HOME

/

LAVORO

/

LA BUSTA PAGA 2022

/

TUTTO PRONTO PER GLI 80 EURO IN BUSTA PAGA DAL MESE DI MAGGIO 2014

Tutto pronto per gli 80 euro in busta paga dal mese di maggio 2014

A tutti i lavoratori dipendenti ed alcuni lavoratori cd."assimilati" un credito d’imposta annuo di 640 euro, se il reddito complessivo non è superiore a 24.000 euro

L’art. 1 del D.L. n. 66 del 2014 prevede che per l’anno 2014 è riconosciuto ai lavoratori dipendenti ed alcuni lavoratori cd. "assimilati" un credito d’imposta annuo di 640 euro, se il reddito complessivo non è superiore a 24.000 euro. Qualora, invece, il reddito complessivo è compreso tra 24.000 e 26.000 euro, il predetto credito d’imposta spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l'importo di 26.000 euro, diminuito del reddito complessivo, e l'importo di 2.000 euro.

Tra le nostre novità  in tema di lavoro ti potrebbero interessare :

Paghe e contributi 2022  di A. Gerbaldi libro di carta   Maggioli editore 424 pagine

ISEE 2021 (eBook) di A. Donati: tutte le regole e oltre 140 risposte a quesiti

IRPEF 2022: applicazioni pratiche ed esempi (eBook)

Pensioni 2022 (e-Book) di L. Pelliccia

Lavoro autonomo occasionale (obbligo di comunicazione preventiva) ebook 2022 di P. Ballanti

La busta paga: guida operativa 2021  - E- BOOK di M.C. Prudente

I Rimborsi spese, aspetti fiscali e previdenziali   2021 - Pacchetto eBook + foglio excel

Collaborazioni coordinate e continuative - ebook  di P. Ballanti

Il contenzioso contributivo con INPS - Libro di carta 2021 Maggioli editore

Su altri  temi specifici visita  la sezione  in continuo aggiornamento dedicata al Lavoro

1) Alcune avvertenze per la spettanza degli 80 euro a dipendenti e assimilati

Un aspetto importante da tenere presente è che il credito d’imposta dev’essere rapportato al periodo di lavoro. Questo significa che se il rapporto di lavoro non dura per l’intero anno, l’importo di 640 euro deve essere ragguagliato al periodo effettivo di durata dello stesso.
Il credito d’imposta è riconosciuto nel caso in cui sia dovuta l’IRPEF dopo aver applicato le detrazioni per lavoro dipendente e assimilato. Questo significa che, anche qualora l’imposta dovesse essere azzerata per effetto di detrazioni per carichi di famiglia o di detrazioni per oneri sostenuti, credito d’imposta è comunque riconosciuto. Viceversa se l’IRPEF lorda dovesse essere assorbita completamente dalle detrazioni di lavoro, il credito non è riconosciuto.
Una volta determinato l’importo del credito d’imposta, lo stesso deve essere corrisposto in quote mensili a partire da maggio fino a dicembre 2014.
Il credito è riconosciuto, in via automatica, dal datore di lavoro in busta paga. A tal fine, lo stesso, utilizza, fino a capienza, l'ammontare complessivo delle ritenute disponibile in ciascun periodo di paga e, per la differenza, i contributi previdenziali dovuti per il medesimo periodo di paga. Sono esclusi i datori di lavoro domestici; in questo caso i lavoratori beneficeranno del credito d’imposta in sede di dichiarazione dei redditi.
L'importo del credito riconosciuto deve essere indicato nella certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente e assimilati (CUD).
Sotto il profilo soggettivo, il credito d’imposta è previsto in favore dei lavoratori che percepiscono redditi di lavoro dipendente e i seguenti redditi assimilati:
- compensi dei soci lavoratori delle cooperative;
- indennità e compensi percepiti a carico di terzi dai prestatori di lavoro dipendente per incarichi svolti in relazione a tale qualità;
- borse di studio e assegni di formazione professionale;
- compensi per collaborazioni coordinate e continuative;
- remunerazioni dei sacerdoti;
- prestazioni pensionistiche erogate da forme di previdenza complementare;
- compensi percepiti dai lavoratori socialmente utili.
 

2) Scarica Gratis la Scheda informativa

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

klaus - 03/05/2014

Perchè nella classe dei lavoratori sono presenti categorie conosciute da tutti "finanza e politici compresi" quali cuochi, maestri di sci, ecc. per i quali è lecito dichiarare solo una parte di quello che guadagnano??? Perché queste figure rimangono tutelate? Vorrei una risposta non filosofica del tipo "se tutti pagano le tasse ci sono più servizi". Oltretutto queste figure non si devono nemmeno preoccupare di nascondere le mani perché tutti sanno che le cose in questo bel paese funzionano così e vengono accettate.

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA BUSTA PAGA 2022 · 19/08/2022 Sconto contributi in busta paga: più che raddoppiato da luglio 2022

Il taglio ai contributi ai dipendenti con redditi fino a 35mila euro sale al 2% con il decreto Aiuti bis. Vediamo a chi spetta e come. Le istruzioni INPS in attesa di aggiornamento

Sconto contributi in busta paga: più che raddoppiato da luglio 2022

Il taglio ai contributi ai dipendenti con redditi fino a 35mila euro sale al 2% con il decreto Aiuti bis. Vediamo a chi spetta e come. Le istruzioni INPS in attesa di aggiornamento

Le ferie nel lavoro domestico 2022

Normativa, esempi di calcolo delle ferie per colf e badanti nel contratto di lavoro domestico

Quattordicesima, le regole per il calcolo

Quattordicesima mensilità o premio feriale: le regole generali per il calcolo e il trattamento fiscale e previdenziale, quando viene erogata

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.