HOME

/

FISCO

/

RIFORMA FISCALE 2023-2024

/

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO

Il nuovo ravvedimento operoso

Cambiano le regole del c.d. “ravvedimento operoso”: vediamo come

Ascolta la versione audio dell'articolo

Lo schema di d.lgs. di riforma delle sanzioni (tsto ancora provvisorio) agevola l’istituto del c.d. “ravvedimento operoso”: i benefici più evidenti hanno per oggetto:

  • gli omessi versamenti, per i quali la sanzione del 30% viene ridotta al 25%,
  •  e la di dichiarazione infedele, per la quale la sanzione minima del 90% è ridotta al 70%.

Lo schema di d.lgs. di revisione delle sanzioni tributarie delinea nuove regole procedurali a seconda se il contribuente elimina spontaneamente le irregolarità commesse o se ciò non avviene dopo il ricevimento di un alto pre-accertativo. 

Le modifiche, inoltre, hanno per oggetto la misura della sanzione ridotta che varia da 1/10 del minimo a 1/7 del minimo nel primo caso, mentre nel secondo la misura varia da 1/6 del minimo a 1/4 del minimo, benefici che vanno correlati al ritardo dell’adempimento spontaneo.

Le modifiche non interessano la riduzione della sanzione nella misura di 1/10 del minimo nei casi:

  1. di mancato  pagamento del tributo o di un acconto se eseguito entro 30 giorni dalla data della commissione;
  2. per l’omissione della presentazione della dichiarazione, se questa è presentata con ritardo non superiore a 90 giorni; va sottolineato che nella disciplina ora è compresa anche l’omessa liquidazione periodica dell’IVA per la quale la sanatoria deve essere operata non più con un ritardo non superiore a 30 giorni ma a 90 giorni.

Resta invariata la misura di 1/9 del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidono sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene entro 90 giorni dalla data dell’omissione o dell’errore, ovvero se la regolarizzazione avviene entro 90 giorni dal termine di presentazione della dichiarazione in cui l’omissione o l’errore è stato commesso.

Fatta eccezione per l’omessa dichiarazione, le violazioni per gli omessi versamenti e gli errori regolarizzabili entro 90 giorni, se il contribuente ha lasciato decorrere inutilmente il termine, egli può sempre sanare le irregolarità commesse ma subisce un aggravio della sanzione ridotta a 1/8 del minimo.

1) Il ravvedimento operoso


Irregolarità sanabileSanzione ridotta
Termine per la regolarizzazione

Mancato versamento del

o dell’acconto (lett. a)
0,1%
  1. Termine per la regolarizzazione per ogni giorno di ritardo fino a 14 giorni;
  2. per ritardo da 15 a 30 giorni;
  3. ritardo dal 31° al 90° giorno;
  4. entro il termine di presentazione della dichiarazione, ovvero entro l’anno dall’omissione se la dichiarazione non è prevista;
1,5%
1/9
1/8

Errori e omissioni anche se incidenti sulla determinazione e sul pagamento del tributo, se la regolarizzazione è eseguita:

  1. ravvedimento intermedio (lett. 4-bis)
  2. ravvedimento lungo ( lett. b)
  3. ravvedimento lunghissimo ( lett. b-bis)

1. 1/9
  1. entro 90 giorni dall’omissione;
  2. entro il termine di presentazione della dichiarazione per l’anno in cui e commessa la violazione, ovvero se non prevista entro un anno dall’omissione;
  3. oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo a quello in cui e stata commessa la violazione, ovvero se non prevista oltre un anno dalla omissione.
2. 1/8
3. 1/7

Regolarizzazione:

  1. dopo la comunicazione dello schema di atto di cui all’art. 6-bis, comma 3, della l. 27.07.2000, n 212 (lett. b-ter)
  2. dopo la constatazione fatta con processo verbale di constatazione di cui all’art. 24 della l. 7.1.1929, n. 4 (lett. b- quater)
  3. dopo la comunicazione dello schema di atto in cui al citato art. 6-bis relativo alla violazione constata di cui al citato art. 24
1. 1/6
  1. purché non preceduta da processo verbale di constatazione, senza che sia stata presentata l’istanza di accertamento con adesione;
  2. purché non sia preceduta la comunicazione di adesione di cui all’art. 5-quater del d.lgs. 19.6.1997, n. 218, e prima dello schema di atto di cui al citato art. 6-bis;
  3. purché non sia stata presentata istanza di accertamento con adesione di cui all’art. 6, comma 2-bis del citato d. lgs. n. 218
2. 1/5
3. 1/4
Omissione di versamento1/10entro 90 giorni dalla scadenza.
  1. La sanzione va conteggiata sull’importo minimo irrogabile. Le singole leggi possono prevedere ulteriori circostanze attenuanti.
  2. Il pagamento della sanzione ridotta deve essere eseguito contestualmente alla regolarizzazione del pagamento del tributo e della differenza, quando dovuti, nonché al pagamento degli interessi moratori calcolati al tasso legale con maturazione giorno per giorno.
  3. La sanzione non è irrogata “quando la violazione si traduce in una mera violazione formale senza alcun debito d’imposta” (art. 10, comma 3, della L. 27 luglio 2000, n. 212). La valutazione dell’irregolarità è fatta caso per caso. “Non sono punibili le violazioni che non arrecano pregiudizio all’esercizio delle azioni di controllo e non incidono sulla determinazione della base imponibile dell’imposta e sul versamento del tributo” (art. 6, comma 5-bis, del d.lgs. 18 dicembre 1997, n.472)
  4. Per il calcolo della sanzione relativa al versamento non si applica la regola del troncamento.
  5. Ai fini dell’applicazione della norma, per i tributi amministrati dall’Agenzia delle entrate non opera la preclusione del comma 1, primo periodo, salva la notifica degli atti di liquidazione e di accertamento, comprese le comunicazione recanti le somme dovute in base ai c.d. “avvisi bonari” di cui agli artt. 36-bis e 36-ter del D.P.R. 29 settembre 1973, n.600, e 54-bis del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633. La suddetta preclusione, salva la notifica degli avvisi di pagamento e di atti di accertamento, non opera neppure per i tributi doganali e per le accise amministrati dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli.
  6. Il pagamento deve essere eseguito entro 60 giorno dal ricevimento dell’atto se la liquidazione deve essere fatta dall’ufficio.

Gli errori commessi nella compilazione dei modelli F24 (ad esempio, codice tributo errato, ecc.) possono essere sanati seguendo le indicazioni contenute nella circolare 21 febbraio 2002, n. 5/E

Se la dichiarazione integrativa evidenzia una maggiore imposta, non può essere irrogata la sanzione per carente versamento (circ. 12 ottobre 2016, n. 42/E).

Non sono punibile le irregolarità che non pregiudicano all’esecuzione dei controlli o se l’errore o l’omissione non incide sulla determinazione e sul pagamento del tributo. La valutazione è lasciata alla discrezionalità dell’amministrazione finanziaria.

Codici tributo

impostecodici relativi al periodo ( 6001 per la liquidazione del mese di gennaio, ecc.)
interessi1991
sanzioni8904

Ti segnaliamo:

2) Il ravvedimento sprint

Se l’irregolarità ha per oggetto versamenti effettuati con ritardo non superiore a 15 giorni, la sanzione è del 15% (quella del 25% è irrogata soltanto se il versamento non è effettuato entro 90 giorni dalla scadenza) oltre a quanto è previsto dall’art. 13 in argomento, è ulteriormente ridotta a un importo pari a 1/15 per ogni giorno di ritardo (art. 13, comma 1, del d.lgs. 18 dicembre 1997, n.471). 

Pertanto il versamento eseguito con due giorni di ritardo rende irrogabile la sanzione del 2% (cioè 15% x 2/15), ecc.

Il beneficio si applica a prescindere “dal verificarsi delle condizioni richieste per il ravvedimento. 

Se poi al versamento tardivo del credito (inferiore a 15 giorni) si accompagna quello spontaneo dei relativi interessi legati e delle stesse sanzioni entro il termine di 30 giorni dalla scadenza, la riduzione si aggiunge” (C.M. 5 luglio 2000, n. 138/E) per cui l’entità della sanzione per un giorno di ritardo è dello 0,1%, per due giorni dello 0,2%, ecc.

Il c.d. “ravvedimento spint” si aggiunge al ravvedimento breve e lungo: la sanzione minima è ridotta a 1/15 per ogni giorno di ritardo nel versamento, fino a 14 giorni, per ciascuno dei quali è pari allo 0,1% giornaliero (cioè 1/15 per ogni giorno di ritardo).

gironi di ritardo
sanzione principale
sanzione ridotta
1
1%
0,1%
2
2%
0,2%
3
3%
0,3%
4
4%
0,4%
5
5%
0,5%
6
6%
0,6%
7
7%
0,7%
8
8%
0,8%
9
9%
0,9%
10
10%
1,0%
11
11%
1,1%
12
12%
1,2%
13
13%
1,3%
14
14%
1,4%
15
15%
1,5%,
da15 a 30
15%
1,5%
da 31 a 90
25%
1,67%
oltre 90
25%
3,125%
a) Entro il termine massimo di presentazione della dichiarazione annuale. 


Ti segnaliamo:

3) Le irregolarità del versamento

Il contribuente beneficia dell’istituto soltanto se sono presenti le seguenti situazioni:

  • a) la rimozione formale della violazione
  • b)il contestuale versamento della sanzione ridotta, del tributo, se dovuto e degli interessi moratori ( circ. 19 marzo 2009, n. 10/E)

L’entità della sanzione varia in funzione del periodo di tempo decorso tra la data in cui l’irregolarità è stata commessa a quella della regolarizzazione.

Gli interessi vengono calcolati solo sul tributo applicando il tasso legale con maturazione giorno per giorno

Il pagamento della sanzione ridotta deve essere eseguito contestualmente alla regolarizzazione del pagamento del tributo e degli interessi moratori per cui il beneficio non trova applicazione nei seguenti casi:

  • a)solo rimozione della violazione cioè senza pagamento delle somme dovute;
  • b) rimozione e pagamento:
    • • soltanto della sanzione o del tributo o degli interessi;
    • •  soltanto della sanzione e del tributo o della sanzione e degli interessi o del tributo e degli interessi;
  • c) rimozione e pagamento:
    • • integrale delle somme dovute oltre il termine previsto;
    • •  delle somme dovute a titolo di tributo e di interessi entro il termine previsto e della sanzione successivamente;
    • •  del tributo entro il termine e delle altre somme successivamente.

In sintesi, se il contribuente non ha effettuato (o ha effettuato solo in parte) il versamento dell’acconto IVA per l’anno 20x1 (ad esempio, € 1.000) entro il 27 dicembre 20x1, è riconosciuto il ravvedimento operoso se, entro il 30 aprile 20x2, è versata in una o più soluzioni la quota capitale (ad esempio, € 300, € 400, € 100, € 200) con i correlati sanzione e interessi. La procedura è perfezionata limitatamente all’importo versato, se è eseguito il pagamento entro il 30 aprile 20x2, ad esempio di € 600 (con correlati interessi e sanzione) ma non per quello che è stato versato successivamente, se, nel frattempo, è intervenuto il controllo.

Non è possibile effettuare il pagamento in forma rateale (circ. 21 giugno 2011, n. 48/E)

La norma interpretativa (art. 13-bis del d.lgs. 18.12.1997, n.472)

Il contribuente può avvalersi del ravvedimento operoso anche nel caso di versamento frazionato purché entro i termini prescritti.

Se l’imposta è versata in ritardo e il ravvedimento, con il versamento della sanzione e degli interessi interviene successivamente, la sanzione applicabile corrisponde a quella relativa al tardivo versamento; gli interessi sono dovuti per l’intero periodo del ritardo; la riduzione prevista in caso di ravvedimento è riferita al momento di perfezionamento dello stesso.

Nel caso di versamento tardivo dell’imposta frazionata in scadenze differenti, il contribuente può operare autonomamente per il ravvedimento dei singoli versamenti, con le riduzioni consentite, ovvero per il versamento complessivo applicando la riduzione in relazione alla data di cui la stessa è regolarizzate.

La disposizione si applica soltanto per i tributi amministrati dall’Agenzia delle entrate.

Ti segnaliamo:

Fonte immagine: Foto di Arek Socha da Pixabay
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RIFORMA FISCALE 2023-2024 · 20/05/2024 730 semplificato: prime modifiche da oggi 20 maggio

Istruzioni per accedere al nuovo 730 precompilato 2024: gli step da seguire

730 semplificato: prime modifiche da oggi 20 maggio

Istruzioni per accedere al nuovo 730 precompilato 2024: gli step da seguire

La riforma dei compensi di lavoro autonomo

La riforma fiscale e la revisione della disciplina dei redditi di lavoro autonomo

Modello 730/2024: le novità sulle mance

I lavoratori dichiarano sul modello 730 le mance ricevute anche quando non cambiano la tassazione applicata dal datore di lavoro

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.