IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 12/08/2020

Maternità autonomi anche con contributi sospesi per COVID

Tempo di lettura: 3 minuti
INPS procedura telematica CERTIFICATO A1

Serve un'autocertificazione per ottenere l'indennita di maternità paternita per i lavoratori autonomi che fruiscono delle sospensioni contributive per l'emergenza COVID 19

Commenta Stampa

Con il messaggio n. 3030 del 10 agosto l'INPS  chiarisce che  la sospensione contributiva per i lavoratori e lavoratrici autonome introdotta per l'emergenza COVID (VEDI DETTAGLI SOTTO)  non comporta il rigetto delle richieste di  indennità di maternità e paternità.

(Qui una sintesi delle regole " Congedi parentali e matenità 2020")

Le istruzioni sulla sospensione sono state fornite con le  circolari n. 37/2020, n. 52/2020 e n. 59/2020, il messaggio n. 2162/2020 e, da ultimo, la circolare n. 64/2020 . (Vedi il riepilogo aggiornato "Decreto Agosto l'elenco  dei versamenti sospesi")

 L'istituto specifica che sebbene in assenza del regolare versamento dei contributi dovuti di norma la tutela della maternità/paternità non possa essere riconosciuta ,  considerata l’eccezionale situazione emergenziale ,  si ritiene opportuno provvedere comunque alla liquidazione delle relative indennità, salvo poi effettuare – ad opera delle Strutture territorialmente competenti – un successivo controllo del regolare versamento dei contributi dovuti al termine del periodo di sospensione.

 A tal fine, la/il richiedente dovrà produrre una dichiarazione di responsabilità con la quale attesti di essere in possesso dei requisiti per fruire della sospensione contributiva ai sensi della normativa vigente.

 Al termine dei periodi di sospensione, infatti, i beneficiari delle predette indennità di maternità/paternità dovranno provvedere alla regolarizzazione della propria posizione contributiva. In caso contrario le Strutture territorialmente competenti si attiveranno per il recupero degli importi indebitamente erogati.

 Queste indicazioni  non si applicano ai lavoratori autonomi agricoli, in quanto i decreti-legge sopra citati non afferiscono alle scadenze legali ordinarie dei versamenti di tale tipologia di lavoratori.

 Il messaggio fornisce anche le istruzioni operative per gli operatori delle sedi territoriali INPS.

Vale la pena ricordare i soggetti interessati dalla sospensione contributiva come riepilogato dalla circolare INPS 59 2020:

 " L’articolo 18 del decreto-legge 8 aprile 2020, n. 23, prevede, ai commi 1 e 2, che “Per i soggetti esercenti attività d'impresa, arte o professione, che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato con ricavi o compensi non superiori a 50 milioni di euro nel periodo di imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del  decreto, che hanno subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33 per cento nel mese di marzo 2020 rispetto allo stesso mese del  precedente periodo d’imposta e nel mese di aprile 2020 rispetto allo stesso mese del precedente periodo d’imposta” siano sospesi, rispettivamente per i mesi di aprile e di maggio 2020, i termini dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria. 

I successivi commi 3 e 4 del medesimo articolo 18 del decreto-legge in oggetto dispongono, analogamente, che “Per i soggetti esercenti attività d'impresa, arte o professione, che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato con ricavi o compensi superiori a 50 milioni di euro nel periodo di imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del presente decreto, che hanno subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 50 per cento  nel mese di marzo 2020 rispetto allo stesso mese del  precedente periodo d’imposta e nel mese di aprile 2020 rispetto allo stesso mese del  precedente periodo d’imposta”, vengano sospesi, rispettivamente per i mesi di aprile e di maggio 2020, i termini dei  versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria.Tale previsione normativa opera disgiuntamente per i mesi di marzo e aprile 2020.  

I versamenti sono sospesi anche per i soggetti che abbiano intrapreso l’attività  in data successiva al 31 marzo 2019. Per tali soggetti la sospensione dei versamenti non richiede la verifica del requisito della diminuzione del fatturato.

La sospensione dell’obbligo del versamento contributivo riguardava ad esempio  i contributi dovuti dagli artigiani e dagli esercenti attività commerciali  come I rata contribuzione sul minimale anno 2020alla scadenza del 18/05/2020.

Si ricorda che il Decreto Agosto, per ora diffuso solo in bozza   prevede la ripresa dei versamenti sospesi  alla data del 16 settembre con il 50% del totale dovuto o con rateizzazione in due anni a partire dalla stessa data

 

Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

La significativita' di revisione (Excel)
In PROMOZIONE a 12,90 € + IVA invece di 16,90 € + IVA fino al 2020-12-15
Calcolo Credito imposta Ricerca e Sviluppo 2020 (excel)
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2020-12-15
Partita Doppia 1: Scritture di esercizio
Scaricalo a 14,90 € + IVA

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE