Rassegna stampa Pubblicato il 10/07/2019

Affitti brevi: a breve la banca dati della ricettività

banca dati

Presto i locatori di affitti brevi, albergatori e b&b saranno inseriti in una Banca dati della ricettività, al fine di contrastare l'evasione nel settore turistico-ricettivo

Al fine di migliorare la qualità dell'offerta turistica, assicurare la tutela del turista e contrastare forme irregolari di ospitalità, anche ai fini fiscali, il quarto e quinto comma del nuovo articolo 13 quater del Dl 34/2019, ha previsto l'istituzione presso il ministero delle Politiche agricole, di una “banca dati” sia delle strutture ricettive, sia degli immobili destinati alle locazioni brevi ai sensi dell’articolo 4 del Dl 50/2017, presenti nel territorio nazionale, identificate secondo un codice alfanumerico, denominato “codice identificativo”, da utilizzare in ogni comunicazione inerente all’offerta e alla promozione dei servizi all’utenza.

Quest’ultimo obbligo riguarda però solo i soggetti titolari di vere e proprie strutture ricettive, chi esercita attività di intermediazione immobiliare e i gestori di portali telematici saranno tenuti a pubblicare il codice identificativo nelle comunicazioni inerenti all’offerta e alla promozione. Non, invece, i locatori di immobili concessi in godimento con contratti di durata inferiore a trenta giorni, che non sono compresi nell’elenco dei soggetti obbligati alla pubblicazione del codice.

I titolari delle strutture ricettive, gli intermediari e i soggetti che gestiscono portali telematici, mettendo in contatto persone in cerca di un immobile o porzioni di esso con persone che dispongono di unita' immobiliari o porzioni di esse da locare, saranno obbligati a pubblicare il richiamato codice identificativo nelle comunicazioni inerenti all’offerta e alla promozione, pena la sanzione pecuniaria da 500 euro a 5.000 euro.

Entro il 30 luglio 2019, con decreto del Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, saranno stabiliti:

  1. le norme per la realizzazione e la gestione della banca dati, compresi i dispositivi per la sicurezza e la riservatezza dei dati;
  2. le modalità di accesso alle informazioni contenute nella banca dati;
  3. le modalità per la messa a disposizione delle informazioni contenute nella banca dati agli utenti e alle autorità preposte ai controlli e per la conseguente pubblicazione nel sito internet istituzionale del Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo;
  4. i criteri che determinano la composizione del codice identificativo, sulla base della tipologia e delle caratteristiche della struttura ricettiva, nonché della sua ubicazione nel territorio comunale.

Puo esserti utile la Guida alle locazioni brevi - nell'ebook disponibili anche le formule per il contratto.
Inoltre per approfondire le novità introdotte dal decreto crescita ti segnaliamo "Decreto Crescita 2019: eBook + Circolare per i clienti" pacchetto contenente un eBook in pdf e una Circolare in formato Word per i clienti dello Studio,con tutte le novità del Decreto Crescita dopo la Legge di conversione n. 58/2019.

Per la gestione dei contratti di locazione di immobili potrebbe interessarti il nostro Software Contratto.Cloud, scegli l'opzione più adatta alle tue esigenze.

Fonte:




Prodotti per Locazione immobili 2019

14,90 € + IVA

IN PROMOZIONE A

13,90 € + IVA
12,21 € + IVA

IN PROMOZIONE A

10,57 € + IVA
51,80 € + IVA

IN PROMOZIONE A

39,46 € + IVA
10,48 € + IVA

IN PROMOZIONE A

8,56 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)