HOME

/

FISCO

/

REDDITOMETRO

/

REDDITOMETRO: QUALE PROVA DEL CONTRIBUENTE?

1 minuto, Redazione , 22/01/2020

Redditometro: quale prova del contribuente?

La giurisprudenza stabilisce che la prova di ulteriori redditi esenti e il loro utilizzo nel tempo, è idonea a giustificare le spese accertate.

Con riguardo all’accertamento del reddito effettuato dall’ufficio con metodo sintetico e cioè sulla base delle spese di qualsiasi genere sostenute nel corso del periodo d'imposta, l’art. art. 38, D.P.R. n. 600 del 1973, stabilisce che il contribuente può dare prova che il finanziamento di dette spese è avvenuto con redditi diversi da quelli posseduti nello stesso periodo d'imposta, o con redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o, comunque, legalmente esclusi dalla formazione della base imponibile.

Tuttavia, l’entità di tali redditi e la durata del loro possesso devono risultare da idonea documentazione.

A tal proposito, in caso di accertamento redditometrico, il contribuente può fornire come prova:

  • la dimostrazione dell’esistenza di ulteriori redditi, come quelli esenti o soggetti a tassazione separata;
  • le circostanze che facciano presumere che gli ulteriori redditi siano stati utilizzati.

Questo principio è stato evidenziato dalla Corte di Cassazione (cfr. sentenza 12613/20189) e ripreso dalla pronuncia 4383/2/2019 della CTR Lombardia che si è espressa, a seguito di rinvio della Corte suprema per stabilire se, a seguito di accertamento redditometro dell’ufficio, con cui contestava maggiori redditi imponibili nei confronti di due coniugi, questi ultimi avessero fornito una prova  idonea a smentire il maggior reddito accertato.

In particolare, a fronte dell’accreditamento di somme sul c/c dei coniugi, gli stessi avevano fornito la prova:

  • che dette somme erano pervenute dalla vendita di propri beni;
  • che le stesse erano state successivamente utilizzate in maniera graduale.

Il giudice ha pertanto ritenuto idonea la prova fornita dai coniugi riguardante la durata del possesso delle somme pervenute sul proprio c/c nonché il graduale utilizzo delle stesse a fonte della diminuzione dei saldi finali del conto.

Nel caso di specie pertanto la prova contraria richiesta dal legislatore in caso di redditometro è stata superata dai contribuenti, senza che gli stessi abbiano dovuto dimostrare in maniera specifica l’utilizzo del denaro per sostenere le spese contestate a seguito dell’accertamento sintetico.

Tag: ACCERTAMENTO E CONTROLLI ACCERTAMENTO E CONTROLLI REDDITOMETRO REDDITOMETRO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 20/04/2022 Redditometro e controllo c/c anche per i dipendenti

Anche per il lavoratore dipendente possibile il controllo sui conti correnti per somme non collegate alla busta paga, ricorda la Cassazione. Vediamo i dettagli

Redditometro e controllo  c/c anche per i dipendenti

Anche per il lavoratore dipendente possibile il controllo sui conti correnti per somme non collegate alla busta paga, ricorda la Cassazione. Vediamo i dettagli

Redditometro 2021: nuovo decreto del MEF

Conclusa la consultazione pubblica si attende la pubblicazione in Gazzetta del decreto MEF per l’applicazione del redditometro dal 2016

Redditometro: fino al 15 luglio aperta la consultazione pubblica sulla bozza di decreto

Il decreto riguarda i controlli sui consumi e gli investimenti (risparmio) delle famiglie così da definire la "capacità contributiva"

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.