HOME

/

CONTABILITÀ

/

ARCHIVIAZIONE SOSTITUTIVA

/

GREEN PASS NEGLI STUDI PROFESSIONALI: CONFPROFESSIONI CHIEDE L'OBBLIGO PER I CLIENTI

3 minuti, Redazione , 06/10/2021

Green pass negli studi professionali: Confprofessioni chiede l'obbligo per i clienti

Proposte e critiche all'obbligo di certificazione verde nell'audizione di Confprofessioni alla Camera nell'iter di conversione del decreto 127-2021

L'introduzione dell'obbligo di green pass nei luoghi di lavoro con il dl 127 2021  ha portato con seéobiezioni,  dubbi e problemi applicativi non da poco per i datori di lavoro.  Confidustria si è mossa  pubblicando un documento con linee guida operative . Vedi una sintesi in "Green pass procedura e facsimili". 

Ieri in audizione alla Camera   il presidente di Confprofessioni Stella ha presentato le sue osservazioni  chiedendo che vengano prese in considerazione nell'iter di conversione in legge del Decreto , appena iniziato. Si ricorda che la conversione dovrà avvenire entro 60 giorni dalla data di pubblicazione, quindi entro il 20 novembre 2021.

In particolare Stella  fa presente  alcuni aspetti problematici della norma ,di ordine diverso   ma  con un possibile forte impatto nella vita degli studi professionali: 

  1. la difficoltà di controllo quotidiano del green pass dovuta al divieto di conservarne i dati imposto dal Grante per la privacy, particolarmente pesante in strutture con pochi dipendenti come sono in genere gli Studi
  2. l'incongruenza dell'obbligo di certificazione verde per i lavoratori, (titolare dipendenti collaboratori, tirocinanti)  a fronte dell'accesso libero invece per i clienti.
  3. un ulteriore criticità  sta nel fatto che il dipendente incaricato dal datore di lavoro delle verifiche è tenuto a riportare al Prefetto le violazioni riscontrate, per l'irrogazione delle sanzioni. Segnala infatti che cio potrebbe comportare problemi di relazione tra il personale e chiede che venga previsto per questo aspetto il coinvolgimento del titolare dello studio.

Vediamo piu in dettaglio   i principali  argomenti  evidenziati dal rappresentanti degli studi professionali.

Certificazione verde per  i clienti degli studi 

Nel documento (QUI IL TESTO)  di Confprofessioni si sottolinea che

"Quotidianamente i lavoratori degli studi professionali sono a contatto con i clienti che potenzialmente potrebbero pregiudicare la sicurezza della loro salute, esponendoli al rischio di contagio. Il controllo del possesso del green pass, sempre nelle diverse tipologie (dopo vaccinazione, guarigione dopo malattia, tampone recente), può garantire la sicurezza ai lavoratori dello studio e ai clienti."

Per questo motivo , si afferma " La protezione dovrebbe essere garantita dall’obbligo della presentazione del green pass anche da parte del cliente. Si ricorda, peraltro, che ciò avviene normalmente per l’accesso agli eventi sportivi, nei ristoranti e nei luoghi dove si svolgono spettacoli al chiuso. 

e propone come alternativa :" I soggetti non in possesso del green pass potrebbero comunque, se necessario, rapportarsi con i professionisti da remoto, attraverso i numerosi strumenti di video-conferenza, disponibili in rete."

Pare di poter obiettare che in questa logica l'obbligo di green pass dovrebbe allora essere imposto per l'ingresso i anche per pochi minuti in bar negozi autobus e qualsiasi luogo  chiuso , mentre oggi è limitato ai luoghi in cui il possibile assembramento tra persone perdura per un periodo di tempo  che si presume prolungato trasporti a lunga percorrenza spettacoli e appunto luoghi di lavoro. Indubbiament comunque le casistiche sono svariate ed è difficile che una norma tanto ampia possa non comportare  discrepanze nell'applicazione.

Controllo certificazioni e  divieto di conservazione dei dati

Sul punto della verifica dei green pass  Stella fa presente le difficoltà operative imposte dalla normativa  e chiede di valutare una modalità  eventualmente limitata  di memorizzazione,  anche solo della durata della certificazione , in modo da non ledere  comunque la privacy :  " Il fatto di non poter conoscere la data di scadenza della certificazione potrebbe comportare implicitamente la necessità di controllare quotidianamente i lavoratori con conseguenti aggravi procedurali. È da valutare, in questo senso, se sia possibile prevedere che il datore di lavoro possa avere accesso ad alcune informazioni di base del certificato del lavoratore, in un’ottica di semplificazione delle procedure. La conoscenza della durata temporale del green pass consentirebbe di scegliere la più snella modalità di verifica a campione, che rappresenta una delle opzioni organizzative previste direttamente dal legislatore."

Tag: LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO EMERGENZA CORONAVIRUS- GREEN PASS EMERGENZA CORONAVIRUS- GREEN PASS ARCHIVIAZIONE SOSTITUTIVA ARCHIVIAZIONE SOSTITUTIVA

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ARCHIVIAZIONE SOSTITUTIVA · 06/10/2021 Green pass negli studi professionali: Confprofessioni chiede l'obbligo per i clienti

Proposte e critiche all'obbligo di certificazione verde nell'audizione di Confprofessioni alla Camera nell'iter di conversione del decreto 127-2021

Green pass  negli studi professionali: Confprofessioni chiede l'obbligo per i clienti

Proposte e critiche all'obbligo di certificazione verde nell'audizione di Confprofessioni alla Camera nell'iter di conversione del decreto 127-2021

Pagamento bollo e tenuta libri contabili: l'Agenzia fa nascere dubbi

L'Agenzia chiarisce come assolvere l'imposta di bollo per i libri sociali tenuti con sistemi informatici ma non riprende i precedenti chiarimenti forniti su tenuta e conservazione

Tenuta e conservazione dei registri e documenti informatici fiscalmente rilevanti

L'agenzia chiarisce aspetti relativi alla regolarità dei registri tenuti in formato elettronico ossia i termini di tenuta e conservazione degli stessi.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.