HOME

/

DIRITTO

/

SOCIETÀ DI CAPITALI E DI PERSONE

/

COMPENSO DELL’AMMINISTRATORE: IL SILENZIO NON COSTITUISCE RINUNCIA

Compenso dell’amministratore: il silenzio non costituisce rinuncia

La rinuncia tacita al compenso da parte dell’amministratore di società è possibile, ma solo se tramite il suo comportamento riesce a trasmettere una volontà inequivocabile

L’ordinanza della Corte di Cassazione sezione civile numero 21172 del 23 luglio 2021 si occupa del diritto alla retribuzione da parte dell’amministratore di società e dell’eventualità che questo rinunci tacitamente al suo compenso.

Come principio generale l’assunzione dell’incarico di amministratore di società, specie nella situazione in cui colui che l’assume sia estraneo alla compagine sociale, rappresenta una situazione idonea alla percezione del compenso.

Considerando la natura dell’incarico assunto, dal quale scaturisce “un rapporto di tipo societario” che comporta “immedesimazione organica tra persona fisica ed ente”, la gratuità dell’incarico è possibile, ma ciò deve risultare da una apposita clausola statutaria, o da una delibera assembleare, perché, in mancanza di esplicita previsione, l’amministratore può legittimamente aspettarsi di essere retribuito.

Ovviamente, osserva la Corte, il venir meno del compenso può anche discendere dalla rinuncia dell’amministratore, “in quanto il diritto è senz’altro disponibile”, ma bisognerà fare attenzione alle modalità con cui questa si realizza.

Se la rinuncia espressa oltre che possibile è inequivocabile, oggetto d’attenzione dell’ordinanza in trattazione è l’eventualità che questa avvenga in modo tacito.

La Corte afferma che l’amministratore può anche rinunciare tacitamente al suo compenso, ma tale intenzione deve “potersi desumere da un comportamento concludente del titolare che riveli in modo univoco la sua effettiva e definitiva volontà abdicativa”.

Aggiungendo, per meglio inquadrare la questione, che “il silenzio o l’inerzia non possono essere interpretati quale manifestazione tacita della volontà di rinunciare al diritto di credito”, la questione si interpreta con il fatto che la rinuncia tacita è possibile, ma il comportamento dell’amministratore deve essere tale da riuscire a manifestare inequivocabilmente la sua volontà di rinunciare al credito.

La mancata richiesta del pagamento da parte dell’amministratore e\o la mancata corresponsione della retribuzione da parte della società, anche protratte per un lungo periodo di tempo, non sono sufficienti ad inquadrare la rinuncia da parte dell’amministratore.

Così come, precisa la Corte, non può essere inquadrata in tutti quei casi che costituiscono mera inattività o semplice silenzio, in quanto a queste situazioni non può attribuirsi un significato negoziale.

Per cui, la Corte di Cassazione, con l’ordinanza numero 21172/2021, emana il seguente principio di diritto: “la rinuncia al compenso da parte dell'amministratore può trovare espressione in un comportamento concludente del titolare che riveli in modo univoco una sua volontà dismissiva del relativo diritto; a tal fine è pertanto necessario che l'atto abdicativo si desuma non dalla semplice mancata richiesta dell'emolumento, quali che ne siano le motivazioni, ma da circostanze esteriori che conferiscano un preciso significato negoziale al contegno tenuto”.

In definitiva la Corte stabilisce la possibilità di una rinuncia tacita, nel caso in cui questa sia in grado di dimostrare una inequivocabile volontà, ma bisognerà tenere presente le difficoltà connaturate alla situazione di un silenzio inequivocabile, tali da rendere la fattispecie possibile ma residuale.

Fisco e Tasse Ente accreditato dal Mef per la formazione continua dei Revisori Legali presenta il suo Mini Master Revisori legali on-line per assolvere all’obbligo di formazione di almeno 20 crediti formativi per l'anno 2021 nelle materie caratterizzanti la revisione legale.

Per la tua attività di revisore ti consigliamo il SOFTWARE REVISAL - scegli la configurazione piu' adatta alle tue esigenze.

Vieni a scoprire tutti i nostri documenti (fogli excel e guide) nella sezione del Business Center Controllo di gestione, dedicata ad Analisi di Bilancio, Programmazione e controllo, Budget e Contabilità analitica o gestionale, Controllo di Direzione.


Tag: AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO SOCIETÀ DI CAPITALI E DI PERSONE SOCIETÀ DI CAPITALI E DI PERSONE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI 2021 · 19/10/2021 Partecipazioni: la tassazione dell'integrazione di prezzo di cessione di quote

Con risposta a interpello si chiarisce la tassazione del maggior prezzo della partecipazione in capo a cedente e cessionario in caso di cessione del credito

Partecipazioni: la tassazione dell'integrazione di prezzo di cessione di quote

Con risposta a interpello si chiarisce la tassazione del maggior prezzo della partecipazione in capo a cedente e cessionario in caso di cessione del credito

Società semplice: il reddito imponibile e la tassazione dei soci

Le Entrate con risposta a interpello forniscono chiarimenti sulla tassazione della società semplice, dei suoi soci e cosa accade nella cessioni di immobili.

I vantaggi e svantaggi della società semplice per una holding

Un testo di recente pubblicazione tratta delle caratteristiche, opportunità ed utilizzo come holding di una società semplice illustrando i pro e i contro

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.