168x126 concordato preventivo crisi impresa

Speciale Pubblicato il 10/01/2018

Premi assicurazioni detraibili, dal 2018 anche quello sulla casa

di Gesuato Elisabetta

Dal 2018 diventa detraibile il premio per assicurare la casa contro le calamità

I premi assicurativi sono tra le tipologie di spesa più frequenti che i contribuenti scomputano in dichiarazione. Tuttavia negli ultimi anni gli importi di spesa massimi, che possono essere detratti, sono diminuiti significativamente.
 
Di seguito un riepilogo dei premi attualmente detraibili in sede di dichiarazione dei redditi.
 
Si segnala che la legge di Stabilità 2018 ha intrototto un nuovo premio assicurativo detrabile, sempre al 19%, relativo alle assicurazioni sulla casa contro le calamità di qualunque specie. Attenzione perché ad essere agevolati sono solo i premi relativi alle polizze stipulate a partire dal 1° gennaio 2018. La legge non aggiunge altro al riguardo, pertanto per eventuali ulteriori chiarimenti o specificazioni occorrerà attendere i consueti documenti di prassi (circolari/risoluzioni dell'Agenzia delle Entrate).
 
 
 

Ti potrebbe interessare anche l'e-book Detrazioni 730/2016: le 100 voci che fanno risparmiare completo di casi svolti, faq e suggerimenti pratici!

Abbiamo anche predisposto le Guide alla compilazione dei Quadri Unico PF 2016 - Pacchetto 14 guide per la corretta compilazione dei vari Quadri della Dichiarazione Unico 2016 (AC - FC - LM - RA - RB - RC - RE - RF - RG - RL -RM - RP - RW)

Non perderti tutti gli aggiornamenti del Dossier dedicato al 730

o anche il Dossier Unico Persone Fisiche

Premi assicurativi:vita e infortuni

Le spese sostenute per i premi di assicurazione sulla vita e contro gli inforuni sono detraibili in sede di dichiarazione dei redditi nella misura del 19% - art. 15, comma 1, lett. f), TUIR.

La detrazione spetta per i premi versati per:

  • i contratti di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni, stipulati o rinnovati entro il 31.12.2000, a condizione che:
  • la durata del contratto sia almeno di 5 anni;
  • per tale periodo non sia consentita la concessione di prestiti;
  • i contratti stipulati o rinnovati dal 2001, a condizione che abbiano ad oggetto:
  •  il rischio di morte;
  • o invalidità permanente non inferiore al 5%.

La detrazione spetta anche per i premi pagati a compagnie assicurative estere (Circolare 137/1997 risposta 2.3.1).

La detrazione spetta anche per i premi versati per le assicurazioni contro gli infortuni relative al conducente auto, stipulate di norma in aggiunta all'ordinaria polizza R.C. auto (Circolare 95/2000 risposta 1.4.1).

La detrazione è calcolata su un ammontare massimo di 530 Euro, da intendersi complessivamente, anche in presenza di una pluralità di contratti. In tale importo devono essere comprese anche le spese indicate nella CU 2017 (punti da 341 a 352) con il codice 36.
 

Premi assicurativi: tutela persone con disabilità grave

Dal 2016 sono detraibili nella misura del 19% i premi versati per i contratti di assicurazione aventi per oggetto il rischio di morte, finalizzati alla tutela delle persone con disabilità grave (così come definita dall'art. 3 comma 3 della L. 104/92, accertata con le modalità di cui all'art. 4 della L. 104/92).

Il limite massimo di spesa su cui calcolare la detrazione è pari a 750 Euro. In tale importo devono essere comprese le spese indicate nella CU 2017, punti da 341 a 352, con il codice 38.

Se nel contratto di assicurazione sono indicati più beneficiari, uno dei quali abbia disabilità grave, l'importo massimo detraibile è quello più elevato di 750 Euro.

 

 

Premi assicurativi: rischio non autosufficienza atti vita quotidiana

Sono detraibili al 19% i premi di assicurazione relativi ai contratti che coprono il rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti di vita quotidiana, così come definito dal DM 22.12.2000, a condizione che l'impresa di assicurazione non abbia la facoltà di recedere dal contratto.

L'importo massimo su cui calcolare la detrazione è pari a 1.291,14 Euro, al netto dei premi per le assicurazioni aventi per oggetto il rischio di morte o di invalidità permanente (codice 36) e dei premi per le assicurazioni finalizzate alla tutela delle persone con disabilità grave (codice 38). Nell'importo massimo di spesa devono essere comprese anche le spese indicate nella CU 2017 (punti da 341 a 352) con il codice 39.

 

Premi assicurativi: a chi spetta la detrazione

Il comma 2 dell'art. 15 del TUIR stabilisce che la detrazione spetta anche se le spese per i premi assicurativi sono state sostenute nell'interesse di un familiare fiscalmente a carico, fermo restando il limite complessivo su cui calcolare la detrazione.

A tal proposito si segnala il chiarimento offerto dall'Agenzia delle Entrate con la Circolare 17/E del 18.05.2006 in cui:

  • ribadisce il concetto secondo cui se l'assicurato è un familiare fiscalmente a carico del dichiarante contraente, quest'ultimo ha comunque diritto alla detrazione del premio;
  • afferma che se il familiare fiscalmente a carico del dichiarante, è sia assicurato che contraente, il dichiarante ha comunque la facoltà di detrazione del premio.

La detrazione, pertanto, è concessa quando:

  • il dichiarante è sia il contraente che l'assicurato;
  • il dichiarante è il contraente, ma l'assicurato è un familiare a carico;
  • il familiare a carico del contraente è sia il contraente che l'assicurato.

 

 

Premi assicurativi: indicazioni nel mod. 730 e nel modello Redditi

All'interno del modello 730/2017 il limite di spesa detraibile è pari a:

  • € 530 per i premi aventi per oggetto il rischio di morte o di invalidità permanente non inferiore al 5 per cento (righi da E8 a E10, codice 36);
  • € 750  per i premi aventi per oggetto il rischio di morte, finalizzati alla tutela delle persone con disabilità grave (righi da E8 a E10, codice 38);
  • € 1.291,14 per i premi per assicurazioni aventi ad oggetto il "rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana", (righi da E8 a E10, codice 39).

Con riferimento al modello Redditi PF 2017, l'importo va indicato nel quadro RP, righi da RP8 ad RP13, rispettivamente con il codice "36", "38" o "39".

 


Commenti

Ottimo e ben spiegato. Sarei curioso di sapere come vengono fiscalmente considerati i rimborsi che il cliente riceve dall'assicurazione al verificarsi di un evento assicurato (per il quale è stato pagato un premio indicato nella dichiarazione dei redditi). Grazie

Commento di Franco (14:01 del 06/05/2016)

Buongiorno, avrei bisogno di un chiarimento. Sulla mia polizza RC auto c'è una parte del premio che riguarda gli infortuni del conducente. Nel dettaglio è precisato quanto segue: Ai sensi dell'articolo 15 comma 1 lett.F) del D.P.R. 917/86 si dichiara che il premio versato dal contribuente, per la copertura del rischio Morte e Invalidità Permanente non inferiore al 5%, risulta di essere di euro xxx. Tale onere può essere detratto nella sezione I Oneri e Spese con codice spesa 36? Grazie per l'attenzione Raffaele

Commento di RAFFAELE (13:18 del 20/05/2016)

giusto anche perché serve la certificazione da parte dell'assicurazione che attesta che non sia inferiore al 5% con l'articolo di legge e la quota da inserire.

Risposta di RICKY (00:46 del 26/05/2016) al commento di RAFFAELE

buongiorno, avrei bisogno, se possibile di un chiarmento. Ho stipulato, nel 2015 una polizza "spese mediche" che comporta il pagamento totale delle spese mediche sostenute presso strutture e medici convenzionati, da parte della compagnia (escluse le spese odontoiatriche); il premio versato è stato pari a 1280 , 00 euro. Ora, visto anche il TUIR in merito, mi sembra che, avendo io investito in spese mediche detta cifra, rientri tecnicamente e logicamente, nelle spese da poter detrarre ma ho incontrato difficoltà da parte, paradossalmente, nongià dell'agenzia delle entrate bensì dal caaf. Potreste darmi qualche chiarimento? grazie

Commento di fabrizia (20:44 del 26/05/2016)

Il CAF secondo me ha ragione. La mia polizza è ad es. mista: malattia e infortuni per cui detraggo con codice 36 solo il 61% del totale versato secondo il disposto di legge. Nulla detraggo per la malattia ma solo per infortuni. Possono invece essere detratte le spese sanitarie sostenute anche se rimborsate proprio perchè non spetta la detrazione d' imposta del 19% dell' assicurazione stessa.(istruzioni 730 pag 40)

Risposta di Lilin44 (11:53 del 25/06/2016) al commento di fabrizia

Buongiorno, avrei bisogno di un chiarimento. Ho stipulato nel 2015 una polizza "master conducente" che copre il rischio di morte e infortunio del conducente, qualunque esso sia..é quindi legata alla targa. Questo tipo di polizza é detraibile? Grazie Stefania

Commento di Stefania (19:15 del 28/06/2016)

L'amm.re del condominio ha stipulato nel 2013,credo, una nuova polizza per il fabbricato per ben € 900,00. Posso detrarre la mia quota parte nella dirchiarazione dei redditi per il 2016? Grazie.

Commento di Valter (16:44 del 11/07/2016)

Salve, ma l'assicurazione in caso di morte/infortunio grave a copertura di un mutuo rientra nei premi assicurativi detraibili? Grazie Stefania

Commento di Stefania (15:20 del 12/07/2016)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)