HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

LA DETERMINAZIONE DELLA PROVVIGIONE DELL'AGENTE DI COMMERCIO

La determinazione della provvigione dell'agente di commercio

Le diverse modalità di determinazione del compenso per l'agente di commercio alla luce della Direttiva Comunitaria sul diritto alla provvigione dell'agente

Il contratto di agenzia è disciplinato dall’art. 1742 c.c., il quale recita che una parte assume stabilmente l'incarico di promuovere, per conto dell'altra, verso retribuzione, la conclusione di contratti in una zona determinata. In termini analoghi l'agente è definito dall'A.E.C. del 1938 per l'agenzia e rappresentanza commerciale ("é agente di commercio chi è incaricato stabilmente da una o più ditte di promuovere la conclusione di contratti in una determinata zona") così come dalla L. 12 marzo 1968, n. 316 istitutiva del ruolo per gli agenti e rappresentanti di commercio (art. 1 comma 2: "agli effetti della presente legge, l'attività di agente di commercio si intende esercitata da chiunque venga stabilmente incaricato da una o più imprese di promuovere la conclusione di contratti in una o più zone determinate").

La prestazione dell'agente consiste tuttavia in atti di contenuto vario e non predeterminato: promuovere è infatti dare impulso, far nascere, sviluppare, progredire; ma l'efficacia causale dell'azione va rapportata più che al singolo contratto, al volume complessivo dei contratti conclusi nella zona assegnata.

IL compenso è costituito normalmente dalla provvigione che consiste in una percentuale sull'ammontare dell'affare portato a compimento. è normalmente costituito dalla provvigione e cioé da un compenso fissato in misura proporzionale al valore dell'affare stesso (art. 1748 c.c.); peraltro essa può consistere in un compenso determinato in misura diversa: ad esempio, in una somma fissa per ogni contratto concluso, indipendentemente dal suo ammontare.

La norma di cui all'art. 1748 ha, quindi, chiaramente natura ordinatoria e non perentoria; prevede cioè il compenso normalmente praticato e cioé la provvigione, ma non esclude che le parti possano ricorrere a forme di compenso diverse dalla provvigione determinata in misura percentuale.

La derogabilità della norma circa il modo di determinazione della provvigione comporta la derogabilità anche della norma per cui "se l'affare ha avuto esecuzione parziale, la provvigione spetta all'agente in proporzione della parte eseguita". Le parti, infatti, non soltanto possono determinare la nozione di "parte eseguita" e la misura della proporzione, ma possono ricorrere anche a criteri diversi di determinazione del compenso dell'agente.

La Direttiva Europea in materia di agenzia, recepita dal D. Lgs. 15 febbraio 1999, n. 65 ha previsto poi che le leggi nazionali avrebbero potuto disporre che l'agente acquistava il diritto alla provvigione nel momento e nella misura in cui si verificava uno dei casi seguenti:

a) il preponente aveva eseguito l'operazione;
b) il preponente avrebbe dovuto eseguire l'operazione in virtù dell'accordo concluso con il terso;
c) il terzo aveva eseguito l'operazione (art. 10, n. 1, della Direttiva).

Aggiungeva che la provvigione si acquisiva al più tardi quando il terzo aveva eseguito la sua parte dell'operazione o avrebbe dovuto eseguirla qualora il preponente avesse eseguito la sua (art. 10 n. 2 della Direttiva). In sostanza la Direttiva lasciava agli Stati membri una facoltà di scelta tra varie ipotesi.
 

Vi sono significative  refluenze della nuova impostazione normativa del rapporto d'agenzia (art. 1748 c.c. modificato dall’art. 3 della legge) in ordine all'imputazione dei costi delle provvigioni.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Ti potrebbe interessare anche il  Pacchetto Agenti di commercio contenente un utile E-Book in pdf e 2 fogli di calcolo in excel per determinare le indennità spettanti all’agente e per produrre la fattura
 
 
Ricco Formulario contenente 67 formule utili agli Intermediari commerciali per la loro attività
 
Per tenerti aggiornato sulle novità per gli agenti di commercio vai al nostro Dossier Agenti e rappresentanti di commercio
 
 
 

1) Sul contratto di agenzia leggi l'approfondimento completo

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI · 20/05/2022 Disoccupazione agricola 2021: istruzioni per il calcolo

Le modalità di calcolo dell’indennità di disoccupazione agricola riferita all’anno 2021 nella circolare INPS N. 60 2022. Franchigia extracomunitari ancora a 180gg

Disoccupazione agricola 2021: istruzioni per il calcolo

Le modalità di calcolo dell’indennità di disoccupazione agricola riferita all’anno 2021 nella circolare INPS N. 60 2022. Franchigia extracomunitari ancora a 180gg

Subappalti: obbligo  applicazione CCNL  non retroattivo

Dubbio retroattività per le norme sull'applicazione dei CCNL dei contraenti chiarito dall'INL nella circolare 1049 del 19.5. 2022

Bonus 200 euro dipendenti: chi resta escluso

Possibili sorprese nei calcoli sul reddito per ottenere il bonus 200 euro in busta paga, oltre che nuovi adempimenti per i datori di lavoro. Vediamo i dettagli

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.