E Book

Autofatture (eBook 2022)

14,90€ + IVA

IN SCONTO 15,92

E Book

Acquistare immobili all'asta (eBook)

14,90€ + IVA

IN SCONTO 15,90
HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

OMNICOMPRENSIVITÀ DELLA RETRIBUZIONE, DEROGA SOLO PER I CONTRATTI SUCCESSIVI

Omnicomprensività della retribuzione, deroga solo per i contratti successivi

Una recentissima sentenza della cassazione ribadisce il concetto di omnicomprensività della retribuzione per il calcolo di indennità e TFR. Nel COMMENTO DELL’AVV. R. STAIANO alla sentenza si ripercorre anche l’evoluzione del concetto di indennità di anzianità e TFR

Il ricorso alla Corte di Appello, impugnando la sentenza contraria di primo grado, ha accolto la domanda proposta da un dirigente nei confronti della Telecom spa, che riguardava la diretta rideterminazione della indennità di anzianità e del trattamento di fine rapporto, previa inclusione nella base di calcolo del compenso per lavoro straordinario. Il dirigente assumeva infatti di avere continuativamente effettuato tali straordinari su richiesta e per esigenze dell'azienda.

La Corte, in realtà, riprende come punto di riferimento il principio dell'onnicomprensività della retribuzione come base di calcolo per il trattamento di fine rapporto previsto dall'art. 2120 cod. civ., novellato dalla L. n. 297 del 1982, entrata in vigore il 1 giugno 1982, il quale (principio) può essere derogato soltanto da contratti collettivi stipulati successivamente a tale data che prevedano esplicitamente tale deroga; ove tali contratti si richiamino a contratti collettivi previgenti che prevedevano detta deroga, è necessario che le clausole siano riformulate con l'espressa menzione della conoscenza della loro preesistente nullità.

Ritornando al nostro caso, la società ricorreva in cassazione, rivedendosi respingere il  ricorso ed applica il nuovo sistema di liquidazione dei compensi agli avvocati di cui al D.M. 20 luglio 2012.

Sul punto, giova premettere che l'indennità di anzianità, prevista dall'art. 2110 c.c., sorse inizialmente come premio al lavoratore subordinato per il suo attaccamento all'azienda e da corrispondere al momento della naturale cessazione del rapporto di lavoro. Essa non era attribuibile, perciò, quando la cessazione del rapporto di lavoro derivasse da licenziamento per colpa del lavoratore o da sue dimissione volontarie.
La disciplina iniziale, quindi, costituiva un incentivo alla fedeltà del lavoratore subordinato, da corrispondere soltanto alla cessazione del rapporto di lavoro e non frazionabile nel corso del suo svolgimento, anche per la sua funzione prevalentemente previdenziale.

La L. 604/1966, nel disciplinare "ex novo" i licenziamenti individuali, all'art. 9 previde l'obbligo del datore di lavoro di corrispondere al lavoratore l'indennità di anzianità in ogni caso di cessazione del rapporto di lavoro, e, quindi, anche in caso di licenziamento per sua colpa e di dimissioni volontarie. In tal modo veniva attribuita alla indennità di anzianità, accanto alla originaria funzione premiale e previdenziale, anche quella retributiva (retribuzione differita).

Il profondo mutamento della natura dell'istituto veniva poi riconosciuto anche dalla Corte Costituzionale con la sentenza 20 - 27 giugno 1968, n. 75.  Nel contempo i giudici della Consulta non negavano che l'indennità di anzianità, accanto a una funzione retributiva, svolgesse anche una funzione previdenziale.
 

Ti potrebbero  interessare:

Visita la sezione dedicata agli E-book Lavoro e la Collana dei Pratici fiscali

1) Art. 2120 c.c. e principio di omnicomprensività

Per il commento completo ed il testo integrale della sentenza n. 18207 del 24 Ottobre 2012 clicca qui!

I COMMENTI DI FISCOETASSE  su Fisco e Lavoro sono in abbonamento gratuito fino al 30 novembre  con la promozione della Settimana del Lavoro. Prova senza impegno!

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

MATERNITÀ, FAMIGLIA, CONCILIAZIONE VITA-LAVORO · 30/11/2022 Finanziaria 2023 nel congedo parentale indennità all'80% per un mese

Novità in legge di bilancio: non un mese in più ma indennizzo più alto per un mese, solo per la madre. Vediamo meglio di cosa si tratta:

Finanziaria 2023 nel congedo parentale indennità all'80% per un mese

Novità in legge di bilancio: non un mese in più ma indennizzo più alto per un mese, solo per la madre. Vediamo meglio di cosa si tratta:

Esonero contributivo parità di genere: ecco le  regole

Ecco il decreto con le modalità di applicazione delle agevolazioni per i datori di lavoro che conseguono la certificazione sulla parità di genere in azienda. Necessario fare domand

Pensioni 2023: cosa prevede la Finanziaria

Le novità sulle pensioni nella bozza aggiornata della legge di bilancio: stretta su Opzione Donna, Quota 103 a 62 anni,sconto contributivo per chi resta, cambia la rivalutazione

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.