IN PRIMO PIANO:

Speciale Pubblicato il 05/05/2020

QUADRO AC e amministratori di condominio

di Staff di Fiscoetasse

Tempo di lettura: 4 minuti
eliminazione barriere architettoniche condominio ripartizione spese

Obblighi fiscali degli amministratori e dichiarazione dei redditi 2020 periodo di imposta 2019.

Commenta Stampa

L’amministratore o il rappresentante di condominio in sua vece hanno l'obbligo di compilare i quadri dedicati del modello 730 (Quadro K) o del modello UNICO Redditi (Quadro AC) in relazione agli interventi effettuati sulle parti comuni condominiali.

L’obbligo di compilazione sussiste per gli amministratori in carica al 31 dicembre 2019 (e per ogni anno in carica al 31 dicembre dell’anno precedente la dichiarazione) e riguarda la comunicazione dei seguenti adempimenti:

  • comunicare i dati catastali del condominio a fronte di interventi di recupero del patrimonio edilizio realizzati sulle parti comuni;
  • comunicare all’Anagrafe Tributaria l’importo complessivo dei beni e servizi acquistati nell’anno solare e i dati identificativi dei relativi fornitori (art. 7, comma 8-bis, del d.P.R. 29 settembre 1973, n. 605) Attenzione va prestata al fatto che questo secondo obbligo sussiste anche per i condomini con meno di otto condomini. Per questi condomini non essendovi obbligo di amministratore si presume che uno dei condomini debba occuparsene a vantaggio di tutti gli altri.


L’amministratore in carica al 31 dicembre anche nel caso in cui sia successivamente cessato dal mandato ha l’obbligo di compilare i quadri in oggetto per quel condominio. Qualora non vi provveda incorre in una sanzione compresa tra 258 e 2.065 euro, sanzione esclusivamente a carico dell’amministratore stesso e non del condominio.

Dato che l’entrata in vigore del D.L. 70/2011 ha eliminato l’obbligo di inviare tramite raccomandata la comunicazione di inizio lavori di ristrutturazione al Centro Operativo di Pescara, al fine di poter usufruire delle eventuali detrazioni delle spese sostenute per i suddetti interventi, l’amministratore deve indicare i dati catastali identificativi dell’immobile nei modelli di dichiarazione in oggetto.

1) UNICO PF 2020 e Quadro AC:

AC1 dati identificativi del condominio (Colonna 1 codice fiscale
Colonna 2 eventuale denominazione)

Da AC2 a AC3 dati catastali a fronte di interventi di ristrutturazione edilizia sulle parti comuni per i quali si ha diritto ad usufruire della detrazione del 50%;
 

AC2 se l’immobile è accatastato:

Colonna 1

codice del comune dove è situato il condominio come indicato nel documento catastale

Colonna 2

barrare T se l’immobile è censito nel catasto terreni, U se l’immobile è censito nel catasto edilizio urbano

Colonna 4

lettere o numeri indicati nel documento catastale; per gli immobili siti nelle zone in cui vige il sistema tavolare indicare il codice “Comune catastale”

Colonna 5

numero di foglio indicato nel documento catastale

Colonna 6

numero di particella che può essere composto da due parti, rispettivamente di cinque e quattro cifre, separato da una barra spaziatrice; se la particella è composta da una sola serie di cifre, quest’ultima va riportata nella parte a sinistra della barra spaziatrice

Colonna 7

numero di subalterno indicato nel documento catastale

AC3 se non è accatastato:

Colonna 1

data di presentazione della domanda di accatastamento

Colonna 2

numero della domanda di accatastamento

Colonna 3

sigla della Provincia in cui è situato l’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate presso il quale è stata presentata la domanda

Da AC4 a AC9 dati relativi ai fornitori in regime di impresa e agli acquisti di beni e servizi per il condominio:

Colonna 1

Codice fiscale o partita Iva del fornitore

Colonna 2

Cognome se il fornitore è persona fisica, denominazione o ragione sociale se soggetto diverso

Caselle 3-7

Se il fornitore è persona fisica vanno indicati nome, sesso, data e comune e provincia di nascita

Colonna 8

Ammontare complessivo degli acquisti di beni e servizi effettuati nell’anno solare

2) 730/2020 e quadro K

I due quadri AC e K contenuti nei due modelli dichiarativi sono praticamente identici, risultano divisi in tre parti e vanno compilati alla stessa maniera per cui a livello esemplificativo si riportano istruzioni per il solo quadro AC.
  • K1 dati identificativi del condominio;
  • Da K2 a K3 dati catastali a fronte di interventi di ristrutturazione edilizia sulle parti comuni per i quali si ha diritto ad usufruire della detrazione del 50%;
  • Da K4 a K9 dati relativi ai fornitori in regime di impresa e agli acquisti di beni e servizi.

Si precisa che per gli amministratori che gestiscono più condomini è necessario compilare un quadro per ogni condominio gestito e tutti i quadri, riguardanti uno o più condomini devono sempre essere numerati utilizzando il campo “Mod. N.” con un’unica numerazione progressiva.

Nei casi in cui l’amministratore di condominio sia esonerato dalla presentazione della propria dichiarazione dei redditi, la comunicazione deve essere presentata utilizzando il quadro AC che deve essere presentato unitamente al frontespizio del Modello Redditi 2020 con le modalità e i termini previsti per la presentazione di quest’ultimo modello.

3) Elementi da NON indicare nei quadri AC e K

Nei quadri in oggetto NON devono essere indicati i dati relativi a soggetti per i quali:

  • le somme corrisposte nell’anno siano complessivamente inferiori a 258,23 euro al lordo dell’Iva;
  • i dati relativi alle forniture di servizi di acqua, energia elettrica e gas;
  • i dati relativi al pagamento di servizi e forniture a soggetti per i quali il condominio ha effettuato le ritenute alla fonte in qualità di sostituto d’imposta sulle prestazioni di lavoro, dipendente e autonomo, e della ritenuta del 4% prevista dall’art. 23 del d.P.R. 600/1973 sui corrispettivi per contratti di appalto di opere o di servizi;
  • i dati dei fornitori di interventi per i quali il condominio intende usufruire della detrazione per ristrutturazione o risparmio energetico, in quanto in questi casi la ritenuta è applicata da banche e Poste spa al momento dell’incasso del bonifico e come specificato dalla risoluzione n. 67/2018 dell’Agenzia delle Entrate tali dati sono comunicati tramite modello 770.

Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

La Circolare Del Giorno

Scadenzario Agosto 2020
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Le novità degli ISA 2020
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Dal 1° luglio obbligo di contradditorio preventivo
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Scopri le Circolari del Giorno!

Tools Fiscali

Modelli di bilancio per gli Enti del Terzo Settore
In PROMOZIONE a 9,90 € + IVA invece di 12,90 € + IVA fino al 2020-09-15
Elementi contabili ISA 2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2020-09-15
Calcolo IRES e IRAP 2020 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 89,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-09-15
Analisi di Bilancio - Pacchetto completo (pdf + excel)
In PROMOZIONE a 82,70 € + IVA invece di 116,89 € + IVA fino al 2022-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE