HOME

/

FISCO

/

VERSAMENTI DELLE IMPOSTE

/

ACCONTO IVA - VERSAMENTO ENTRO IL 29 DICEMBRE 2008

Acconto IVA - versamento entro il 29 dicembre 2008

L’acconto Iva è stato introdotto dall’articolo 6 della Legge numero 405 del 1990; la misura dell’acconto Iva è stata modificata dall’articolo 15, comma 1, del Decreto Legislativo numero 155 del 1993.
Riassumiamo brevemente i caratteri e le modalità di calcolo dell’adempimento di prossima scadenza.

1) SOGGETTI INTERESSATI E SOGGETTI ESONERATI

Soggetti che devono versare l’acconto Iva

  •  I contribuenti che liquidano e versano l’Iva mensile (articolo 1, DPR 100/98);
  •  I contribuenti che liquidano e versano l’Iva trimestrale (articolo 7, DPR 542/99 e articolo 74, comma 4 del DPR 633/72);

Soggetti che non devono versare l’acconto Iva

  • I soggetti che hanno iniziato l’attività nel corso del 2008;
  • I soggetti che terminano la propria attività nel corso del 2008 senza aver effettuato operazioni nell’ultimo mese dell’anno (se soggetti mensili) o nell’ultimo trimestre (se trimestrali)
  • I contribuenti mensili che presentano un credito Iva nel mese di dicembre 2007;
  • I contribuenti trimestrali che presentano un credito Iva nel quarto trimestre 2007 o da dichiarazione riguardante l’anno 2007 (per i trimestrali “per opzione”);
  • I contribuenti che presumono di beneficiare di un credito dall’ultima liquidazione Iva dell’anno in corso;
  • I contribuenti trimestrali “per opzione” che ritengono di beneficiare di un credito Iva dalla dichiarazione annuale Iva 2008;
  • I contribuenti soggetti al regime speciale agricolo (articolo 34 del DPR 633/72);
  • Coloro che esercitano attività di intrattenimento (articolo 74, comma 6, del DPR 633/72);
  • Coloro che hanno aderito al regime delle nuove attività produttive (articolo 13 della Legge 388/2000) o al regime delle attività marginali (articolo 14 della Legge 388/2000);
  • Soggetti che hanno posto in essere solamente operazioni esenti o non imponibili per quanto riguarda l’Iva
  • Importo dell'acconto inferiore a ad € 103,29.

2) METODI DI DETERMINAZIONE DELL'ACCONTO IVA

Per la determinazione dell’acconto esistono tre metodi: storico, analitico, o previsionale (articolo 6 Legge n.405/1990) e il contribuente è libero di scegliere la procedura di calcolo più conveniente.

1- METODO STORICO

 

Con questa metodologia per determinare quanto versare a titolo di acconto si applica la percentuale dell’88 per cento sulle seguenti basi imponibili:

- importo a debito da liquidazione Iva del quarto trimestre 2007, per i soggetti trimestrali;
- importo a debito da liquidazione Iva relativa al mese di dicembre 2007, per i soggetti mensili;
- importo a debito da dichiarazione Iva per l’anno 2007 per i soggetti trimestrali “per opzione” (articolo 7 del DPR 542/99).

Chi calcola l'acconto con il metodo storico deve infatti sottrarre l'importo dalla somma da versare e, pertanto, può chiudere la posizione annuale con un credito d'imposta. L'utilizzo del metodo storico, pur potendo determinare eccedenze di versamento, è quello che tutela maggiormente la generalità dei contribuenti dal rischio di eventuali sanzioni.

Calcolo dell'acconto secondo il metodo storico

Contribuente

Liquidazione di riferimento

                                                      
   

Rigo di riferimento per l'applicazione

dell'88%

Contribuenti mensili Dicembre 2007 VH 12 Modello Iva 2008
Contribuenti trimestrali per opzione (art. 7 DPR. 542/99) Liquidazione annuale (dichiarazione IVA per l'anno 2007) VL38 – VL36 + Acconto versato nel 2007 (Rigo VH13)
Contribuenti trimestrali speciali (art. 74 co. 4 DPR 633/1972) Quarto trimestre 2007 VH 12 Modello Iva 2008

 2- METODO PREVISIONALE
 
 
Il contribuente stima le operazioni che verranno effettuate fino al termine dell’esercizio; se da tale congettura risultasse un acconto Iva minore rispetto a quello corrisposto nel 2007, il calcolo dell’88 per cento andrà effettuato su questo minore importo.
Il metodo previsionale va applicato allorquando la stima possa essere ragionevolmente attendibile, in quanto nel caso il insufficiente versamento dell’acconto al contribuente potrebbe essere irrogata la sanzione amministrativa prevista per tali casistiche.

 
3- METODO ANALITICO
 
 
Tale criterio si basa su dati relativi alle operazioni realmente effettuate alla data del 20 Dicembre 2008.
L’articolo 6, comma 3-bis della Legge 405 del 1990 prevede il versamento del 100 per cento della somma determinata con la cosiddetta “liquidazione periodica aggiuntiva”, che va compilata entro il 27 Dicembre 2008. La liquidazione periodica aggiuntiva prende in considerazione l’Iva a debito e l’Iva a credito riguardante:
  • le fatture attive già registrate dal 1° al 20 Dicembre per i trimestrali, e dal 1° Ottobre al 20 Dicembre per i trimestrali;
  • le operazioni effettuate dal 1° Novembre al 20 Dicembre ma non ancora registrate o fatturate, in quanto i termini non sono ancora scaduti);
  • le fatture passive iscritte nel registro degli acquisti dal 1° al 20 Dicembre per i mensili o dal 1° Ottobre al 20 Dicembre per i trimestrali.

Esempio di contribuente mensile con il metodo analitico:
Iva su fatture emesse 1.12 – 20.12

Euro 10.500,00

Iva su cessioni effettuate fino al 20.12 con fatturazione differita

Euro 550,00

Iva su fatture acquisto registrate 1.12 – 20.12

Euro 8.000,00 

Saldo a credito mese di novembre

Euro 1.200,00

Acconto dovuto (10.500 + 550 – 8.000 – 1.200)

=  Euro 1.850,00

3) VARIAZIONE NELLA CADENZA DEI VERSAMENTI

Nel caso di variazione del volume d’affari, può accadere che il contribuente vari il regime di liquidazione Iva, da trimestrale a mensile, oppure da mensile a trimestrale.

Situazione 1: Da contribuente mensile a contribuente trimestrale: la base di calcolo dell' 88% è la liquidazioni degli ultimi 3 mesi del 2007

Soluzione 2: Da contribuente trimestrale a contribuente mensile: la base di calcolo dell'88% è un terzo dell’imposta versata per l’ultimo trimestre 2007 (dichiarazione annuale precedente)


Contabilità separate


Nelle situazioni di contabilità separate, fermo restando l’unitarietà del soggetto d’imposta, è fatto obbligo di porre in essere un unico versamento dell’imposta a titolo complessivo, vale a dire si fa la somma algebrica dell’Iva a credito o a debito delle distinte liquidazioni periodiche.


Ravvedimenti


Nella situazione in cui il contribuente non abbia versato l’acconto, o lo abbia versato in misura insufficiente o oltre il termine previsto (29 Dicembre 2008) viene prevista una sanzione amministrativa pari al 30% dell’importo non versato (articolo 13, comma 1 D. Lgs. 18 dicembre 1997, n.471).
E’ comunque possibile regolarizzare il mancato versamento avvalendosi dell’istituto del ravvedimento operoso. Ai sensi dell’articolo 13 del decreto legislativo n. 472 del 1997, è prevista la riduzione della sanzione:
- a un ottavo (3,75%) se il pagamento avviene entro 30 giorni;
- a un quinto (6%) se il pagamento avviene entro la data di presentazione della dichiarazione annuale relativa all’anno in cui è stata commessa la violazione.
Oltre all’imposta e alla sanzione ridotta, è necessario pagare gli interessi moratori, calcolati al tasso legale del 3% annuo, dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato (29 dicembre 2008) a quello in cui effettivamente è eseguito.

4) TERMINI E MODALITA' DI VERSAMENTO

Al contribuente sarà fatto obbligo di versare l’acconto solo se l’importo è uguale o superiore ad € 103,29 e andrà effettuato mediante modello unificato di pagamento F24, secondo modalità telematiche (F24 on line, F24 cumulativo o mediante sistemi di home banking) entro il 29 Dicembre 2008.
Secondo quanto disposto dall’articolo 20, comma 1, del Decreto Legislativo 241/97, non si può rateizzare l’acconto Iva.
L’Ufficio può, “in caso di pericolo per la riscossione”, controllare che i contribuenti abbiano effettuato i versamenti Iva, anche a titolo di acconto; tale controllo può essere effettuato anche in un momento antecedente alla presentazione della dichiarazione Iva annuale.
Il versamento dell'acconto va effettuato con il modello F24 online, direttamente o tramite intermediari abilitati, utilizzando i seguenti codici tributo:

  • 6013, per i contribuenti che effettuano la liquidazione dell’IVA mensilmente;
  • 6035, per i contribuenti che effettuano la liquidazione dell’IVA trimestralmente.

L’importo della somma versata a titolo di acconto e gli estremi del versamento devono essere iscritti nel registro delle fatture emesse o in quello dei corrispettivi.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

VERSAMENTI DELLE IMPOSTE · 22/06/2022 Pignoramento presso terzi: novità dal 22 giugno

Che cosa è il pignoramento presso terzi e cosa cambia dal 22 giugno 2022

Pignoramento presso terzi: novità dal 22 giugno

Che cosa è il pignoramento presso terzi e cosa cambia dal 22 giugno 2022

Come funziona la Tobin tax, l’imposta sulle transazioni finanziarie

Breve inquadramento del perimetro normativo e delle modalità di applicazione dell’imposta italiana sulle transazioni finanziarie

Tassa annuale vidimazione libri sociali 2022 entro il 16 marzo

Scade il 16 marzo 2022 il termine per il versamento, da parte delle società di capitali, della tassa annuale 2022 per la vidimazione dei libri sociali

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.