto di lavoro il 12.8.2000 ed era stato riassunto con nuovo rapporto di lavoro il 21.8.2000.

Gli ermellini specificano che "È pur vero che l'art. 1 co, 25 legge n. 335/95, nel disciplinare l'accesso alla pensione di anzianità, non prevedeva espressamente anche il requisito della non occupazione. Tuttavia tale requisito era ricavabile dalla perdurante vigenza del co. 6° dell'art. 10 d.lgs. n. 503/92, secondo il quale "Le pensioni di anzianità a carico dell'assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti ed autonomi e delle forme di essa sostitutive, nonché i trattamenti anticipati di anzianità delle forme esclusive, non sono cumulabili con redditi da lavoro dipendente, nella loro interezza, e con quelli da lavoro autonomo nella misura per essi prevista dal comma 1 ed il loro conseguimento è subordinato alla risoluzione del rapporto di lavoro ovvero alla cessazione dal lavoro autonomo quale risulta dalla cancellazione dagli elenchi di categoria." Tale requisito è così rilevante che è stato esteso anche alla pensione di vecchiaia dall'art. 1 commi 7 e 8 d.lgs. n. 503/92. La stessa L. n. 388 del 2000, art. 72, ha vietato il cumulo anche tra pensione di anzianità e reddito da lavoro autonomo superiore ad un certo ammontare ed ha, quindi, confermato la totale incumulabilità tra detta pensione ed il reddito da lavoro dipendente.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI · 30/11/2021 Cassa in deroga: le istruzioni per le crisi aziendali

Domande e pagamento diretto della CIG in deroga per crisi aziendali: nella Circolare INPS n. 179 2021 le istruzioni a Regioni /Province e datori di lavoro

Cassa in deroga: le istruzioni per le crisi aziendali

Domande e pagamento diretto della CIG in deroga per crisi aziendali: nella Circolare INPS n. 179 2021 le istruzioni a Regioni /Province e datori di lavoro

Anticipo Naspi:  le istruzioni INPS per l'esenzione fiscale

Le istruzioni per l'esenzione fiscale degli importi di Naspi anticipata per chi sottoscrive una quota in cooperativa di lavoro e per la rioccupazione con altro datore di lavoro

Ingresso in Italia, nuove regole per gli arrivi dall'Africa

Regole aggiornate per entrare in Italia dall'estero in vigore dal 26 ottobre al 15 dicembre 2021. Novità variante Omicron Le destinazioni vietate.Ordinanze Ministero della Salute

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.