HOME

/

PMI

/

LA TASSAZIONE DELLE PMI

/

COMPENSO DELL’AMMINISTRATORE PAGATO CON CESSIONE DI UN CREDITO: PROFILI FISCALI

Compenso dell’amministratore pagato con cessione di un credito: profili fiscali

Analizziamo le rilevanze fiscali del caso in cui il compenso viene pagato all’amministratore dalla società tramite cessione di un credito

La disciplina fiscale del compenso degli amministratori di società di capitali presenta dei profili di rilevanza che derivano dalla stessa natura del costo.

Il fatto che il pagamento o il mancato pagamento del compenso possa essere gestito dallo stesso amministratore, nell’esercizio delle sue funzioni, ha fatto propendere il Legislatore per un inquadramento tributario prudente e in deroga, in considerazione delle politiche fiscali che sarebbero potute discendere nella fattispecie dall’applicazione delle norme ordinariamente previste per la deduzione dei costi nell’esercizio dell’impresa.

La sentenza numero 13096 della Corte di Cassazione, pubblicata il 27 aprile 2022, riepiloga i principi base della deducibilità decompenso dell’amministratore di società di capitali e approfondisce, anche nelle sue rilevanze fiscali, il caso in cui tale compenso venga liquidato attraverso la cessione all’amministratore di un credito vantato dalla società.

L’articolo 95 comma 5 del TUIR, in tema di redditi d’impresa, stabilisce che “i compensi spettanti agli amministratori delle società […] sono deducibili nell'esercizio in cui sono corrisposti”.

Quindi, in deroga al generale principio della competenza che governa il reddito d’impresa, i compensi degli amministratori di società di capitali sono deducibili per cassa.

Questa la situazione generale. Poi, nello specifico, la Corte di Cassazione entra nel merito del caso particolare in cui il debito verso l’amministratore per il suo compenso venga estinto dalla società attraverso la cessione di un credito vantato da questa nei confronti di terzi, avente ad oggetto una equivalente somma di denaro.

Che la situazione in generale sia legittimamente realizzabile lo afferma l’articolo 1198 del Codice civile, in tema di estinzione delle obbligazioni mediante cessione del credito, che lo sia anche nello specifico, per il caso dell’estinzione del debito nei confronti dell’amministratore per il suo compenso, lo conferma l’articolo 50 (secondo la nuova numerazione) comma 1 lettera c-bis del TUIR, il quale assimila a reddito da lavoro dipendente “le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d'imposta […] in relazione agli uffici di amministratore”.

Secondo la Corte di Cassazione il Testo Unico delle Imposte sui Redditi riconoscein tal modo, sia pure in via implicita, la possibilità che il compenso per lo svolgimento di funzioni gestorie possa essere remunerato in modo diverso dall’erogazione diretta del denaro”.

Questo concetto si dovrà relazionare con la deducibilità per cassa del compenso dell’amministratore; con la conseguenza che un tale costo sarà deducibile nel periodo d’imposta in cui avviene la manifestazione finanziaria, anche se saldato con modalità diverse dal pagamento in denaro.

La definizione di questo punto è fondamentale per poter stabilire con precisione il momento in cui potrà essere dedotto il costo in esame, quando il pagamento avviene tramite cessione di un credito per equivalente. Sarà necessario distinguere due situazioni:

  1. cessione del credito avviene pro solvendo: la cessione “è priva di effetto estintivo dell’obbligazione, essendo necessaria anche la riscossione del credito”;
  2. cessione del credito avviene pro soluto: “la cessione è idonea, da sola, ad estinguere l’obbligazione”.

Ebbene, la Corte di Cassazione ci spiega che “solo in quest’ultimo caso vi è manifestazione finanziaria del costo sostenuto, resa evidente dalla definitiva soddisfazione della pretesa creditoria a seguito dell’estinzione dell’obbligazione”.

Con altre parole il compenso dell’amministratore, saldato tramite cessione di un credito vantato dalla società, è deducibile nel momento in cui la cessione diviene definitiva ed estingue l’obbligazione della società nei confronti dell’amministratore, che:

  1. in caso di cessione del credito pro solvendo: sarà il momento in cui il credito viene riscosso, evento che estingue l’obbligazione;
  2. in caso di cessione del credito pro soluto : sarà il momento in cui il credito viene ceduto dalla società all’amministratore, anche in questo caso evento che estingue l’obbligazione.

Per ulteriori approfondimenti sull’argomento si possono leggere i seguenti articoli, dello stesso autore:

- I redditi degli amministratori di società di capitali

- Compenso dell’amministratore: il silenzio non costituisce rinuncia

Tag: SOCIETÀ DI CAPITALI E DI PERSONE SOCIETÀ DI CAPITALI E DI PERSONE LA TASSAZIONE DELLE PMI LA TASSAZIONE DELLE PMI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA TASSAZIONE DELLE PMI · 04/07/2022 Compenso dell’amministratore pagato con cessione di un credito: profili fiscali

Analizziamo le rilevanze fiscali del caso in cui il compenso viene pagato all’amministratore dalla società tramite cessione di un credito

Compenso dell’amministratore pagato con cessione di un credito: profili fiscali

Analizziamo le rilevanze fiscali del caso in cui il compenso viene pagato all’amministratore dalla società tramite cessione di un credito

Perdite su crediti: deduzione subordinata all’inerenza quantitativa

Ai fini della deducibilità di una perdita su crediti assume rilevanza la differenza tra valore di realizzo del credito e il relativo corrispettivo di cessione dello stesso

La detraibilità dell’IVA prima dell’inizio dell’attività in assenza di operazioni attive

È detraibile l’IVA sugli acquisti del periodo preparatorio all’inizio dell’attività, anche in assenza di ricavi, al realizzarsi di alcuni requisiti e in assenza di finalità abusive

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.