Speciale Pubblicato il 06/04/2005

Le imposte differite e anticipate nel bilancio di esercizio al 31 dicembre 2004

di Rag. Lumia Luigia

L'eliminazione delle interferenze fiscali dal bilancio di esercizio, prevista obbligatoriamente per i rendiconti chiusi al 31 Dicembre 2004, evidenzia in modo particolare la netta separazione tra risultato civilistico (ante imposte) ed imponibile fiscale.

Il bilancio di esercizio deve essere redatto unicamente sulla base della normativa civilistica in vigore, integrata e meglio specificata dai Principi Contabili.

Si ricorda, per sottolineare l'importanza di questa disciplina, che la norma sui criteri di valutazione (art. 2426 del Codice Civile) riguarda indistintamente tutti i soggetti, tenuti o meno alla redazione del bilancio di esercizio secondo lo schema civilistico.

Il risultato algebrico (utile o perdita) che ne risulta sarà pertanto ben diverso dal reddito sul quale verranno calcolate le imposte dell'esercizio.
Per passare dal reddito di bilancio al reddito fiscale è necessario apportare al primo una serie di variazioni (in aumento o in diminuzione) prescritte appositamente dal Testo Unico delle Imposte sui Redditi, nella versione aggiornata dal Decreto legislativo n. 344 del 2004 in vigore dal 1° Gennaio dell'anno scorso.

Di recente pubblicazione ti segnaliamo l'eBook "Chiusura dei conti e redazione del Bilancio 2018" aggiornato al 28 gennaio con i principi contabili OIC 28 “Patrimonio Netto” e OIC 32 “Strumenti finanziari derivati”.

Inoltre ti potrebbe interessare Bilancio Europeo GB Entry - Software - e il Pacchetto Dichiarativi 2019 una raccolta completa di 7 Tools in excel utili per la compilazione delle Dichiarazioni dei redditi 2019 + word raccolta dati IVA ad un prezzo speciale!

La classificazione delle differenze

Le differenze tra risultato di bilancio e reddito imponibile ai fini fiscali sono classificate in due categorie:

- Differenze permanenti
si tratta di ricavi fiscalmente non imponibili o costi (in tutto o in parte) indeducibili.
Ne sono esempi:

I costi del tutto indeducibili perché privi del generale requisito dell'inerenza rispetto all'attività svolta;

Le spese di rappresentanza in eccesso rispetto alla parte deducibile (quindi la quota dei 2/3);

Le spese per oneri di utilità sociale eccedenti i limiti di legge.

La permanenza di queste differenze va intesa nel senso della loro "definitività": il costo sarà indeducibile una volta per tutte oppure il ricavo dovrà considerarsi una volta per tutte intassabile.

- Differenze temporanee
La definizione di queste si può ricavare dal Principio Contabile Nazionale n. 25 (Il trattamento contabile delle imposte sul reddito).

Si tratta di ricavi e costi o di parte di essi che concorrono a formare il reddito fiscale in un periodo di imposta diverso da quello nel quale concorrono a formare il reddito civilistico.
La mancata coincidenza tra competenza e deducibilità/tassabilità del componente di reddito determina, come conseguenza, una divergenza temporale tra norme civilistiche e fiscali.
In tale evenienza la temporaneità di queste differenze sta a significare che esse nascono in un esercizio per poi annullarsi (si dice "riversarsi") nel corso degli esercizi successivi.

Le differenze temporanee possono essere tassabili o deducibili.

Le differenze temporanee tassabili determinano un aumento del reddito imponibile negli esercizi futuri "in contropartita" ad una riduzione del reddito imponibile presente: viene differito l'effetto numerario (il pagamento delle imposte) a fronte di un beneficio attuale.
Il reddito imponibile ai fini fiscali è minore del risultato di bilancio ante imposte e pertanto le imposte da versare sono inferiori a quelle di competenza.

Le differenze temporanee differite sono all'origine di passività per imposte differite, cioè per imposte che pur essendo di competenza dell'esercizio si renderanno esigibili in esercizi futuri.
Le differenze temporanee di questo tipo possono derivare, ad esempio, da:

- Ammortamenti anticipati (art. 102 co. 3 Tuir);
- Plusvalenze rateizzate relative a beni posseduti da più di tre anni (art. 86 co. 4 Tuir).

Le differenze temporanee deducibili, all'opposto, determineranno una minore tassazione futura a fronte di un aumento dell'imponibile attuale con conseguente - anticipazione - di imposta.
Le imposte esigibili, in questo caso sono maggiori di quelle di competenza in quanto il reddito ai fini fiscali supera quello civilistico. L'aspetto numerario (il pagamento delle imposte) viene cioè anticipato mentre la competenza sarà dei prossimi esercizi rispetto a quello in chiusura.
Le differenze temporanee deducibili producono attività per imposte anticipate, per imposte che pur essendo di competenza di esercizi futuri sono esigibili con riferimento all'esercizio in corso.

Le differenze temporanee di questo tipo possono derivare, ad esempio, da:

- Compensi deliberati ma non ancora corrisposti agli amministratori: la deducibilità di tali somme è ammessa fiscalmente solo nell'esercizio di effettivo pagamento. Si verifica dunque un anticipo di tassazione con conseguente insorgenza di imposte anticipate.
- Sostenimento di spese di rappresentanza: la parte deducibile di 1/3 per la frazione rinviata ai 4 esercizi successivi (5 in totale art. 108 co. 2 Tuir) dà origine ad una differenza temporanea deducibile.
- Spese di manutenzione eccedenti il 5%: la parte che supera tale soglia è deducibile per quote costanti fino ad un massimo di 5. L'ammontare rinviato agli esercizi successivi determina una differenza temporanea deducibile.

Perché si deve calcolare la fiscalità differita

Il rispetto dei principi di competenza e di rappresentazione veritiera e corretta della situazione economico-patrimoniale implica che il trattamento delle imposte sul reddito sia lo stesso di quello dei costi sostenuti dall'impresa nella produzione del reddito.
Tali imposte, dunque, saranno contabilizzate nello stesso esercizio in cui sono stati contabilizzati i costi e i ricavi cui le stesse fanno riferimento, indipendentemente dalla data del versamento.
Il calcolo delle imposte di competenza richiede la quantificazione delle imposte differite e anticipate: le prime, infatti, integrano le imposte correnti mentre le seconde ne costituiscono una rettifica.

Imposte correnti, differite e anticipate

Le imposte correnti sono quelle determinate in sede di redazione della dichiarazione dei redditi annuale. Rappresentano l'effettivo debito tributario da esporre nel bilancio di esercizio dato che rappresentano debiti di natura certa per i quali non sono ancora scaduti i termini di pagamento.
Il carico fiscale di competenza, come detto, deriva dalla somma di imposte correnti, differite ed anticipate (queste ultime prese con segno negativo).
Per quanto riguarda le imposte differite ed anticipate, sulla base delle indicazioni contenute nel Principio contabile n. 25, l'iscrizione nel bilancio richiede una preventiva valutazione da parte del redattore dato che:

- la passività per imposte differite deve essere iscritta a bilancio qualora si sia ragionevolmente certi dell'insorgenza del debito;
- le attività derivanti da imposte anticipate non possono essere rilevate (per rispetto al principio della prudenza) se non vi è la ragionevole certezza dell'esistenza negli esercizi in cui si riverseranno le differenze temporanee deducibili, che hanno portato all'iscrizione delle imposte anticipate, di un reddito imponibile non inferiore all'ammontare delle differenze che si andranno ad annullare.
In presenza di tali condizioni la rilevazione è obbligatoria.

Si ricorda che ai fini IRAP le differenze temporanee su cui calcolare le imposte differite/anticipate sono diverse da quelle IRES visto che le discipline sono specifiche per le due imposte: bisognerà dunque effettuare calcoli separati ai fini IRES e ai fini IRAP.
Le imposte differite e anticipate vengono calcolate applicando l'aliquota IRES e IRAP vigente al momento della rilevazione. In caso di variazione di aliquote dovranno essere apportate le variazioni necessarie sui crediti e debiti calcolati.
Ricordiamo infine che il PC n. 25 ha proposto un prospetto di riconciliazione tra onere fiscale da bilancio e onere fiscale teorico che si può utilizzare sia ai fini IRES che ai fini IRAP.

Le rilevazioni contabili e la collocazione nel bilancio di esercizio

Per effetto della Riforma del diritto societario la voce E. 22 di Conto Economico è stata esplicitata in Imposte sul reddito dell'esercizio, correnti, differite ed anticipate.

Per quanto riguarda la tassazione anticipata la voce C. II dell'attivo dello Stato Patrimoniale prevede, come sottovoce, il numero 4-ter dedicato proprio alle Imposte anticipate.
Sempre nello Stato patrimoniale, nel passivo alla voce B. 2 viene ora precisato che si tratta di Fondi per imposte anche differite.

Le rilevazioni contabili relative alla fiscalità differite sono le seguenti:

a) Le imposte differite determinano l'insorgenza di una passività da iscrivere nel Fondo per imposte differite:

IMPOSTE DIFFERITE (CE E. 22 b) a FONDO PER IMPOSTE DIFFERITE (SP B. 2)

b) Nel momento in cui la fiscalità differita viene riassorbita la rilevazione sarà opposta alla precedente:

FONDO PER IMPOSTE DIFFERITE (SP B. 2) a IMPOSTE DIFFERITE (CE E. 22 b)

Le rilevazioni contabili relative alla fiscalità anticipata sono le seguenti:

a) Le imposte anticipate determinano l'insorgenza di una attività da iscrivere nell'attivo circolante voce C. II. 4 ter. Si segnala che non si tratta di un vero e proprio credito verso l'Erario bensì di un minor onere futuro:

ATTIVITA’ PER IMP. ANTICIPATE (SP C. II. 4) a IMPOSTE ANTICIPATE (CE 22. b)

b) nell'esercizio in cui la differenza temporanea verrà riassorbita le relative imposte diventeranno di competenza e dunque contabilizzate in dare:

IMPOSTE ANTICIPATE (CE 22. b) a ATTIVITA' PER IMP. ANTICIPATE (SP C. II. 4)

Informazioni in Nota Integrativa

Come previsto dall'art. 2427 n. 14 del Codice Civile la Nota integrativa deve essere provvista di un apposito prospetto dove si devono riportare:

- la descrizione delle differenze temporanee che hanno comportato la rilevazione di imposte differite e anticipate, con l'indicazione dell'aliquota applicata, le variazioni rispetto all'esercizio precedente, gli importi accreditati o addebitati a Conto Economico oppure a Patrimonio Netto, le voci escluse dal calcolo e le relative motivazioni;

- l'ammontare delle imposte anticipate contabilizzato in bilancio per perdite dell'esercizio o di esercizi precedenti e le motivazioni dell'iscrizione, l'ammontare non ancora contabilizzato e le motivazioni della mancata iscrizione.
A tal proposito l'Organismo italiano di Contabilità OIC 1 ha fornito uno schema di riferimento per la redazione di questo prospetto.



Prodotti per Il bilancio d'esercizio 2019, Varie

58,00 € + IVA
29,00 € + IVA
 
15,50 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)