HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

AVVOCATI E ISCRIZIONE ALLA GESTIONE SEPARATA: SENTENZA DELLA CONSULTA

4 minuti, Redazione , 27/04/2022

Avvocati e iscrizione alla Gestione separata: sentenza della Consulta

La consulta conferma l'obbligo di iscrizione alla Gestione separata per gli avvocati non coperti dalla Cassa forense ma corregge l'INPS sulla retroattività

Incostituzionali le sanzioni agli avvocati non iscritti alla cassa forense per  basso reddito e e non iscritti alla gestione separata INPS, per il periodo anteriore all'entrata  in vigore della norma  di interpretazione autentica del 2011.    

Lo ha deciso la  Corte Costituzionale, con sentenza n. 104 del 22 aprile 2022. 

Non è incostituzionale invece l'obbligo di iscrizione alla Gestione separata artt. 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335 come interpretato dall’art. 18, comma 12, del decreto-legge 6 luglio 2011, n.98. Viene confermato infatti l'obbligo   per chi è escluso dalla contribuzione soggettiva a Cassa Forense , in ossequio al principio di universalità della copertura previdenziale per tutti i lavoratori.

Legittimità costituzionale Gestione separata per gli avvocati 

Il giudizio di legittimità era stato promosso dal Tribunale di Catania, in  funzione di Giudice del lavoro, nel procedimento  tra due avvocati e l’Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) che sollevava in realtà due dubbi di costituzionalità:

  1.  in primo luogo la questione dell'obbligo  di iscrizione alla Gestione separata INPS a carico degli avvocati  non iscritti alla Cassa di previdenza forense per mancato raggiungimento delle soglie di reddito o di volume di affari o  che svolgono l'attività con continuita ma senza prevalenza..
  2. in secondo luogo  chiedeva che  visti gli  artt. 3 e 117, primo comma, Cost., se l'obbligo  previsto dalla norma interpretativa art. 18, comma 12, del d.l. n. 98 del 2011, come convertito,   decorra o meno dalla data della sua entrata in vigore (16 luglio 2011).

Vale la pena ricordare che l'iscrizione alla Gestione separata costituita presso l’INPS, è obbligatoria :

  •  sia per i «soggetti che esercitano per professione abituale, ancorché non esclusiva, attività di lavoro autonomo,  
  • sia dei «titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, di cui al comma 2, lettera a), dell’articolo 49» predetto (dopo la riforma del 2004: art. 53).

L’art. 18, comma 12, del d.l. n. 98 del 2011 – norma dichiaratamente di interpretazione autentica del citato art. 2, comma 26, della legge n. 335 del 1995 – dispone che i soggetti che esercitano per professione abituale, ancorché non esclusiva, attività di lavoro autonomo, tenuti  all’iscrizione presso l’apposita gestione separata INPS, «sono esclusivamente i soggetti che svolgono:

 attività  il cui esercizio non sia subordinato all’iscrizione ad appositi albi professionali, 

ovvero attività non soggette  al versamento contributivo agli enti  e gli istituti previdenziali già  istituiti per le diverse categorie professionali.

La materia è stata oggetto da  parte dell’INPS di  un’interpretazione estensiva, già prima dell’emanazione della disposizione interpretativa  del 2011, in base alla quale dovrebbero ritenersi obbligati ad iscriversi alla Gestione separata 

  • i soggetti che svolgono abitualmente attività di lavoro autonomo  senza casse professionali , 
  • i soggetti che, pur svolgendo attività il cui esercizio sia subordinato a tale iscrizione, non hanno  per ragioni reddituali, l’obbligo di iscriversie restano quindi obbligati al versamento del solo contributo cosiddetto integrativo, con esclusione di quello soggettivo 
  •   soggetti con esercizio per professione abituale  dell’attività di lavoro autonomo  e  con decorrenza dal 1° gennaio 2004, anche nei casi di esercizio di attività di lavoro  autonomo occasionale, con  reddito annuo da essa derivante superiore a euro 5.000,00,

Il giudice incaricato  ricorda come la Corte di cassazione sia intervenuta sul tema a più riprese,  con pronunce riguardanti diverse categorie di professionisti e che l'orientamento di legittimità conferma l'obbligo di iscrizione alla gestione separata  se essi non versano il contributo soggettivo previdenziale;     tale obbligo infatti  dipende dal  «principio di universalizzazione della copertura assicurativa» desumibile dagli artt. 35 e 38 Cost.,  per cui  ad ogni attività lavorativa, subordinata o autonoma, deve necessariamente collegarsi un’effettiva tutela previdenziale.

Il versamento della mera contribuzione integrativa alla cassa privata quindi non puo esentare  il professionista  dall'iscrizione alla Gestione separata che consente di ottenere la copertura previdenziale.

La Consulta conferma dunque che la norma "si iscrive in  una coerente  tendenza dell’ordinamento previdenziale verso la progressiva eliminazione delle lacune  rappresentate da residui vuoti di copertura assicurativa",   e che ciò " non è in contraddizione con l’autonomia regolamentare riconosciuta  alle casse categoriali."

Infatti la  Cassa di previdenza forense prima della riforma del 2012 prevedeva  un perimetro dell’obbligo assicurativo meno  esteso di quello della Gestione separata.  Il rapporto tra il sistema previdenziale categoriale e quello della Gestione separata, conclude la Consulta,  è infatti complementare e non alternativo.

Escluso il primo dubbio  di costituzionalità  viene invece osservato che è fondata , parzialmente  la questione sollevata in via subordinata,  sul fatto che l’obbligo di iscrizione non decorra dalla data di entrata in vigore della norma intepretativa,  ma sia stata considerata retroattiva

La sentenza osserva che  il legislatore, pur fissando , con l’art. 18, comma 12, del d.l. n. 98 del 2011, un precetto normativolegittimo ,  avrebbe dovuto comunque tener conto, di molte pronunce della Cassazione precedenti di senso contrario ,  e avrebbe avrebbe dovuto farsi carico,  di tutelare l’affidamento che ormai era maturato  tra i professionisti in costanza di tale giurisprudenza.

Viene affermato quindi che  la legittimità della norma  può essere  comunque raggiunta  mediante l’esonero dalle  sanzioni civili per la mancata iscrizione alla Gestione separata INPS relativamente al periodo precedente  l’entrata in vigore della norma di interpretazione autentica.

Tag: LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO PROFESSIONE AVVOCATO PROFESSIONE AVVOCATO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI · 24/06/2022 Part time verticale: bonus in arrivo da 550 euro

Nuova indennità in un emendamento alla conversione del decreto Aiuti per i lavoratori con part time ciclico verticale. Annuncio del Ministro

Part time verticale:  bonus in arrivo da 550 euro

Nuova indennità in un emendamento alla conversione del decreto Aiuti per i lavoratori con part time ciclico verticale. Annuncio del Ministro

Assunzioni: ok in CDM ai nuovi obblighi di comunicazione

Il Governo ha approvato ieri il decreto che recepisce la direttiva europea sulla comunicazioni obbligatorie ai lavoratori sulle condizioni di lavoro.

Consulenti del lavoro: responsabili delle asseverazioni per  i nulla osta

Il decreto semplificazioni affida a CDL e organizzazioni datoriali le verifiche sui requisiti per il nulla osta a richieste di assunzione di extracomunitari

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.