HOME

/

FISCO

/

ONERI DEDUCIBILI E DETRAIBILI

/

PRESTAZIONI OSTEOPATICHE: OK DELLA GIURISPRUDENZA UE SU ESENZIONE IVA

Prestazioni Osteopatiche: ok della giurisprudenza UE su esenzione Iva

La Giurisprudenza Comunitaria fa luce sull’incertezza applicativa in merito alle prestazioni di osteopatia.

Ascolta la versione audio dell'articolo

Il presente intervento vuole essere un contributo per fare il punto sul trattamento fiscale delle prestazioni di osteopatia  a seguito del decreto Milleproroghe 198 2022, che ha recentemente rinviato l’emanazione del decreto ministeriale relativo all’istituzione del corso di laurea  per la professione di osteopata chiropratico. 

La posizione dell’agenzia delle Entrate affermata nella  Circolare 11/E/2014 (vedi Professione osteopata-chiropratico con Milleproroghe slitta il decreto) e ribadita dalla rivista istituzionale Fiscooggi nella risposta del 21 dicembre 2021,  infatti non appare del  tutto condivisibile alla luce  di alcuni arresti giurisprudenziali comunitari e di legittimità.

Negli ultimi anni nonostante il ritardo del legislatore fiscale nel regolare la disciplina nel dettaglio è stato infatti chiarito dalla giurisprudenza  che, in presenza di determinati requisiti oggettivi e soggettivi, spetta l’esenzione Iva per le dette prestazioni professionali.

Ciò non solo alla luce dei recenti interventi legislativi nazionali volti a riconoscere l'Osteopatia (e Chiroterapia) quali autonome professioni sanitarie, ma anche in virtù dei recenti arresti giurisprudenziali (U.E e nazionali), confermativi del diritto all'esenzione IVA, “per le prestazioni rese da osteopati in possesso di specifici e documentati requisiti formativi riconosciuti dal M.I.U.R. e/o da altri enti nazionali e/o internazionali a ciò abilitati...” (1)


Ti potrebbero interessare:

1) La Giurisprudenza Comunitaria sulle prestazioni di osteopatia

La Corte di Giustizia U.E. con Sentenza C-597/17 del 27/6/2019, ha infatti sancito la sussistenza dei presupposti per l’esenzione IVA, poiché “coloro che esercitano le professioni di... [chiropratici e osteopati] effettuano senz’altro prestazioni sanitarie alla persona, in quanto propongono trattamenti che vengono svolti allo scopo di curare e, nei limiti del possibile, guarire malattie o anomalie della salute”(p. 20 Sent. Cit.).

La Corte ha tuttavia opportunamente precisato che:

  • i professionisti “devono aver seguito un percorso formativo proposto da istituti di insegnamento riconosciuti dallo Stato, che quindi le prestazioni sanitarie fornite presentino un livello di qualità sufficiente (…) e che:
  •  “spetta agli Stati membri verificare che i prestatori di cure mediche interessati possiedano le qualifiche professionali a tal fine necessarie, ma tale obbligo non implica necessariamente che detti prestatori esercitino una professione disciplinata dalla normativa dello Stato membro interessato, in quanto possono essere prese in considerazione altre efficaci modalità di controllo delle loro qualifiche professionali, in funzione dell’organizzazione delle professioni mediche e paramediche in tale Stato membro” (p. 27) 
  • concludendo che “gli Stati membri devono rispettare il principio di neutralità fiscale, il quale osta a che prestazioni simili, che si trovano quindi in concorrenza fra loro, siano trattate in modo diverso ai fini dell’IVA” (p. 28).

Sulla scorta dei principi della Corte di Giustizia è quindi consentita l'esenzione Iva a favore del paziente, essendo le prestazioni osteopatiche di natura sanitaria, se i professionisti sono muniti di formazione somministrata da istituti d’insegnamento autorizzati e controllati dallo Stato,  al fine di garantire una attività idonea ad offrire la cura della persona.


Ti potrebbero  interessare:

2) La Giurisprudenza di Legittimità nazionale

Anche la Corte di Cassazione, con Sentenza 21108/2020 ha circoscritto i limiti dell’esenzione IVA sulle prestazioni dei chiropratici e degli osteopati secondo i principi espressi dalla Corte di Giustizia U. E., affermando il diritto all'esenzione IVA previa verifica:

  1.   che le prestazioni rese siano di natura sanitaria;
  2. che, in attesa di una specifica regolamentazione della formazione accademica dell'Osteopata, il professionista sia comunque munito di una adeguata formazione somministrata da istituti autorizzati dallo Stato;
  3.  che l’attività professionale sia qualitativamente sufficiente per la cura della persona.

Ciò in quanto “il riconoscimento dell’esenzione, prevista dall’art.10 comma 1, n. 18), del D.P.R. n. 633/1972, al Chiropratico (e all'Osteopata n.d.r.) - che rende una prestazione di cura alla persona, richiede l’accertamento che la prestazione garantisca un sufficiente livello di qualità e che chi la rende sia munito di formazione adeguata somministrata da istituti d’insegnamento riconosciuti dallo Stato, “anche in mancanza dell’attivazione del relativo corso di laurea”.


3) I requisiti per l’esenzione IVA indicati dalla Giurisprudenza

Ricapitolando, sono esenti da IVA (e coerentemente detraibili ai fini dell’Irpef) le prestazioni dell’Osteopata (come del Chiropratico) che può legittimamente dichiarare:

  1.  di essere professionista sanitario (lo prevede la Legge n. 3/2018);
  2. di essere in possesso dei requisiti formativi adeguati tali da garantire gli standard di qualità richiesti dalla Giurisprudenza ai fini dell'esenzione Iva;
  3. di aver frequentato un corso di studi presso istituti autorizzati dal Miur o da altro soggetto pubblico abilitato, potrà vantare il possesso dei requisiti richiesti dalla normativa tributaria delineati dalla giurisprudenza unionale e nazionale e godere di eguale trattamento fiscale (come i colleghi dell'Unione Europea che già da tempo godono dell'esenzione Iva).

Sulla necessità o meno di preventiva prescrizione medica   (o di operare in determinate strutture) ai fini del riconoscimento della detrazione Irpef, si ritiene applicabile la Circolare 19/E/2012, punto 2.2 (3), ove si precisa che per l’erogazione della detta prestazione non sempre è necessaria la prescrizione medica (2).

4) Prestazioni osteopatia: Conclusioni

A parere di chi scrive, il ritardo del Legislatore Italiano nel disporre un percorso formativo qualificante per l'istituzione di un apposito albo professionale per gli Osteopati non osta all'applicazione diretta e automatica della pronuncia della Corte di Giustizia Europea, avente efficacia sovraordinata rispetto agli ordinamenti interni agli stati dell'Unione e pertanto, l'art. 10 D.p.r. 633/1972 sin d'ora può essere interpretato come inclusivo delle prestazioni osteopatiche se in possesso dei requisiti tassativamente delineati dal Giudice Europeo.

Quanto sopra naturalmente non prescinde dall'assoluta urgenza di una completa e definitiva regolamentazione della professione, al fine di dare certezza ai rapporti giuridici, non solo tributari, nell’interesse degli operatori del settore e loro pazienti.


5) NOTE

1) cfr. Legge n. 3 del 11/1/2018, sulle professioni di Osteopata e di Chiropratico e l’accordo  in sede di Conferenza Permanente per i rapporti Stato-Regioni - Rep. Atti 185/CSR del 5/11/2020 - sull’istituzione della professione sanitaria dell’Osteopata;  “D.P.R. 131 del 7/7/2021” sulla Professione Sanitaria dell'Osteopata; l’art. 132, par. 1, lett. c);  Direttiva 2006/112/CE, che prevede l’esenzione Iva per “le prestazioni mediche effettuate nell’esercizio delle professioni mediche e paramediche quali sono definite dallo Stato membro interessato”.


2) “L’evoluzione delle professioni sanitarie ha portato ad una progressiva autonomia ed assunzione di responsabilità dirette dei professionisti e che la natura sanitaria di una prestazione non può essere definita sulla base del fatto che la stessa sia erogata a seguito di una prescrizione medica”. Per questo motivo il decreto del Ministro della salute di concerto con il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 17 maggio 2002 non prevede più l’obbligo della prescrizione medica ai fini dell’esenzione dall’imposta sul valore aggiunto.


Fonte immagine: Foto di jarmon_88 da Pixabay
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ONERI DEDUCIBILI E DETRAIBILI · 18/07/2024 730/2024: spese per adozioni a distanza quando sono detraibili

Detraibilità delle spese per adozione a distanza nel 730/2024: faq Ade del 17 luglio. detraibili o deducibili a certe condizioni

730/2024: spese per adozioni a distanza quando sono detraibili

Detraibilità delle spese per adozione a distanza nel 730/2024: faq Ade del 17 luglio. detraibili o deducibili a certe condizioni

Previdenza complementare nel 730/2024

Deduzione dei contributi per la previdenza complementare nel 730/2024: come compilare il rigo E27

Spese TAXI dipendenti: i giustificativi del costo

Con la corposa risposta a interpello n 142 del 24 giugno le entrate hanno, tra l'altro chiarito, cosa occorre ai fini della deducibilità dei costi di trasporto TAXI dei dipendenti

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.