HOME

/

IL BONUS STRAORDINARIO PER LE FAMIGLIE

Il bonus straordinario per le famiglie

L’art. 1  del Decreto Legge n.185 del 29 Novembre 2008 si occupa del bonus straordinario, valido per il solo anno 2009, destinato ai nuclei familiari a basso reddito che percepiscono particolari tipologie di reddito ( principalmente da lavoro dipendente e pensioni). 

1) La misura del beneficio economico

La misura del beneficio economico è in funzione di due parametri:

  • Numero dei componenti il nucleo familiare;
  • Reddito complessivo familiare;

come evidenziato nella tabella che segue:

Bonus in Euro
Numero dei componenti della famiglia
Reddito complessivo
200
Unico componente
Titolari di pensione con un reddito complessivo non superiore ad Euro 15.000
300
Due componenti
Reddito familiare complessivo non superiore ad Euro 17.000
450
Tre componenti
Reddito familiare complessivo non superiore ad Euro 17.000
500
Quattro componenti
Reddito familiare complessivo non superiore ad Euro 20.000
600
Cinque componenti
Reddito familiare complessivo non superiore ad Euro 20.000
1.000
Più di cinque componenti
Reddito familiare complessivo non superiore ad Euro 22.000
1.000
Nucleo familiare con componenti portatori di handicap per i quali ricorrano le condizioni previste dall’art. 12, comma 1, del TUIR
Reddito familiare complessivo non superiore ad Euro 35.000

Il beneficio è attribuito ad un solo componente del nucleo familiare e non costituisce reddito né ai fini fiscali né ai fini della corresponsione di prestazioni previdenziali e assistenziali (compresa la carta acquisti “social card” di 40 Euro mensili).

2) Categorie di reddito incluse ed escluse per il bonus famiglia

Intanto è da dire subito che piccoli imprenditori e lavoratori autonomi sono esclusi dal bonus famiglia; questo perché a formare la soglia reddituale specificata in precedenza devono concorrere soltanto determinate categorie di reddito che qui si elencano:

  • Redditi da lavoro dipendente (indicati all’art. 49, comma 1 TUIR);
  • Redditi da pensione (art. 49, comma 2 TUIR);
  • Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (art.50, comma 1, lettere a) cioè compensi percepiti dai soci di cooperative di produzione e lavoro, c-bis) quindi collaborazioni coordinate e continuative e a progetto, d) le remunerazioni dei sacerdoti, l) compensi corrisposti per lavori socialmente utili e i) limitatamente agli assegni periodici corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale ed effettiva, di scioglimento o annullamento del matrimonio o di cessazione degli effetti civili (art. 10 comma 1 lettera c);
  • Redditi diversi di cui all'articolo 67, comma 1, lettere i) quindi redditi derivanti da attività commerciali non esercitate abitualmente e l), limitatamente ai redditi derivanti da attività di lavoro autonomo non esercitate abitualmente, qualora percepiti dai soggetti a carico del richiedente, ovvero dal coniuge non a carico;
  •  Redditi fondiari di cui all'articolo 25 TUIR, ma solo se percepiti congiuntamente con i redditi indicati nei punti precedenti, per un ammontare non superiore a 2.500 euro.

Alcune precisazioni:

  • I componenti “rilevanti” del nucleo familiare sono: il richiedente (residente in Italia), il coniuge non legalmente ed effettivamente separato (anche se non a carico) nonche' i figli e gli altri familiari fiscalmente a carico.
  • Il reddito complessivo familiare è dato dalla somma dei redditi dei singoli componenti, ciascuno determinato secondo le regole previste dal TUIR.

3) Modalità di erogazione del bonus famiglia

Il bonus verrà erogato dai sostituti d'imposta (datori di lavoro o Enti Pensionistici) sulla base di quanto dichiarato dal richiedente su un apposito modello che a breve sarà approvato dall’Agenzia delle Entrate.
In particolare nel modello (che a breve sarà diffuso dalle Entrate) dovranno essere autocertificati i seguenti dati: 

  •  il coniuge non a carico ed il relativo codice fiscale;
  •  i figli e gli altri familiari a carico, indicando i relativi codici fiscali nonche' la relazione di parentela;
  • di essere in possesso dei requisiti reddituali (natura dei redditi e soglie viste sopra).

Il bonus può essere richiesto in dipendenza del numero dei componenti del nucleo familiare e del reddito complessivo familiare riferiti, a scelta dell’interessato, alternativamente:

  • al periodo di imposta 2007; 
  • al periodo di imposta 2008.

La scelta non è priva di conseguenze, essenzialmente nella tempistica per l’invio della richiesta e per la conseguente erogazione del bonus:

Dati di riferimento
Termine per l’invio del modello
Erogazione del beneficio (2009)
2007
31 Gennaio 2009
  • Febbraio
  • Marzo (se pensionati)
 
2008
31 Marzo 2009
  • Aprile
  • Maggio (per i pensionati)
 

Il sostituto d'imposta eroga il beneficio, secondo l'ordine di presentazione delle richieste, nei limiti del monte ritenute e contributi disponibili nel mese di febbraio 2009 ovvero nel mese di aprile (se l’autocertificazione riguarda le condizioni del 2008).

L'importo erogato è recuperato dai sostituti d'imposta attraverso il meccanismo della compensazione.

La domanda per accedere all’agevolazione potrà essere trasmessa anche mediante gli intermediari abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali (iscritti agli albi dei commercialisti, consulenti del lavoro e così via) senza obbligo di compenso per tale attività.

In tutti i casi in cui il beneficio non è erogato dai sostituti d'imposta la richiesta potrà essere presentata telematicamente all'Agenzia delle Entrate, entro il 31 marzo 2009 (30 Giugno 2009 se il riferimento è alle condizioni 2008). Per i soggetti obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi che richiedono il beneficio in base alle condizioni 2008 la richiesta sarà contenuta nella prossima dichiarazione dei redditi.

I soggetti che hanno percepito il beneficio non spettante, in tutto o in parte, sono tenuti ad effettuare la restituzione entro il termine di presentazione della prima dichiarazione dei redditi successivo alla erogazione. I contribuenti che sono invece esonerati dall'obbligo dichiarativo effettueranno la restituzione del beneficio non spettante, in tutto o in parte, mediante versamento con il modello F24 entro gli stessi termini.

4) Test per la verifica del diritto al Bonus

L'Agenzia delle Entrate ha fornito un utile e semplice Test per verificare se si è in possesso dei requisiti per il "bonus famiglia", al seguente indirizzo http://www.agenziaentrate.it/ilwwcm/connect/Nsi/Documentazione/Bonus+famiglia+documentazione/

Allegato

Circolare del 4/02/2009 n. 3
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.