HOME

/

FISCO

/

ANTIRICICLAGGIO E USO CONTANTE 2022

/

MICA: IL PRIMO REGOLAMENTO EUROPEO CRYPTO

MiCA: il primo regolamento europeo crypto

Le norme europee per regolamentare le criptovalute. Che cos'è il MiCA? MiCA e stablecoin. MiCA e Proof-of-Work. MiCA, NFT e DeFi. Supervisione e responsabilità.

Nel corso dell’estate 2022, l’Unione Europea ha definito due importanti accordi riguardanti le normative antiriciclaggio (TFR) e la disciplina delle criptovalute (MiCA).

Diversi aspetti sono in piena evoluzione, perciò nel tempo potrebbero esserci delle modifiche e integrazioni da parte del legislatore.

Ti potrebbe interessare l'ebook Criptovalute e dichiarazione dei redditi (eBook 2022) 

1) Che cos'è il MiCA?

Acronimo di Markets in Crypto-Assets, il MiCA è un insieme di norme prodotte dall’Unione Europea atte a regolamentare il settore delle criptovalute.

Con l’aumento della partecipazione e dei capitali investiti, è naturale che il legislatore si interessi a un certo tema.

Il MiCA è stato pensato principalmente per tutelare l’utente finale e migliorare la stabilità finanziaria e potrebbe anche diventare lo standard di riferimento mondiale in tema di regolamentazione crypto.

2) MiCA e stablecoin

Il recente collasso dell’ecosistema di Terra e UST non ha fatto altro che giustificare ancor di più la necessità di regole definite e stringenti per quanto riguarda le stablecoin.

Le stablecoin, per chi non lo sapesse già, sono criptovalute che mantengono il loro valore ancorato a quello di un altro asset, dal dollaro all’oro. Ad esempio, Tether USDT ha il valore peggato (pegged) alla moneta americana, cioè 1 USDT=1 $.

Un punto saliente è quello sulle riserve delle aziende che emettono le stablecoin. Queste dovranno infatti essere protette in caso di insolvenza, passaggio fondamentale se si vuole andare verso l’adozione di massa delle criptovalute.

Da evidenziare è anche il cap giornaliero di 200 milioni di euro in transazioni per le stablecoin più importanti. Tutto è orientato alla massima prudenza. 

3) MiCA e Proof-of-Work

Bitcoin e le criptovalute Proof-of-Work sono salve: l’Unione Europea stava infatti valutando il ban totale delle criptovalute basate sul mining.

Ti potrebbe interessare l'ebook Criptovalute e dichiarazione dei redditi (eBook 2022)

4) MiCA, NFT e DeFi

I Non-Fungible Tokens sono esclusi dalle norme del MiCA.

Questo vale solo per gli utenti finali: marketplace di NFT e piattaforme varie dovranno invece rispettare determinati requisiti, fra cui spicca l’ottenimento di una licenza dedicata.

Il MiCA inoltre non interverrà sulla DeFi, tuttavia nel 2023 la Commissione Europea produrrà un report sulla finanza decentralizzata in seguito al quale saranno considerate eventuali modifiche al MiCA.

5) Supervisione e responsabilità

Gli incarichi di supervisione degli attori crypto sono affidati principalmente a due organi: 

  • ESMA, acronimo di European Securities and Markets Authority.
  • EBA, sigla della European Banking Authority. 

Le autorità potranno imporre restrizioni sull’emissione di token da parte die fornitori di servizi crypto come gli exchange.

Viene prevista la creazione di un registro degli operatori crypto non autorizzati a lavorare nell’UE mentre la supervisione delle realtà più piccole sarà di competenza delle autorità nazionali.

Il regolamento europeo sul tema della responsabilità è chiaro: i fornitori di servizi crypto sono responsabili dei danni e viene data massima attenzione alla protezione degli utenti dai rischi di insolvenza.

Le norme contenute nel MiCA non si limitano a quanto riportato sopra sebbene gli elementi degni di nota sono questi, a cui se ne aggiungono altri di minore importanza o da definire meglio.

L’applicazione del MiCA è prevista dopo 18 mesi, fanno eccezione le realtà legate alle stablecoin, dove le tempistiche si riducono a 12 mesi dall’entrata in vigore.

 

Si può concludere che l’Unione Europea attraverso il MiCA cerca di adeguarsi ad uno scenario in continuo aggiornamento tecnologico intervenendo in maniera imperfetta ed incompleta evitando però di distruggere in partenza un settore che potrebbe portare crescita e capitali sul territorio europeo.

Leggi anche: TFR: la normativa antiriciclaggio UE in ambito crypto-asset

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ANTIRICICLAGGIO E USO CONTANTE 2022 · 09/11/2022 Antiriciclaggio: a breve possibile invio dati sul Titolare effettivo

Chi non adempie all'invio dati sul Titolare effettivo nel Registro imprese può essere soggetto a sanzioni da 103 a 1032 euro

Antiriciclaggio: a breve possibile invio dati sul Titolare effettivo

Chi non adempie all'invio dati sul Titolare effettivo nel Registro imprese può essere soggetto a sanzioni da 103 a 1032 euro

Titolare effettivo: cosa serve per comunicare i dati?

Istruzioni in 4 punti per comunicare i dati al Registro del Titolare Effettivo di Unioncamere

Dichiarazione fraudolenta e riciclaggio: legame tra competenza territoriale e primo atto

Sentenza n. 40861 del 27 ottobre 2022 Cassazione Penale: ideazione e programmazione dell’attività di riciclaggio elemento della giurisdizione

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.