HOME

/

FISCO

/

ACCERTAMENTO E CONTROLLI

/

NUOVO PROCESSO TRIBUTARIO CON AGGRAVIO DELLE SPESE

Nuovo processo tributario con aggravio delle spese

Processo tributario: le spese del giudizio e il principio di responsabilità processuale

La  bozza di modifica del processo tributario licenziata il 17.5.2022 interviene sul  trattamento delle spese del giudizio introducendo un principio, originale, di responsabilità processuale.

Attualmente, il comma 2-octies dell’art. 15 del d.lgs. 31.12.1992, n. 546, dispone che qualora una delle parti abbia formulato una proposta conciliativa che non è accettata dalla controparte senza giustificato motivo, “restano a carico di quest’ultima le spese del processo ove il riconoscimento delle sue pretese risulti inferiore al contenuto della proposta ad essa effettuata. Se è intervenuta conciliazione le spese si intendono compensate nel processo verbale di conciliazione”.

La modifica ha per oggetto il primo periodo per effetto del nuovo art. 48-bis.1 secondo cui per le controverse che sono oggetto del procedimento di ricorso- reclamo, di cui all’art. 17-bis, “la commissione, ove possibile, può formulare alle parti una proposta conciliativa, avuto riguardo all’oggetto del giudizio e all’esistenza di questioni di facile e pronta soluzione”.

In tale ipotesi, anche se la proposta è formulata fuori udienza o in udienza, la trattazione della causa può essere rinviata alla successiva udienza per il perfezionamento dell’accordo conciliativo. Ma se ciò non avviene, nella stessa udienza si procede alla trattazione dell’udienza.

1) Ma quale è la nuova cornice delle spese processuali?

Come regola generale:

  1. la parte soccombente è condannata a rimborsare le spese del giudizio che sono liquidate con la sentenza (comma 1); tuttavia, esse possono essere compensate in tutto o in parte dalla commissione tributaria soltanto in caso di soccombenza specifica o qualora sussistano gravi ed eccezionali ragioni che devono essere espressamente motivate. Si applicano le disposizioni di cui all’art. 96, primo e terzo comma, c.p.c.
  2. nelle controversie di cui all’art. 17-bis le spese di giudizio di cui al comma 1 sono maggiorate del 50%  a titolo di maggiori spese del procedimento.

La nuova norma, qualora sia stata fatta la proposta conciliativa da una delle parti ovvero dal giudice e questa non sia stata accettata senza giustificato motivo dall’altra parte, restano a carico di quest’ultima le spese del giudizio maggiorate del 50%.

In questa cornice, il trattamento delle spese di giudizio è articolato in relazione al valore della controversia, cioè:

  • se non si applica l’art. 17-bis, la sentenza liquida le sole spese del giudizio;
  • se si applica l’art. 17-bis:
    • come regola generale, le spese sono maggiorate del 50%;
    • se è stata fatta una proposta conciliativa non accettata dalla parte soccombente la somma delle spese processuali maggiorate del 50% subiscono un  ulteriore incremento del 50%.

Il contribuente può impugnare la sentenza contraria confidando sul fatto che il giudizio di appello possa essergli favorevole cancellando il gravame.

Il problema, però, va ampliato  anche al caso del contenzioso avviato dal contribuente per la causa di valore fino a 3.000 euro. 

In tale ipotesi, la commissione tributaria decide in composizione monocratica, ma, secondo il nuovo ultimo periodo del comma 1 dell’art. 52 la sentenza emessa dal giudice monocratico può essere appellata esclusivamente per violazione di norme sul procedimento, nonché per violazioni di norme costituzionali o di diritto dell’Unione europea, ovvero dei principi regolatori della materia. 

In sostanza, per le liti minori prima di contestare la pretesa impositiva è necessario valutare attentamente se le ragioni del contribuente possano essere accolte poiché in caso contrario pende la spada di Damocle della doppia maggiorazione delle spese processuali e dell’impossibilità di proporre appello per questioni di merito.

Dello stesso autore ti consigliamo:


La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

GIURISPRUDENZA · 05/08/2022 Processo penale: riforma della giustizia. Ecco cosa cambia

Attuazione della legge 27 settembre 2021, n. 134, recante delega al Governo per l'efficienza del processo penale nonché in materia di processo penale nonché in materia di giustizia

Processo penale: riforma della giustizia. Ecco cosa cambia

Attuazione della legge 27 settembre 2021, n. 134, recante delega al Governo per l'efficienza del processo penale nonché in materia di processo penale nonché in materia di giustizia

Accertamenti commercialisti in base alle dichiarazioni: polemiche con le Entrate

Accertamenti sui commercialisti applicando la tariffa alle dichiarazioni trasmesse. Le proteste dell'Associazione Nazionale Commercialisti

Tracciabilità dei pagamenti confermata con RIBA e MAV

Riduzione termini di accertamento: confermata tracciabilità dei pagamenti con RIBA e MAV. Non si perde l'agevolazione in caso di ricezione di fatture cartacee. A dirlo le Entrate

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.