Domanda e Risposta Pubblicato il 10/03/2015

Come dedurre le spese di trasferta dei dipendenti e collaboratori?

Vediamo in breve quali sono le modalità di detrazione e contabilizzazione delle Spese di trasferta: viaggio, vitto, alloggio

Il rimborso delle le spese di trasferta sostenute dai dipendenti , collaboratori CO.CO.CO,  tirocinanti e amministratori della societa (senza partita IVA) sono deducibili dal reddito d’impresa e ai fini IRAP  secondo specifiche modalità, diverse a seconda del sistema di rimborso adottato .
In caso di di rimborsi analitici, ossia con documentazione dettagliata da parte del dipendente,  le spese di vitto e alloggio sono ammesse in deduzione
  • per un ammontare non superiore ad euro 180,76 giornaliero per le trasferte effettuate fuori dal territorio comunale.
  • Salgono a euro 258,23 per le trasferte all'estero.
Inoltre, se il dipendente è stato autorizzato ad utilizzare un autoveicolo di sua proprietà ovvero noleggiato, la spesa deducibile è limitata, rispettivamente, al costo di percorrenza o alle tariffe di noleggio relative ad autoveicoli di
potenza non superiore a 17 cavalli fiscali, ovvero 20 se con motore diesel.
Per i rimborsi forfettari, invece, non sono previsti limiti massimi di deducibilità in capo all’impresa.
Tali costi vanno imputati in Conto Economico alla Vvoce B7 Costi per servizi
Sa ricordare che queste spese sono deducibili solo se inerenti l’attività lavorativa e in presenza di un incarico di trasferta nel quale siano dettagliati i luoghi e i tempi di tale attività.
Il riferimento normativo è l'art. 95 del TUIR (DLgs n. 917/1996).

In tema di lavoro dipendente ti potrebbero interessare i nostri ebook in pdf e fogli di calcolo.
Oppure  il volume Formulario completo del lavoro  di M. Marrucci (libro di carta - Maggioli editore 850 formule - 600 pagine)




Prodotti per Lavoro Dipendente, Redditi di impresa

16,25 € + IVA
14,90 € + IVA
 
4,90 € + IVA

Commenti

Sono un consulente con partita IVA, in perenne trasferta, è possibile forfetizzare spese di vitto?

Commento di Harold Cozine (15:05 del 15/07/2015)

Per un consulente con partita Iva i rimborsi possono essere forfettari se concordati con il cliente, ma in questo caso sono considerati reddito a tutti gli effetti e potrà portare in detrazione le spese sostenute.

Risposta di Luigia Lumia (22:36 del 15/07/2015) al commento di Harold Cozine

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)