Rassegna stampa Pubblicato il 25/09/2019

Appalti e contributi: decadenza biennale solo per i lavoratori

par condicio creditorum

Il termine di decadenza biennale dei trattamenti retributivi e contributivi vale solo per i lavoratori , non per l'INPS Cassazione sentenza 4 luglio 2019, n. 18004

 La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con sentenza 4 luglio 2019, n. 18004, ha chiarito che il termine di decadenza biennale previsto all’articolo 29, D.Lgs. 276/2003, (che dispone la responsabilità solidale del committente di un appalto di opere o servizi per i crediti retributivi e contributivi vantati dal dipendente verso il proprio datore di lavoro/appaltatore), alle richieste fatte  valere direttamente dai lavoratori. Non si puo invece estendere l’efficacia del termine anche a soggetti terzi, quale l’Ente previdenziale,.

La Cassazione nella sentenza approfondisce  l'interpretazione del secondo  comma dell'art. 29, con riferimento alla obbligazione contributiva  dell'appaltante chiamato a rispondere in via solidale  e afferma che "  Il secondo comma dell'art. 29 , nella stesura in vigore nel caso specifico (prima delle  modifiche apportate dal D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, prevede(va)  : in caso di appalto di opere o di servizi il committente imprenditore o datore di lavoro è obbligato in  solido con l'appaltatore, nonché con ciascuno degli eventuali ulteriori subappaltatori entro il limite di due anni dalla cessazione dell'appalto,  a corrispondere ai lavoratori i trattamenti retributivi e i contributi". 

I giudici affermano che sul punto ci sono  due opzioni interpretative:  "Una prima, secondo la quale si tratterebbe di una peculiare obbligazione contributiva che, pur legittimando il solo Ente previdenziale alla pretesa - posto che il lavoratore non può certo  ricevere i contributi- sia del tutto conformata alla speciale azione  riconosciuta al lavoratore e, quindi, soggetta al termine di decadenza di due anni. La seconda, che deriva  proprio dall'assenza di espresse regole relative alla pretesa contributiva ed in considerazione della    disciplina generaleche  non prevede alcun termine di decadenza per l'esercizio dell'azione di  accertamento dell'obbligo contributivo, soggetto solo al termine  prescrizionale.
 Questa seconda opzione è considerata preferibile  dalla Cassazione  perche è  consolidato il principio  secondo il quale il rapporto di lavoro e quello previdenziale, per  quanto tra loro connessi, rimangono del tutto diversi.

L'obbligazione contributiva, derivante dalla legge e che fa capo all'INPS, è distinta e  ha natura  indisponibile e va commisurata alla retribuzione che al  lavoratore   spetterebbe sulla base della contrattazione collettiva vigente (cd. "minimale contributivo"). Ciò anche per  la finalità di finanziamento della gestione assicurativa previdenziale . Non sarebbe coerente la possibilità che alla corresponsione di una retribuzione non possa seguire il soddisfacimento dell'obbligo contributivo solo perché l'ente previdenziale non ha azionato la propria pretesa nel termine di due  anni dalla cessazione dell'appalto.
Viene quindi affermato il principio che " il termine di due  anni previsto dall'art. 29, comma 2, D.Lgs. n. 276/2003 non è  applicabile all'azione promossa dagli enti previdenziali, soggetti alla  sola prescrizione" .

Ti puo interessare il volume "Paghe e contributi "di A. Gerbaldi (libro di carta - Maggioli editore) e l'ebook aggiornato "Pensioni 2019" di L. Pelliccia 

Fonte: Corte di Cassazione




Prodotti per La rubrica del lavoro , Contributi Previdenziali

 
14,90 € + IVA
 

GRATIS


Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)