HOME

/

PMI

/

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

/

RIVERSAMENTO SPONTANEO CREDITO D'IMPOSTA RICERCA E SVILUPPO PROROGATO AL 2023

Riversamento spontaneo credito d'imposta Ricerca e Sviluppo prorogato al 2023

Sanatoria del credito d'imposta R&S indebitamente utilizzato: adesione entro il 31.10.2023, verifica degli indicatori di anomalia e calcolo dell'importo dovuto

Prorogato al 31 ottobre 2023, il termine previsto per regolarizzare, senza addebito di sanzioni ed interessi, gli indebiti utilizzi in compensazione del credito d'imposta previsto per investimenti in attività di ricerca e sviluppo. Lo ha previsto la legge di conversione n. 175/2022 del Decreto aiuti ter n. 144/2022.

Ricordiamo che l’articolo 5, commi da 7 a 12, del DL 146/2021, convertito dalla L. 215/2021, ha introdotto la possibilità, mediante una procedura di riversamento spontaneo, di regolarizzare, senza addebito di sanzioni ed interessi, gli indebiti utilizzi in compensazione del credito d’imposta per investimenti in attività di ricerca e sviluppo.

La sanatoria riguarda i crediti maturati negli esercizi 2015-2019 e utilizzati in compensazione F24 fino al 22.10.2022.

La norma consente di sanare:

  • il calcolo di crediti su attività in tutto o in parte non qualificabili come attività di R&S, ma comunque effettivamente svolte (non si possono sanare crediti derivanti da condotte fraudolente ad esempio derivanti da attività di R&S oggettivamente o soggettivamente simulate);
  • l’errata applicazione del comma 1-bis dell’articolo 3 del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, in maniera non conforme;
  • eventuali errori nella quantificazione o nell’individuazione delle spese ammissibili in violazione dei principi di pertinenza e congruità;
  • eventuali errori nel calcolo della media storica di riferimento (2012-2013-2014).

La sanatoria è preclusa per il riversamento dei crediti già accertati con un atto di recupero crediti o con altri provvedimenti impositivi, divenuti definitivi alla data del 22 ottobre 2021.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Per la verifica degli indicatori e la valutazione di convenienza della sanatoria ti segnaliamo il nostro foglio di calcolo excel Sanatoria credito di imposta Ricerca e Sviluppo (Excel)

1) Sanatoria bonus R&S: soggetti ammessi e regole per il riversamento spontaneo

La procedura è riservata ai soggetti che intendono riversare il credito maturato in uno o più periodi di imposta:

  • a decorrere da quello successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 
  • e fino a quello in corso al 31 dicembre 2019 
  • e utilizzato indebitamente in compensazione alla data del 22 ottobre 2021,

che si trovano in almeno una delle seguenti condizioni:

  • hanno realmente svolto, sostenendo le relative spese, attività in tutto o in parte non qualificabili come attività di ricerca o sviluppo ammissibili nell’accezione rilevante ai fini del credito d’imposta; 
  • hanno applicato il comma 1-bis dell’articolo 3 del decreto, in maniera non conforme a quanto dettato dalla diposizione d’interpretazione autentica recata dall’articolo 1, comma 72, della legge 30 dicembre 2018, n. 145;
  • hanno commesso errori nella quantificazione o nell’individuazione delle spese ammissibili in violazione dei principi di pertinenza e congruità;
  • hanno commesso errori nella determinazione della media storica di riferimento.

L’adesione alla procedura garantisce la non punibilità dei delitti di cui all’articolo 10- quater del Decreto legislativo 10 marzo 2000, n. 74.

Soggetti esclusi

La procedura non può essere utilizzata qualora il credito d'imposta sia il risultato di condotte fraudolente, di fattispecie oggettivamente o soggettivamente simulate, di false rappresentazioni della realtà basate sull'utilizzo di documenti falsi o di fatture che documentano operazioni inesistenti, nonché nelle ipotesi in cui manchi la documentazione idonea a dimostrare il sostenimento delle spese ammissibili al credito d’imposta.

Come si perfeziona la sanatoria

Per accedere alla sanatoria occorre presentare all'Agenzia delle Entrate, la richiesta di accesso alla procedura di riversamento spontaneo, utilizzando l'apposito modello, approvato con Provvedimento del 01.06.2022 n. 188987, esclusivamente in via telematica entro il 31 ottobre 2023 (termine prorogato, in luogo del 30 settembre, dall'art. 38 del Decreto Aiuti Ter recentemente convertito in legge), e provvedere al versamento dell'importo della regolarizzazione, tramite modello F24 entro i seguenti termini:

  • in un’unica soluzione entro il 16 dicembre 2023,
  • oppure in tre rate annuali di pari importo con applicazione degli interessi al tasso legale (1,25%), da corrispondere entro:
    • il 16 dicembre 2023 la prima rata, 
    • il 16 dicembre 2024 la seconda rata,
    • e il 16 dicembre 2025 la terza rata.

Scarica qui il Modello con le relative istruzioni per la richiesta di accesso alla procedura di riversamento spontaneo del credito di imposta per investimenti in attività di ricerca e sviluppo.

Per calcolare l'importo da riversare e determinare i benefici della sanatoria, abbiamo elaborato un utile tool in excel Sanatoria credito di imposta Ricerca e Sviluppo (Excel) che consente di:
  • verificare gli “indicatori di anomalia” utilizzati dall’Agenzia delle Entrate per individuare le posizioni con possibile utilizzo indebito del credito (indicatori di rischio per indirizzare le verifiche di accertamento);
  • determinare l’ammontare dovuto per il riversamento del credito indebitamente utilizzato;
  • evidenziare la convenienza della sanatoria.

2) Sanatoria bonus R&S: verifica degli indicatori di anomalia

L'Agenzia delle Entrate ha già iniziato a diramare alcune lettere di avviso ai contribuenti segnalando alcune possibili “anomalie” nell’utilizzo in compensazione dei crediti R&S, avvisando della possibilità del riversamento spontaneo.

Riportiamo una lettera di esempio di avviso dell'Agenzia, tratta da un caso reale.

In particolare, l’Agenzia utilizzando i dati fiscali in suo possesso (Quadro RU dichiarazione dei redditi, quadro RS modello IRAP, dati di bilancio ecc.) determina alcuni indicatori sintomatici (indicatori di rischio) del possibile utilizzo indebito del credito d’imposta in argomento.

A seguito di questo, abbiamo elaborato un utile tool in excel Sanatoria credito di imposta Ricerca e Sviluppo (Excel) che consente di:
  • verificare gli “indicatori di anomalia” utilizzati dall’Agenzia delle Entrate per individuare le posizioni con possibile utilizzo indebito del credito (indicatori di rischio per indirizzare le verifiche di accertamento);
  • determinare l’ammontare dovuto per il riversamento del credito indebitamente utilizzato;
  • evidenziare la convenienza della sanatoria.

Sono 9 gli indicatori utilizzati dall’amministrazione finanziaria:

  1. Assenza attività di R&S nel triennio 2012-2013-2014
  2. Sottostima media costi 2012-2013-2014 in base alla dichiarazione IRAP (rispetto ai dati riportati nel quadro IS rigo IS4 “personale addetto alla R&S”);
  3. Sottostima media 2012-2013-2014 in base dati di bilancio (rispetto alle variazioni positive rilevate per le immobilizzazioni immateriali “costi di sviluppo” e “brevetti”)
  4. Percentuale credito eccedente il 50% rispetto ai costi sostenuti
  5. Limite di spesa annuo in R&S (rilevato dal quadro RU) inferiore a 30 mila Euro 
  6. Verifica eccedenza spesa in R&S rispetto al triennio di media
  7. Incidenza elevata (>95%) del costo personale addetto alla R&S sul totale costi rendicontati R&S 
  8. Incidenza elevata del costo personale addetto alla R&S rispetto al totale costo personale di bilancio
  9. Mancata compilazione quadro RU.

L'immagine è tratta dal nostro tool in excel Sanatoria credito di imposta Ricerca e Sviluppo (Excel)  per la valutazione di convenienza della sanatoria del credito d'imposta R&S per gli anni 2015-2019 (ex. Art. 5 DL 146/2021)

3) Sanatoria bonus R&S: i codici tributo per il riversamento spontaneo

Con risoluzione n. 34/E del 05.07.2022 l’Agenzia delle Entrate ha reso noti i codici tributo per il riversamento spontaneo del credito d’imposta ricerca e sviluppo, come segue:

Codice

Denominazione

 

8170

“Riversamento spontaneo del credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo - articolo 5, commi da 7 a 12, del decreto-legge 21 ottobre 2021, n. 146 – UNICA SOLUZIONE

 

8171

“Riversamento spontaneo del credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo - articolo 5, commi da 7 a 12, del decreto-legge 21 ottobre 2021, n. 146 – PRIMA RATA

 

8172

“Riversamento spontaneo del credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo - articolo 5, commi da 7 a 12, del decreto-legge 21 ottobre 2021, n. 146 – SECONDA RATA

 

8173

“Riversamento spontaneo del credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo - articolo 5, commi da 7 a 12, del decreto-legge 21 ottobre 2021, n. 146 – TERZA RATA

L’Amministrazione finanziaria precisa poi che, in caso di pagamento rateale, gli interessi sono versati unitamente all’importo dovuto con la seconda e la terzarata.

Ti consigliamo il nostro utile tool in excel Sanatoria credito di imposta Ricerca e Sviluppo (Excel) che consente di:
  • verificare gli “indicatori di anomalia” utilizzati dall’Agenzia delle Entrate per individuare le posizioni con possibile utilizzo indebito del credito (indicatori di rischio per indirizzare le verifiche di accertamento);
  • determinare l’ammontare dovuto per il riversamento del credito indebitamente utilizzato;
  • evidenziare la convenienza della sanatoria.
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE · 28/11/2022 Fondo filiera automotive: le domande dal 29 novembre

324 ML di euro per il settore automotive: fondi per sviluppo e riconversione del settore attraverso i contratti di sviluppo gestiti da INVITALIA

Fondo filiera automotive: le domande dal 29 novembre

324 ML di euro per il settore automotive: fondi per sviluppo e riconversione del settore attraverso i contratti di sviluppo gestiti da INVITALIA

Voucher connettività imprese e professionisti: domande entro il 15.12

Piano voucher connettività per imprese esteso anche ai professionisti. Tutte le regole e le novità per l'allocazione delle risorse ridefinita con Decreto del 24.11

Investimenti settori rinnovabili e batterie: domande di agevolazioni dal 28.11

Il MIMIT informa della riapertura dello sportello agevolativo per rinnovabili e batterie con 360 ML a disposizione

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.