HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

DVR SICUREZZA 2019: GUIDA A OBBLIGHI E SANZIONI

DVR Sicurezza 2019: guida a obblighi e sanzioni

Tutti gli adempimenti su salute e sicurezza a carico delle aziende nel 2019, per non rischiare sanzioni anche penali. Tabella di riepilogo

Capita sempre più di frequente che in sede di visita ispettiva, l’azienda, seppure in regola con tutti gli adempimenti in materia di lavoro, si veda applicare sanzioni  per la mancanza  del documento di valutazione dei rischi (DVR).
E’ il caso, ad esempio, dei contratti a chiamata che, in assenza del DVR, vengono trasformati dall'accertatore a tempo pieno e indeterminato con recupero della differenza dei contributi sul full-time e l’applicazione delle relative sanzioni per evasione, oppure dei contratti a tempo determinato trasformati, in sede di contenzioso,  a tempo indeterminato con reintegra nel posto di lavoro o oneroso risarcimento, delle denunce di malattia professionale, delle astensioni dal lavoro per maternità anticipata che devono essere presentate corredate dal DVR.
Oltre alle descritte ricadute sui rapporti di lavoro, le sanzioni amministrative e penali in materia di salute e sicurezza sul lavoro sono molto onerose e la Finanziaria 2019  (n. 145/2018)  ha previsto un incremento del 10%.                 
Per quanto la materia sia di competenza di tecnici e studi specializzati,  vediamo di seguito :

  • un riepilogo degli adempimenti che le aziende, anche con un solo dipendente, devono obbligatoriamente osservare, in tema di sicurezza sui luoghi di lavoro
  • una tabella riepilogativa delle principali sanzioni amministrative e penali aggiornate al 2019.

PER APPROFONDIRE il tema sono disponibili:  

il volume "Guida ai piani di sicurezza 2.0 " Libro di carta Maggioli editore

e l'e book  La Gestione del rischio COVID 19

1) Sicurezza: gli obblighi per tutte le aziende

Tutte le aziende, anche con un solo lavoratore, sono tenute a una serie di adempimenti, fra cui:

  • redigere il documento di valutazione dei rischi (DVR);
  • nominare il responsabile della sicurezza per la prevenzione e protezione (RSPP);
  • nominare l’addetto alla prevenzione incendi, ove tenuto;
  • nominare l’addetto al pronto soccorso;
  • nominare il medico competente ove tenuti alla sorveglianza sanitaria;
  • dotare i lavoratori, ove tenuti, dei dispositivi di protezione individuale (DPI);
  • designare il rappresentante di lavoratori e comunicare il nominativo all’INAIL;
  • formare e informare i lavoratori sui rischi specifici della loro attività.

2) Sicurezza sul lavoro e stipula dei contratti

Si rammenta che l’inosservanza delle disposizioni in materia di sicurezza ha riflessi  diretti  sull’istaurazione di diverse tipologie contrattuali, quali:

  •  i contratti a tempo determinato:  non possono essere stipulati  se non è stata effettuata, prima dell’inizio, la valutazione dei rischi e redatto il DVR pena la trasformazione in contratto a tempo indeterminato;
  •  i contratti di somministrazione:  non possono essere stipulati in assenza di DVR e di comunicazione scritta e documentata al RLS;
  •  i contratti di lavoro intermittente o a chiamata: non possono essere stipulati  in assenza di DVR e di comunicazione scritta e documentata al RLS, pena la trasformazione a tempo pieno e indeterminato;
  •  i contratti di appalto e  subappalto: per i quali è previsto  l’obbligo dell’indicazione dei costi relativi alla sicurezza, pena nullità degli stessi;
  •  gli sgravi contributivi: non possono essere fruiti in assenza del rispetto delle norme fondamentali a tutela del lavoro. 

L’obbligo dell’applicazione delle norme di tutela della salute e sicurezza sul lavoro è previsto anche per le prestazioni di lavoro accessorio (voucher), le collaborazioni coordinate e continuative, gli stages.

3) Sicurezza: le sanzioni aggiornate al 2019

Ecco di seguito l' elenco delle principali sanzioni  in tema di salute e sicurezza sul lavoro,  che sono state incrementate dal 10%  rispetto al 2018, ad opera della Legge di stabilità n. 145/2018:

 Argomento

Obbligo previsto

  Sanzione

Valutazione rischi

1) Omessa valutazione  rischi e omessa predisposizione DVR

1) arresto da tre a sei mesi o con ammenda da 3.071,27 a 7.862,37 euro 

2) Adozione  del DVR  senza

  • indicazione   delle   misure  di
  • prevenzione  e  di  protezione;   programma delle misure migliorative;
  • procedure per l'attuazione
  • ruoli dell'organizzazione aziendale;
  • consultazione del RLS
  • in  violazione della tempistica prevista in caso di modifiche

2) ammenda da euro 2.457,01  a euro 4.511,96

3) adozione del DVR senza

  • relazione sulla valutazione di tutti i rischi
  • individuazione delle  mansioni che espongono i lavoratori a rischi specifici.

3) ammenda da euro 1.228,50 a euro 2.457,01

Servizio di

Prevenzione          e protezione

Omessa nomina  del  responsabile del servizio di Prevenzione.

Arresto da due a quattro mesi

o con l'ammenda  da euro

1.691,98 a euro 7.371,03

Prevenzione

incendi

Mancata designazione preventiva dei  lavoratori incaricati dell'attuazione delle

  • misure di prevenzione incendi
  • lotta  antincendio,
  • evacuazione dei luoghi di lavoro

Arresto da due a quattro mesi

o con l'ammenda  da euro

920,90 a euro 4.914,02

Mansioni

Non avere affidato i compiti ai lavoratori,  tenendo conto delle loro capacità e delle  condizioni in rapporto alla  loro salute e alla sicurezza

Arresto da due a quattro mesi o con ammenda  da 1474,20 a 6.388,23 euro  

DPI

Mancata  fornitura  ai  lavoratori  di  necessari  e  idonei   dispositivi   di  protezione individuale

Arresto da due a quattro mesi  o con ammenda  da 1.842,75 a 7.371,03 euro 

Visita medica

1) Mancato invio dei lavoratori alla visita  medica entro le scadenze previste e

1) Ammenda da 2.475,00 a 4.914,02 euro

2) mancata comunicazione tempestiva al  medico competente della cessazione del  rapporto di lavoro

2)   Sanzione amministrativa pecuniaria da  614,25 a  2.211,31 euro 

Informazione     e

formazione

Mancato adempimento degli obblighi di informazione,     formazione      e addestramento

Arresto da due a quattro mesi

o  con ammenda  da  euro

1.474,20 a euro 6.388,23

Rappresentante

lavoratori

Mancata consegna tempestiva al  rappresentante dei lavoratori per la  sicurezza, su richiesta, della copia del DVR

Arresto da due a quattro mesi  o  con ammenda  da  euro  920,90 a  euro 4.914,02

Tessera 

riconoscimento

In caso di appalto e  di subappalto,  mancata consegna ai lavoratori   di  apposita tessera di riconoscimento

Sanzione amministrativa  da

3.071,26 a 12.850,4 euro 

Idoneità lavorativa

Mancato controllo che i lavoratori soggetti  a sorveglianza sanitaria  siano adibiti a mansioni previo  giudizio di idoneità

Sanzione amministrativa  pecuniaria  da euro 1.228,50 a euro 5.528,27

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

EMERGENZA CORONAVIRUS · 17/09/2021 Green Pass obbligatorio nei posti di lavoro dal 15 ottobre: la bozza del decreto

Dal 15 ottobre Green Pass obbligatorio nei luoghi di lavoro pubblici e privati, dove si applica e sanzioni: ecco la bozza del testo del decreto presentato al Consiglio dei Ministri

Green Pass obbligatorio nei posti di lavoro dal 15 ottobre: la bozza del decreto

Dal 15 ottobre Green Pass obbligatorio nei luoghi di lavoro pubblici e privati, dove si applica e sanzioni: ecco la bozza del testo del decreto presentato al Consiglio dei Ministri

Concorsi  Agenzia Entrate  2021: tutte le novità

Requisiti, date prove, sedi lavoro stipendi: tutto quello che serve sapere sui concorsi per 2320 funzionari amministrativi e 100 informatici per l'Agenzia. Scadenza domande 30.9.21

Distacco e smart working in Italia: non applicabile la retribuzione convenzionale

L'Agenzia conferma il suo orientamento con la risposta a interpello 590 2021 : per la retribuzione convenzionale servono i 183 giorni di effettivo lavoro all'estero

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.