HOME

/

LAVORO

/

PENSIONI 2024

/

BONUS TREDICESIMA AI TITOLARI DI PENSIONI BASSE

Bonus tredicesima ai titolari di pensioni basse

L’INPS riconosce anche per il 2019 una somma aggiuntiva sull’assegno ai pensionati che non superano determinati limiti di reddito

Ascolta la versione audio dell'articolo

I pensionati che non superano il trattamento minimo annuale pari 6.824,07 € e con un reddito entro determinati limiti, a dicembre riceveranno la somma aggiuntiva di 154,94€, oltre alla tredicesima. Il bonus non costituisce reddito e, pertanto, non viene tassato. Inoltre, non deve essere dichiarato per ricevere le prestazioni previdenziali e assistenziali.
Per i pensionati che ricevono prestazioni dall’Inps, il pagamento dell’importo aggiuntivo, negli stessi termini e con le medesime modalità, viene corrisposto dall’Ente individuato dal Casellario centrale dei pensionati.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Ti potrebbe interessare l'e-book  Pensioni 2021 (eBook)

1) Requisiti per il bonus pensionati

Per beneficiarne ci sono diversi requisiti da soddisfare.

Innanzitutto, mentre la tredicesima spetta a tutti i pensionati, il bonus non è previsto per alcuni trattamenti previdenziali e assistenziali erogati dall’Inps, quali:

• pensione invalidità civile;
• pensione sociale;
• assegno sociale;
• rendita facoltativa d’inabilità;
• rendita facoltativa di vecchiaia;
• pensioni di vecchiaia e di invalidità della mutualità pensioni a favore delle casalinghe;
• assegni di esodo;
• isopensione.

Ad eccezione di questi trattamenti, le altre pensioni hanno diritto al bonus, ma solo quando soddisfano gli altri requisiti legati al reddito. Per capire se un pensionato ha diritto o meno al bonus, si tiene conto sia dell’importo della sua pensione che del reddito personale, individuale o coniugale.

Per l’anno 2019 i controlli sulle pensioni hanno tenuto conto dei seguenti limiti:

-se l’importo complessivo delle pensioni per l’anno 2019 (comprensivo delle maggiorazioni sociali e dell’incremento) è risultato maggiore di € 6.824,07, nulla spetta al pensionato;

-se l’importo complessivo delle pensioni per l’anno 2019 è risultato minore o uguale a € 6.669,13, il pensionato ha diritto al bonus per intero, sempre entro le soglie reddituali proprie e del coniuge previste.

-se l’importo complessivo delle pensioni per l’anno il 2019 è risultato compreso tra € 6.669,13 ed € 6.824,07, al pensionato spetta la differenza tra € 6.824,07 e l’importo della pensione, sempre entro i limiti reddituali propri e del coniuge.
 

Ti può interessare  la Guida Facile per tutti:  Cumulabilità pensioni 2024 e nuovi limiti reddituali  (eBook)

Per una panoramica completa e approfondita vedi l'ebook Pensioni 2024 del prof . L. Pelliccia aggiornato con le novità della legge di bilancio 2024.

E' disponibile anche il TOOL GRATUITO per il calcolo dell'adeguamento delle pensioni 2024

2) Requisiti reddituali

Il bonus di 154,94 euro, che si aggiunge alla tredicesima, viene corrisposto tenendo conto anche di determinati limiti di reddito propri e del coniuge.
Nel caso di pensionato coniugato, il reddito per il 2019 non deve superare 20.007,39 €, se invece si tratta di un pensionato single allora il limite è di 10.003,70 €.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 04/03/2024 Riscatto e ricongiunzioni INPS: le attestazioni 2023 sono online

Come recuperare gli attestati di versamento degli oneri di riscatto periodi non coperti da contribuzione, ricongiunzioni e rendite effettuati nel 2023. Possibile la rettifica

Riscatto e ricongiunzioni INPS: le attestazioni 2023  sono online

Come recuperare gli attestati di versamento degli oneri di riscatto periodi non coperti da contribuzione, ricongiunzioni e rendite effettuati nel 2023. Possibile la rettifica

Quota 103: le regole per il 2024

Requisiti, calcolo contributivo, importo, nuove decorrenze, compatibilità e incentivo contributivo nella pensione anticipata flessibile Quota 103 per il 2024

Pensioni anticipate  lavori usuranti 2024: al via le domande

Le istruzioni INPS per fare domanda di pensione entro il 1 maggio 2024 per chi raggiunge i requisiti entro il 2025. Ogni mese di ritardo comporta lo slittamento della decorrenza

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.