Rassegna stampa Pubblicato il 20/08/2015

Spending, i tagli alla spesa sono i prossimi step del Governo

Tempo di lettura: 1 minuto

Oltre ai tagli alla spesa il Governo ha promesso l'eliminazione della tassa sulla prima casa.

Il Governo prevede tre pacchetti di misure per la spending: la prima entro metà settembre con le misure si semplificazione nei rapporti tra Pubblica amministrazione, cittadini e imprese e la nuova carta per la cittadinanza digitale; a metà ottobre, in parallelo con la Legge di stabilità 2016, gli interventi sulle partecipate, le prefetture e i servizi locali; a fine anno il riassetto di pubblico impiego e dirigenza. Tra le misure più importanti si ricorda quella delle partecipate: il governo punta a ridurre il numero da 8 mila a mille. I tagli si concentreranno soprattutto sulle strutture "vuote" (con un solo amministratore) e su quelle con i conti in rosso. Si tratta di una misura non facile da attuare per le numerose resistenze mostrate già da più comuni. Gli altri interventi che porteranno a grossi risparmi saranno: il riordino degli uffici territoriali del Governo, con la scomparsa di molte prefetture; la riduzione dei corpi di polizia con l'assorbimento dei forestali nei carabinieri e nei vigili del fuoco; l'eliminazione di enti inutili. Con la manovra scatteranno anche i tagli alle tasse: sarà rispettato l'impegno preso dal premier per l'eliminazione della tassa sulla prima casa, e il governo è già al lavoro per garantire ai comuni il "compenso" per il gettito che verrà a mancare.

Fonte: Il Sole 24 Ore





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)