HOME

/

DIRITTO

/

UNIONI CIVILI E CONVIVENZE DI FATTO

/

NUCLEO FAMILIARE 2021: DA CHI È COMPOSTO ?

Nucleo familiare 2021: da chi è composto ?

Nucleo familiare: cosa si intende secondo la normativa in vigore; le differenze con lo stato di famiglia La definizione ai fini ISEE e degli assegni familiari

Il  nucleo familiare  è  comunemente considerato un sinonimo di "famiglia" e indica un insieme di persone che condividono  il domicilio o la residenza  solitamente legate da vincoli affettivi o di parentela e che condividono le risorse economiche.

Questa visione non è sempre  esatta dal punto di vista del diritto civile e infatti il concetto di nucleo familiare puo avere significati diversi a seconda della legge che si applica Per questo si usa dire nucleo familiare ai fini ISEE o ai fini dell’assegno familiare.  I componenti possono essere diversi e tali  differenze  sono molto rilevanti nella pratica.

Vedi ad esempio Cosa si intende per nucleo familiare ai fini del bonus vacanze?

Nucleo familiare  e Stato  di famiglia 

Il nucleo familiare  può non  corrispondere alla famiglia anagrafica , che  è l’insieme di persone che convivono, legate da un vincolo di matrimonio, di parentela, di affinità, di tutela o affettivo. Nello "Stato di famiglia" il certificato  rilasciato dall’Anagrafe  del Comune, compaiono i componenti della famiglia anagrafica.

Se non esiste nessuno dei vincoli sopra elencati  ad esempio nel caso di coinquilini per motivi di lavoro che  condividono le spese di affitto,  i soggetti possono avere  diversi  stati di famiglia  che fanno capo  allo stesso indirizzo. E’ necessario dichiararlo al proprio Comune .

Di norma, i soggetti che  rientrano nel nucleo familiare sono 

  • le persone presenti nello stato di famiglia anagrafico (art. 3 c. 1 DPCM 159/2013);
  • il coniuge non legalmente separato, anche se non risulta nello stato di famiglia perché, ad esempio, ha una diversa residenza (art. 3 c. 2 DPCM 159/2013);
  • i figli minori d’età (rientrano nel nucleo del genitore con cui convivono; art. 3 c. 4 DPCM cit.);
  • i figli maggiori d’età, anche non conviventi, se sono a carico, non coniugati e senza prole (art. 3 c. 5 DPCM cit.);
  • le persone (art. 433 c.c.) che ricevono assegni alimentari, non risultanti da provvedimenti dell’autorità giudiziaria, dalla persona di cui sono a carico (art. 12 c. 2 lett. d, TUIR).

Sul concetto di  familiari a carico  vale la pena ricordare che  che 

  • Sono considerati familiari fiscalmente a carico i membri della famiglia che nel 2020 hanno posseduto un reddito complessivo uguale o inferiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili. 
  • Sono considerati fiscalmente a carico i figli di età non superiore a 24 anni che nel 2020 hanno posseduto un reddito complessivo uguale o inferiore a 4.000 euro, al lordo degli oneri deducibili.

Sul tema leggi  anche:  "Quali sono familiari fiscalmente a carico 2021"

Il nucleo familiare  ai fini Isee

L’ISEE sta per Indicatore di Situazione Economica Equivalente ed è uno strumento istituito  per  confrontare  la situazione economica delle famiglie. Certifica un valore   calcolato sulla base di molti indicatori: reddito, patrimonio, componenti della famiglia, eventuali disabilità, ecc. Viene certificato dall'INPS   sulla base di una dichiarazione la DSU relativa agli aspetti sopracitati  effettuata dal capofamiglia a nome degli altri componenti .

Al disotto di determinate soglie, la certificazione ISEE  garantisce ai nuclei più svantaggiati l'accesso ad agevolazioni nei servizi sanitari e sociali   Il nucleo familiare Isee  puo non coincidere con il nucleo della famiglia anagrafica.

L’articolo 3, comma 1, D.P.C.M. 159/2013 (Riforma ISEE) fissa la regola generale secondo la quale il nucleo familiare del richiedente è costituito dai soggetti componenti la famiglia anagrafica  di tutela, di adozione o affettivo, ndr) alla data di presentazione della DSU.

Nucleo familiare: le regole sui coniugi 

  • I coniugi che hanno la stessa residenza, anche se a carico IRPEF di altre persone, fanno sempre parte dello  stesso nucleo familiare in quanto nei loro confronti si applica esclusivamente il criterio anagrafico.
  • I coniugi che hanno residenze diverse fanno parte del medesimo nucleo familiare ma devono scegliere di comune accordo a quale dei due stati di famiglia bisogna fare riferimento, ossia qual è la residenza familiare.
  • Le regole dei coniugi, ai sensi della normativa vigente, si applicano anche alle parti dell’unione civile tra   persone dello stesso sesso.
  •  il coniuge residente all’estero è attratto nel nucleo familiare del coniuge residente in Italia  solo se iscritto all’anagrafe dei cittadini italiani residenti all’estero (AIRE).

Figli minorenni e minori affidati

  • Il figlio minore di anni 18 fa sempre parte del nucleo familiare del genitore con il quale convive, anche se a  carico IRPEF di altre persone (ad esempio dell’altro genitore).
  • Nel caso in cui il figlio minorenne non sia residente con nessuno dei due genitori ma, ad esempio, con i nonni,l’INPS, nella FAQ 31 del 6/9/2016, ha precisato che se la famiglia anagrafica è composta esclusivamente  dai nonni con la presenza di nipoti minorenni, in  assenza di provvedimento di affido i minori sono attratti nel nucleo familiare dei genitori 
  •  il minore in affidamento preadottivo fa parte del nucleo familiare dell’affidatario, anche se risulta nella famiglia anagrafica del genitore. Il minore in affidamento temporaneo è considerato nucleo a sé stante, fatta salva la facoltà del genitore affidatario di considerarlo parte del proprio nucleo familiare. Il minore in affidamento e collocato presso una comunità è considerato nucleo familiare a sé stante.
  • Nel caso di figlio minorenne coniugato si applicano le regole dei coniugi 

Figli maggiorenni conviventi e non conviventi

  • fanno parte del nucleo familiare del genitore i figli maggiorenni che convivono , oppure  anche se non conviventi con i genitori, ma  a loro carico ai fini  IRPEF  non conoiugati e senza  figli.
  • Il figlio maggiorenne coniugato e/o con figli, infatti, anche se a carico IRPEF di altre persone, fa nucleo a sé,
  • Naturalmente il figlio maggiorenne non convivente con i genitori e non risultante a loro carico fa nucleo a sé.

Caso particolare Nucleo ristretto 

Il nucleo ristretto del modello ISEE è determinato dai seguenti componenti del nucleo familiare:

  1. beneficiario della prestazione richiesta;
  2. eventuale coniuge;
  3. eventuali figli minorenni (il minore in affidamento preadottivo si considera equiparato al figlio minorenne dell’affidatario);
  4. eventuali figli maggiorenni solo se a carico ai fini IRPEF e se non coniugati e/o senza figli.

Il reddito da prendere in considerazione per determinare se il figlio maggiorenne sia a carico o meno dei genitori è quello relativo all’anno di riferimento dei redditi riportati nella DSU.

Le novità della legge sul reddito di Cittadinanza:

A partire  dal 29 gennaio 2019, ai fini del reddito di cittadinanza e delle altre prestazioni agevolate:

  1. i coniugi fanno parte dello stesso nucleo familiare anche a seguito di separazione o divorzio, se continuino a risiedere nella stessa abitazione. 
  2. il figlio maggiorenne che non abita con i genitori fa ugualmente parte del nucleo familiare se di età inferiore a 26 anni, è a loro carico a fini Irpef, non è coniugato e non ha prole.

Nucleo familiare   ai fini degli assegni familiari e ANF 

Secondo quanto chiarito dall’INPS, il nucleo familiare ai fini dell’attribuzione degli ANF (assegni per il nucleo familiare) è  composto, oltre che dal  richiedente lavoratore o titolare della pensione, da: 

  • coniuge non legalmente ed effettivamente separato, anche se non convivente, o che non abbia abbandonato la famiglia (gli stranieri poligami nel loro paese possono includere nel proprio nucleo familiare solo una moglie);
  • i figli ed equiparati di età inferiore a 18 anni, conviventi o meno;
  • i figli ed equiparati maggiorenni inabili, purché non coniugati, previa autorizzazione (Sono considerati inabili i soggetti che, per difetto fisico o mentale, si trovano nell’assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi a proficuo lavoro);
  • i figli ed equiparati, studenti o apprendisti, di età superiore ai 18 anni compiuti ed inferiore ai 21 anni compiuti, purché facenti parte di "nuclei numerosi", ovvero di nuclei familiari con almeno 4 figli tutti di età inferiore ai 26 anni, previa autorizzazione;
  • i fratelli, le sorelle del richiedente e i nipoti (collaterali o in linea retta non a carico dell'ascendente), minori o maggiorenni inabili, solo nel caso in cui essi sono orfani di entrambi i genitori, non abbiano conseguito il diritto alla pensione ai superstiti e non siano coniugati, previa autorizzazione.

Segui il nostro Dossier gratuito ISEE Indicatore della situazione economica equivalente .

Per approfondire ti può interessare  il pratico e-book "ISEE 2021 oltre 130 risposte a quesiti con normativa e modulistica"  di A. Donati (pdf -98 pagine)

Tag: UNIONI CIVILI E CONVIVENZE DI FATTO UNIONI CIVILI E CONVIVENZE DI FATTO ISEE - INDICATORE SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE ISEE - INDICATORE SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

UNIONI CIVILI E CONVIVENZE DI FATTO · 16/04/2021 Nucleo familiare 2021: da chi è composto ?

Nucleo familiare: cosa si intende secondo la normativa in vigore; le differenze con lo stato di famiglia La definizione ai fini ISEE e degli assegni familiari

Nucleo familiare 2021: da chi è composto ?

Nucleo familiare: cosa si intende secondo la normativa in vigore; le differenze con lo stato di famiglia La definizione ai fini ISEE e degli assegni familiari

Unioni di fatto: convivente superstite e diritto di abitazione

Il convivente di fatto superstite ha diritto di continuare ad abitare nella casa di proprietà del defunto, per 2 anni o per un periodo pari alla convivenza se superiore, e comunque non oltre 5 anni

Dichiarazioni dei redditi 2018: chiarimenti sulle unioni civili

Unioni civili e convivenze di fatto: come incidono nella dichiarazione dei redditi 2018

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.