HOME

/

FISCO

/

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI

/

ADDIZIONALI COMUNALI E REGIONALI: NOVITÀ NELLA RIFORMA FISCALE

Addizionali comunali e regionali: novità nella Riforma fiscale

Legge delega di riforma fiscale: parte la revisione delle addizionali comunali e regionali all’Irpef. Meno addizionali ma aumento dell'IRPEF

Nel Consiglio dei Ministri n. 39 del 5 ottobre 2021 è stato approvato il disegno di legge delega per la revisione del sistema fiscale. Tra le misure approvate dal Governo c'è la revisione delle addizionali comunali e regionali all'IRPEF che vengono eliminate per confluire nell'IRPEF (che per rimanere a parità di gettito statale dovrà aumentare). Rimandando alla lettura dell'articolo Riforma fiscale: ecco la legge delega approvata dal Governo per avere una panoramica delle novità, vediamo cosa cambia per  le addizionali

Riforma fiscale 2021:addio ad addizionali comunali e regionali

L'articolo 8 delle bozze è rubricato "Revisione delle addizionali comunali e regionali all’Irpef", ecco cosa prevede.

1. Il Governo è delegato ad attuare, con i decreti legislativi di cui all'articolo 1, una revisione delle addizionali comunali e regionali all’Irpef secondo i seguenti criteri e principi direttivi: 

a) prevedere la sostituzione dell’addizionale regionale all’Irpef con una sovraimposta sull’Irpef la cui aliquota di base può essere aumentata o diminuita dalle regioni entro limiti prefissati. La sostituzione deve garantire che con l’applicazione della nuova aliquota di base della sovraimposta le regioni nel loro complesso ottengano lo stesso gettito che avrebbero acquisito applicando l’aliquota di base dell’addizionale regionale all’Irpef stabilita dalla legge statale; 

b) prevedere per le regioni sottoposte a piani di rientro per disavanzi sanitari che, in base alla legislazione vigente, comportano l’automatica applicazione di aliquote dell’addizionale all’Irpef maggiori di quelle minime, un incremento obbligatorio della sovraimposta calcolato in modo da garantire lo stesso gettito attualmente ricavato dall’applicazione delle aliquote delle addizionali regionali all’Irpef maggiorate nella misura obbligatoria; 

c) prevedere per i comuni che la facoltà di applicare un’addizionale all’Irpef sia sostituita dalla facoltà di applicare una sovraimposta sull’Irpef. I limiti di manovrabilità della sovraimposta comunale sull’Irpef sono determinati in modo da garantire ai comuni nel loro complesso un gettito corrispondente a quello attualmente generato dall’applicazione dell’aliquota media dell’addizionale all’Irpef.

In attuazione dei principi del federalismo fiscale, allo scopo di rafforzare gli elementi di responsabilizzazione e trasparenza nella gestione della finanza locale, in linea con il principio della separazione delle fonti di finanziamento per i diversi livelli di governo, i decreti legislativi di cui all'articolo 1 devono prevedere la revisione dell’attuale riparto tra Stato e comuni del gettito dei tributi sugli immobili destinati a uso produttivo appartenenti al gruppo catastale D ed eventualmente degli altri tributi incidenti sulle transazioni immobiliari. 

3. Le revisioni di cui al comma 2 devono avvenire senza oneri per lo Stato, compensando eventuali variazioni di gettito per i diversi livelli di governo attraverso la corrispondente modifica del sistema dei trasferimenti erariali, degli altri tributi comunali e dei fondi di riequilibrio.

Tag: LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 18/10/2021 Cassa COVID: altre 13 settimane da richiedere entro il 30.11

Il nuovo decreto fiscale prevede ulteriori 9 / 13 settimane di ammortizzatori emergenziali per alcuni settori , da fruire entro il 31 dicembre 2021. Domande entro il 30 novembre

Cassa COVID:  altre 13 settimane da richiedere entro il 30.11

Il nuovo decreto fiscale prevede ulteriori 9 / 13 settimane di ammortizzatori emergenziali per alcuni settori , da fruire entro il 31 dicembre 2021. Domande entro il 30 novembre

Rottamazione e notifica cartelle: tutte le novità nel Decreto Fiscale 2021 2022

Rottamazione e saldo e stralcio in regola se si versa entro il 30 novembre 2021. Differimento di 150 giorni dalla notifica per il pagamento delle cartelle. Guida alle novità

Green pass: quali regole valgono per gli studi professionali?

Confprofessioni riepiloga le regole sul green pass per l'accesso agli studi professionali. Può essere nominato un incaricato dei controlli.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.